Torino, Longo presenta la stagione: ”Sarà una Primavera umile e volenterosa”

Torino, Longo presenta la stagione: ”Sarà una Primavera umile e volenterosa”

In ritiro / Il tecnico dei campioni d’Italia: ”Con Ventura un rapporto costruttivo. Umiltà e basso profilo non debbono sminuire le nostre consapevolezze: sappiamo di aver fatto qualcosa di importante. Tutti dovrebbero essere orgogliosi di questo Toro”

La Primavera di Moreno Longo è già tornata al lavoro in vista della nuova stagione, l’allenatore dei campioni d’Italia è pronto ad una nuova avventura: con lo scudetto sul petto, con i medesimi obiettivi, con l’adrenalina in corpo necessaria per confrontarsi con i migliori club d’Europa nella Youth League: ”Aver conquistato lo scudetto da allenatore, con il club nel quale sono cresciuto, è qualcosa di speciale – racconta l’allenatore attraverso i canali ufficiali del club – É motivo di grande orgoglio. Ho passato una vita in granata e questa vita continua. Tutti i tifosi dovrebbero essere orgogliosi di questo Toro”.

Un giovane Toro, certamente responsabilizzato dal successo appena ottenuto: ”Andare in campo con il tricolore addosso ti dà qualcosa in più sotto il profilo della consapevolezza. Ovviamente aumentano anche le aspettative e davanti a noi troveremo avversari pronti a giocare ogni volta come fosse l’ultima partita della vita. É normale, d’altronde saremo la squadra da battere. Ma in Italia e in Europa, questo scudetto dovrà darci una spinta in più e non diventare un fardello da trascinarsi dietro. Sarà una Primavera umile, pronta a migliorare sempre”. 

Un Toro fiero, umile e consapevole, questa la ricetta per la nuova stagione: ”Incontreremo tante difficoltà e il gruppo dovrà restare unito per superarle tutti assieme. Attraverso il lavoro sul campo, la disponibilità reciproca, l’orgoglio e a voglia di non mollare mai. Questo è e dovrà essere il nostro DNA” 

Fierezza granata e quel rapporto speciale con Ventura: ”Sono fiero del rapporto che mi lega al tecnico Ventura. Sono stato un suo calciatore, nel Cagliari, e da lui ho imparato molte cose. Ci confrontiamo spesso e abbiamo un rapporto direi molto costruttivo. Ogni settima aggrega alcuni ragazzi delle giovanili agli allenamenti della Prima squadra. Questa collaborazione continua favorisce il senso di appartenenza”. 

Infine, l’invito ai tifosi: ”Sono certo che anche quest’anno non mancherà il loro speciale apporto. Saranno con noi anche quando giocheremo la Supercoppa italiana e le partite di Youth League. All’Olimpico avremo un sostegno incredibile. Anche di questo dobbiamo andare fieri”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy