Tempo di rinnovi, ma per Asta niente di nuovo

Tempo di rinnovi, ma per Asta niente di nuovo

di Ivana Crocifisso

Contratto sì, contratto no. Solitamente è marzo il mese in cui si comincia, a livello di Settore giovanile, a parlare in modo più concreto della stagione che verrà. Ci si accorda, si firma. Fra 50 giorni circa, giorno più giorno meno, scadrà il contratto che lega Antonino Asta al Toro. Sì, perchè se così non è per Comi e Benedetti,…

di Ivana Crocifisso

Contratto sì, contratto no. Solitamente è marzo il mese in cui si comincia, a livello di Settore giovanile, a parlare in modo più concreto della stagione che verrà. Ci si accorda, si firma. Fra 50 giorni circa, giorno più giorno meno, scadrà il contratto che lega Antonino Asta al Toro. Sì, perchè se così non è per Comi e Benedetti, per Moreno Longo e Roberto Fogli (che hanno firmato un biennale lo scorso anno), Asta non sa invece al momento quale sarà il suo futuro. La voce che vorrebbe Moreno Longo prossimo allenatore della Primavera sembrerebbe far pensare che dopo anni di collaborazione il rapporto tra uno dei capitani più amati della recente storia del Toro e la società granata stia per finire.

Che Antonino Asta voglia mettersi in gioco e accettare una panchina diversa, magari quella di una Prima squadra? Niente di più inesatto. L’intenzione, ferma e netta, è quella di continuare ancora con il Toro. Con la Primavera. Lo aveva detto subito dopo il fischio finale di Torino-Empoli, la voglia c’è, “voglio continuare con questi ragazzi, con la Primavera, sono pronto per un altro biennio, di quello dei ’93 e ’94”. Più chiaro di così, non si può. L’ennesima dichiarazione d’amore, nonostante tutto. A meno che, però, non sia la società a spingerlo tra le braccia di un’altra. “Ovviamente  se non firmo dovrò cercare qualcosa di diverso”, ma lo dice serenamente, senza polemica, forse perchè i segnali che arrivano da Comi e dallo staff lo rendono tranquillo.  Impensabile che si aspetti il risultato di domani con l’Inter, visto il miracolo che ha visto questi ragazzi arrivare alla fase finale. Come altrettanto impensabile è il fatto che il tecnico non conosca ancora il destino che lo aspetta.

Il primo pensiero è l’incontro con i nerazzurri, questo è chiaro. Ma terminato il week-end, e al di là del risultato, Asta vorrà sicuramente dei chiarimenti. “Spero di saperne di più il prima possibile, aspetto, ma vorrei che da lunedì ci si sedesse e si ragionasse. Longo al mio posto? Non so perchè sia venuto fuori il nome di Moreno, ma sono sereno”.

 

(foto M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy