Torino: settimo colpo per la Primavera, gli Allievi si rilanciano

Torino: settimo colpo per la Primavera, gli Allievi si rilanciano

Sette vittorie consecutive: questo è il bottino più che invidiabile di Moreno Longo (qui la sua intervista post-partita) e della sua Primavera del Torino, che sabato a Siena si è portata a quota 40 punti, mantenendo ancora una volta la porta inviolata (solo 9 goal al passivo per i granata in tutto…

Sette vittorie consecutive: questo è il bottino più che invidiabile di Moreno Longo (qui la sua intervista post-partita) e della sua Primavera del Torino, che sabato a Siena si è portata a quota 40 punti, mantenendo ancora una volta la porta inviolata (solo 9 goal al passivo per i granata in tutto il torneo!) e superando i bianconeri di Toscana per 2-0, grazie alle reti di Rosso e Barreca.

 

E pensare che era iniziata non nel migliore dei modi, con un rigore assegnato nei primissimi minuti ai granata calciato debolmente da Capitan Emanuele Gatto, facilmente intercettato dal portiere dei toscani. Poi, nella ripresa, è stato Simone Rosso, talento del ’95 solitamente aggregato alla Berretti, a sbloccare il risultato, rilanciando i granata verso il raddoppio, giunto poco dopo con un altro ’95, il terzino Antonio Barreca. Prova di grande personalità per i giovani granata, su un campo comunque non facile, con un indiavolato Emmanuel Gyasi, il migliore fra i suoi, ed uno sfortunato Willyan Barbosa, espulso nel finale per proteste, dopo aver subito un brutto fallo, non sanzionato, che ne ha causato la rottura del labbro.

Peccato per il brasiliano, perché domenica prossima, come saprete, a Venaria arriva la Juventus per il derby, ed il talento granata, già nel mirino di alcune big del calibro del Barcelona, non potrà essere della partita, mentre Longo potrebbe recuperare un altro dei suoi più grandi talenti, Vittorio Parigini, che lavorerà sodo in settimana per non perdersi questa sfida, che, a questo punto, si rivela fondamentale non soltanto per il morale, ma anche per la classifica.

Il tabellone, infatti, vede il Torino al terzo posto con 40 punti, apparentemente fuori dalla final eight Scudetto, ma con ben due partite in meno rispetto alla Fiorentina, seconda con un solo punto di vantaggio. Entrambe hanno rosicchiato qualcosina proprio alla Juventus, fermata sabato in casa dal Genoa per 2-1, che di punti ne ha 44, ma ha giocato una partita in più rispetto ai granata. Scontato dire, a questo punto, che la chance di portarsi a -1 è assai più che ghiotta, e, benché si tratti di una sfida che non necessita di alcuna ulteriore motivazione, i ragazzi di Longo potrebbero veramente puntare al colpaccio.

 

BERRETTI – Rimpianti per la Berretti (’95), che ha offerto una prestazione piuttosto opaca sabato nella gara casalinga con la Pro Patria. I lombardi, dopo aver a più riprese impensierito i ragazzi di Fioratti (qui la sua intervista post-partita), passano con un rigore nei minuti finali e si portano a casa i tre punti, ininfluenti per la propria classifica ma pesanti per quella dei granata, ora tallonati dalla Cremonese, che li segue ad una sola lunghezza di distanza, dopo aver travolto in casa il Cuneo per 3-0. 

Ora, complice il turno di riposo, Fioratti avrà a disposizione due settimane di tempo per preparare la prossima sfida, proprio contro il Cuneo, a Venaria, il prossimo sabato 16 marzo.

 

ALLIEVI NAZIONALI – Tornano al successo gli Allievi Nazionali (’96), che passano per 2-1 a Bogliasco contro la Sampdoria, grazie alle reti di Fabio Mazzafera e Giacomo Magnone. Partita combattuta, ma tre punti fondamentali per continuare a credere nei playoff Scudetto per i ragazzi di Roberto Fogli. L’impresa non si preannuncia semplice, considerati i tanti punti persi per strada, ma è doveroso continuare a crederci, magari confermandosi domenica prossima in casa contro uno Spezia decimo in classifica e senza molto da chiedere a questo campionato.

 

GIOVANISSIMI NAZIONALI – Più fatica del previsto per i Giovanissimi Nazionali (’98), che passano in casa 1-0 contro un roccioso Pavia: non la ‘solita’ goleada (all’andata terminò 4-0), bensì un match combattuto fino all’ultimo con l’esterno Federico Giraudo che la sblocca di testa al 29′ del primo tempo. E’ proprio il talentino biondo il migliore dei suoi, alla pari con il fantasista Kader Kouakou, e con l’estremo difensore Tommaso Cucchietti, insolitamente chiamato in causa più del previsto. 

Giovedì i ragazzi partiranno per Pescara, dove affronteranno le migliori formazioni italiane della categoria Giovanissimi per la fase a gironi della Manchester United Nike Cup, il prestigioso trofeo di categoria, le cui fasi finali svolgono direttamente nel Regno Unito: sarà importante fare bene, e siamo sicuri che Mister Menghini abbia già caricato adeguatamente i propri ragazzi, veri mattatori del proprio campionato.

 

Diego Fornero

(foto Vittoria Capirossi)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy