Trofei e giocatori di prospettiva: così la gestione Cairo ha rilanciato il vivaio granata

Trofei e giocatori di prospettiva: così la gestione Cairo ha rilanciato il vivaio granata

L’Editoriale / Il successo in Coppa Italia della Primavera è solo l’ultimo tassello: la cantera del Toro è tornata ai fasti di un tempo

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Il Torino torna sulle copertine del calcio giovanile che conta. Il trionfo di San Siro in Coppa Italia è il quarto sigillo che va ad arricchire l’albo d’oro dell’era Cairo, e quando c’è questa continuità non può mai essere un caso. Il capolavoro firmato dalla Primavera di Coppitelli contro il Milan è solo l’ultimo tassello di un mosaico che lentamente, ma con cura, il Toro di Cairo ha cercato di ricostruire negli ultimi 13 anni, partendo dalle ceneri del fallimento. Prima Comi e poi l’attuale responsabile Massimo Bava hanno riportato le giovanili del Torino vicine ai fasti degli anni ’80 e 90’. Ecco dunque il titolo Berretti nel 2014, e a seguire lo scudetto e la Supercoppa Primavera del 2015, fino al successo di ieri sera. Nel mezzo, altre tre finali nazionali perse – due per la Berretti e l’altra per la Primavera di Longo. Titoli che aiutano a ricordare qual è la dimensione del vivaio granata, il più titolato e vincente in Italia.

LEGGI: Cairo: “Investiamo nelle giovanili”

E i risultati cominciano a vedersi anche in termini di produzione dei giocatori, il vero fine ultimo di un settore giovanile. In giro nel calcio professionistico ci sono quasi trenta calciatori tenuti sotto controllo, e ad oggi il Torino ha tre giocatori provenienti dalla cantera stabilmente in prima squadra: Barreca, Bonifazi ed Edera, e il giovanissimo Buongiorno più volte aggregato e già esordiente in Serie A. Si può migliorare? Certo, si può sempre. Ma è impossibile non riconoscere che negli ultimi anni l’evoluzione ci sia stata, e sia stata importante. E i meriti vanno dati prima di tutto a chi sta al vertice della piramide. Se al presidente granata si possono obiettare risultati sportivi della prima squadra non del tutto soddisfacenti, a livello di giovanili non si può che fare i complimenti per quanto costruito in questi anni.

milantoro_primavera_30

La Primavera che ha vinto l’ottava Coppa Italia è di grande valore e forse si tratta della più forte di questi ultimi anni. Tanti i giocatori con un potenziale futuro tra i professionisti, e perché no, magari anche in prima squadra: a partire da Buongiorno, già esordiente e prodotto della scuola calcio, fino ai più volte convocati da Mazzarri Coppola e Butic. Ma anche Oukhadda, D’Alena Ferigra e i prodotti della scuola calcio Fiordaliso e Gilli. E che dire, poi, della banda dei 2000? La squadra di Coppitelli è tra le più giovani della categoria: giocatori come Millico, Rauti (anche questi due fin da bambini nella cantera granata), De Angelis, Kone hanno già dimostrato di saper essere decisivi a ottimi livelli. Adopo, l’ultimo arrivato, ha tutta l’aria di essere un colpo azzeccatissimo.

Adesso, però, la società è chiamata ad un ulteriore passo avanti. Investimenti e programmazione devono evolversi ancora, sull’onda dei risultati e dei successi. Il Toro in questi anni ha sfornato tanti calciatori da Lega Pro e Serie B, ora deve fare uno step ulteriore, producendo più giocatori di Serie A. A partire da quelli di questa Primavera. E’ il prossimo step da fissare: a vedere come sono stati superati quelli precedenti, si può attendere con fiducia.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13685686 - 4 mesi fa

    Ma non scrivete idiozie Cairo spende molto meno di Percassi dell’Atalanta che ha di gran lunga meno disponibilità economica del nano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. al_aksa_831 - 4 mesi fa

      Non vedevano l’ora di glorificare il nano.
      La verità è che negli ultimi anni si sono scelti allenatori dotati che fanno rendere i ragazzi al 200%.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. toroxsempre - 4 mesi fa

    Ma come fate a parlare di 7-8 prospetti da serie A solo per aver vinto una coppa Italia . Il calcio dei grandi è un altro mondo e qualcuno di questi farebbe fatica in serie D . Sono d’accordo con la risposta su Coppola . Tra tutti i nomi fatti è quello meno pronto per i grandi . Fa fatica Cucchietti in serie C che vale due volte Coppola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13746076 - 4 mesi fa

    Complimenti a Coppitelli sopratutto e poi indubbiamente Bava e Benedetti. Speriamo di vedere qualcuno di questi giovani in prima squadra un giorno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. luna - 4 mesi fa

    Complimenti ai giovani granata, a tutti i tecnici, dirigenti, addetti ai lavori e anche alle famiglie dei ragazzi.
    Un obiettivo prestigioso difficile da raggiungere, bravissimi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13787154 - 4 mesi fa

    Coppola non direi proprio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Michele Nicastri - 4 mesi fa

    Questa primavera è quella con più prospetti con potenziale da serie A: Coppola, Gilli, Fiordaliso, Buongiorno, Ferigra, Millico, Borello, Butic. Forse Rauti. Vedo un po’meno i centrocampisti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. magnetic00 - 4 mesi fa

      A me piace molto Adopo a centrocampo, deve ancora un po’ sgrezzarsi ma ha potenziale di crescita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toro71 - 4 mesi fa

    E poi qualche tifoso ha pure il coraggio di lamentarsi di Cairo….è facile salire sul carro dei vincitori quando si vince…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 4 mesi fa

      Aspiri al suicidio? Dire quì una cosa del genere? Ora ti massacrano!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. magnetic00 - 4 mesi fa

        possono massacrare quanto vogliono, ma dopo la serata di ieri i criticoni devono solo essere zittiti. Dimenticavo un piccolissimo particolare…….andare a vincere la coppa a casa dei ladroni del milan è di una goduria straripante!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy