Valerio Mantovani: guidare la Primavera, nella settimana più importante

Valerio Mantovani: guidare la Primavera, nella settimana più importante

Figurine / Il capitano romano della squadra di Longo compie oggi 20 anni. C’è un finale di stagione da giocarsi al meglio, prima di pensare al futuro

Mantovani, Primavera, Supercoppa

Valerio Mantovani, il capitano del Torino Primavera, compie oggi 20 anni. Definito dal direttore Massimo Bava in passato come “una delle scommesse più belle vinte da quando sono al Torino”, il difensore centrale di Cinecittà ha fatto davvero passi da gigante da quando, nell’estate del 2013, arrivò al Torino dopo essere stato scartato dalla Roma. Nel 2014 ha vinto lo Scudetto Berretti, nel 2015 poi è arrivata l’affermazione più bella, il tricolore con la Primavera vinto da protagonista, visto che pur partendo in sordina Mantovani ha saputo imporsi e diventare un titolare fisso della squadra di Longo.

Dopo il successo in finale contro la Lazio, il ritiro pre-campionato vissuto interamente col Torino di Ventura, che ha restituito a Longo un capitano e un leader vero, perno assolutamente insostituibile della squadra che a novembre ha arricchiato il palmarès con la Supercoppa Primavera – alzata al cielo proprio da lui – e che sabato prossimo si giocherà la qualificazione alle Final Eight Primavera 2016 nello scontro diretto contro la Virtus Entella. Valerio Mantovani compie 20 anni oggi, sapendo che la considerazione nei suoi confronti del Torino è alta. A giugno arriverà il primo contratto da professionista col Torino, seguito dal prestito in Serie B o Lega Pro. Prima, però, c’è un finale di stagione che potrebbe vedere la Primavera granata scrivere un’altra pagina di storia. E la settimana che inizia oggi, quella che porterà al confronto con l’Entella, è la più importante della stagione: a Valerio Mantovani il compito di guidare la squadra, da capitan vero.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy