Calciomercato, il Torino scommette: Kone e Munari riscattati dal Bassano

Calciomercato, il Torino scommette: Kone e Munari riscattati dal Bassano

Giovanili / Munari si aggregherà alla Primavera di Coppitelli, da valutare invece Kone che potrebbe partire inizialmente con la Berretti

di Redazione Toro News

Arrivano le prime conferme tra le giovanili granata: Davide Munari e Odjoubie Hamed Kone sono stati riscattati dal Bassano. Una bella notizia per tutto il movimento calcistico giovanile granata con i due giocatori che, dopo un anno ricco di soddisfazioni, hanno convinto il responsabile Massimo Bava e tutta la dirigenza a puntare su di loro a titolo definitivo.

MUNARI – Ma facciamo un passo indietro. Il classe 2000 Davide Munari era approdato sotto la Mole nel gennaio 2017, con la formula del prestito biennale con diritto di riscatto. Dopo una buona stagione con la Berretti, protrattasi sino alla finale poi persa 6-2 contro il Sassuolo, il prossimo anno si apriranno le porte della Primavera per il giovane centrocampista. Già quest’anno Federico Coppitelli lo aveva fatto esordire nella sua squadra, il 27 gennaio scorso in un match casalingo contro l’Atalanta, lanciando un segnale importante in ottica futura e facendo capire che la sua duttilità in mediana sarebbe potuta tornare utile la prossima stagione.

KONE – Destino simile anche per Odjoubie Hamed Kone. Il classe 2001 è approdato in granata nell’estate 2017: un prestito con diritto di riscatto che è stato esercitato dal Torino dopo le ottime prestazioni del ragazzo tra le fila dell’Under 17 di Sesia. A differenza di Munari, Kone è un vero e proprio jolly offensivo che ha dimostrato di saper rendere al meglio delle sue possibilità nel ruolo di esterno d’attacco. Per lui la prossima stagione si prospetta molto simile a quella vissuta quest’anno dal compagno di squadra: potrebbe partire inizialmente con la Berretti per poi, all’occorrenza, iniziare ad “assaggiare” la Primavera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy