Torino Primavera, Bava: “Partita ciccata, non possiamo essere questi”

Torino Primavera, Bava: “Partita ciccata, non possiamo essere questi”

Le parole / Il Responsabile del Settore Giovanile granata al termine dell’incontro della Primavera: “Dobbiamo rialzarci subito”

1 Commento

Al termine della sfida tra Torino ed Atalanta valida per la seconda giornata del campionato Primavera ha parlato – ai microfoni di Torino Channel – anche Massimo Bava, responsabile del Settore Giovanile granata, che ha così voluto tracciare un quadro della situazione: “Ringraziamo tutti i tifosi che sono venuti qui. Mi dispiace perché abbiamo ciccato completamente la partita. Dopo i primi venti minuti discreti, poi non ci abbiamo capito più nulla. La squadra non è quella vista oggi, ma dobbiamo impegnarci e mettere il cuore Toro. Noi in casa dobbiamo onorare la nostra maglia. La Primavera del Torino è seguitissima dai tifosi e dobbiamo onorare la maglia. Oggi sono basito e preoccupato, dobbiamo rialzarci subito. Non siamo dei fenomeni ma nemmeno scarsi. Dobbiamo lavorare e migliorare. E farlo in fretta.”

“Il campionato è ben di altro livello. Solitamente, con i tre gironi, sapevi di avere sette-otto squadre inferiori. Dobbiamo fare bene: nessuno vuole retrocedere. Quindi ci vogliono risultati in termini di punti e in termini di giocatori. Ho detto ai ragazzi che se sono questi non vanno da nessuna parte. La gioia più grande è vedere ragazzi come Edera, Bonifazi e Barreca che tornano a casa e possono giocare in Serie A. Sapete che tutti gli anni siamo costretti a cambiare molto: io sono ottimista e vedrete che, col lavoro, le cose cambieranno.”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 1 settimana fa

    Non dimentichiamo mai però che sono dei ragazzi e giocare al Fila, davanti a 2500 persone ti mette sicuramente grande pressione addosso: si abitueranno anche a questo ma rompere il ghiaccio della prima partita non era facile.
    Forza, che le potenzialità ci sono e il supporto dei tifosi anche: giocare al Fila deve diventare un arma in più, non una fonte di pressione che fa tremar le gambe e questo sta al mister e alla società trasmetterlo ai ragazzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy