Aldo Grasso: “Più porte aperte al Fila. Speriamo in Mazzarri dopo i danni di Miha…”

Aldo Grasso: “Più porte aperte al Fila. Speriamo in Mazzarri dopo i danni di Miha…”

Esclusiva TN / Il professore: “Bisogna investire su degli esterni importanti. Bene il lavoro che si sta facendo con le giovanili”

di Marco De Rito, @marcoderito

Nel periodo di mezzo tra una stagione e l’altra è tempo di bilanci e aspettative in casa Torino. A tal proposito, nell’ormai consueto appuntamento domenicale, il protagonista di oggi è Aldo Grasso. Grande tifoso granata, critico televisivo, giornalista e professore universitario italiano presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Il critico televisivo imputa gli errori maggiori del campionato concluso a Sinisa Mihajlovic ma ha un, cauto, ottimismo per il futuro, con Walter Mazzarri alla guida. Unica nota a quest’ultimo sono i pochi allenamenti a porte aperte, tema molto caro ai tifosi granata. Grasso ha dato ai nostri microfoni un parere sul Torino che è stato e su quello che verrà, passando per il calciomercato. Ecco le sue parole:

Aldo Grasso, come giudica la stagione passata del Torino?

“Mihajlovic ha distrutto la squadra, come avevo previsto. Era giusto ambire all’Europa League ma le sue scelte scriteriate non ci hanno permesso di lottare sino in fondo. Sto parlando sia dal punto di vista del gioco, che era disastroso, ma anche per quanto riguarda il mercato. Abbiamo ceduto una delle mezzali più promettenti del calcio italiano (Benassi, ndr) per delle operazioni in entrata che poi non hanno reso come ci si aspettava. Con Mazzarri si è già vista una squadra più compatta, adesso speriamo bene per il futuro” . 

Mattia Feltri: “Stagione negativa ma sono ottimista. L’esonero di Miha? Lo dissi a Cairo…”

Cosa si dovrà cambiare nella sessione di mercato per dare una rosa adeguata al gioco che ha in mente Walter Mazzarri? 

“Per adattare la squadra al calcio di Mazzarri è importante investire su degli esterni importanti. Sono loro il fulcro del gioco dell’allenatore ex Napoli e Inter. Il ritorno di Bruno Peres l’avrei visto di buon occhio, anche se sembra che adesso sia saltato tutto. Da noi ha fatto bene, era più propenso all’attacco che alla difesa ma penso sarebbe stato un profilo giusto, che avrebbe dato una spinta in più alla squadra. Ma fatemi dire una cosa… “

Dica pure. 

“Sono contento che il prossimo anno giocheremo finalmente con una difesa forte e giovane. Il rientro di Lyanco e la conferma di Bonifazi sarebbero due ottime notizie. Ai due, poi, sarebbe da aggiungere un colpo in entrata” 

Piero Chiambretti: “Non per forza vince chi spende. Belotti? Spero resti, se ha voglia…”

Da quello che dice, la strada maestra del Torino dovrebbe essere investire su giocatori di prospettiva, piuttosto che su calciatori costosi e già affermati? 

“Secondo me sì. Il Toro non deve cercare di acquistare grandi nomi in fase di mercato, spendendo tanto. Alla fine questi giocatori spesso e volentieri, deludono le aspettative. Bisogna cercare di farseli in casa i campioni. Investire sui giovani deve essere il paradigma: questa è sempre stata la tradizione del club granata. La direzione intrapresa della società negli ultimi anni mi sembra quella giusta. La Primavera ha ottenuto ottimi risultati e il rinnovo di Federico Coppitelli penso sia, per il momento, la notizia più bella dell’estate. Insieme ad un’altra…”. 

Ormezzano sulla stagione del Toro: “Per descriverla bastano tre righe. E le lascerei vuote…”

Quale? 

“Anche se centra marginalmente con il Torino, la promozione del Frosinone. Moreno Longo ha fatto un lavoro fantastico e ha dimostrato di essere un ottimo allenatore dopo i risultati ottenuti con la Primavera granata. Bene così”.

Berruto: “Il Fila deve trasmettere l’identità granata, che manca ai giocatori”

Quella passata, è stata anche la stagione del ritorno del Torino al Filadelfia… 

“Io credo che il Fila abbia aiutato i giocatori a capire cosa voglia effettivamente dire indossare la maglia granata. Dentro a quelle mura si respira un’aria molto particolare, è la storia del Toro. Unico appunto, è che bisognerebbe fare più allenamenti a porte aperte. Credo servirebbe anche alla squadra un maggior contatto con i tifosi. Io capisco che magari un allenatore voglia poter rimproverare e alzare la voce con i propri giocatori lontano da occhi indiscreti, farlo davanti al pubblico sarebbe diverso. In questo caso però viene a mancare l’atmosfera e il calore dei tifosi che è sempre stato un elemento che ha contraddistinto la piazza granata”.

Marco Berry promuove il Toro: “Stagione da 6.5. E Mazzarri sarà decisivo”

Un’ultima domanda. Dopo l’ultima stagione deludente crede che Belotti debba restare e possa ancora dare tanto al Toro?  

“Belotti secondo me deve restare, assolutamente. L’anno scorso non ha reso quanto ci si aspettava anche perché il gioco non lo favoriva. Lui ha bisogno di due esterni a supporto che gli servano gli assist per andare in gol. La squadra l’anno scorso non era impostata così e lui ne ha sofferto. Adesso con il nuovo corso di Mazzarri spero cambino molte cose e che anche il Gallo venga esaltato”. 

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 5 mesi fa

    ultimamamente il padrone del torino fc ha attivato e innescato tutte le sue primarie bocche da fuoco,gramellini ,giordano(vergognoso),feltri,aldo grasso,timossi,tutti a far scudo,tutti ad esaltare determinate cose,tutti a sorvolare sulle reali mancanze.
    nel mentre,Marengo mette in chiaro alcune faccende scomode.
    dire che il tutto mi puzza,e’ poco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 5 mesi fa

    Sicuramente Mihajlovic ha fatto disastri.
    Ma Mihajlovic è stato scelto dalla società quindi non capisco come si possa pensare che criticare il serbo equivalga a scagionare Cairo e Petrachi.

    I due amici valutando il curriculum di Mihajlovic potevano avere qualche dubbio e sopratutto dovevano esonerarlo dopo Firenze.
    E invece…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 5 mesi fa

      Ma Petrachi nn sceglie niente é solo un tirapiedi.
      Fa solo operazioni minori senza portafoglio, le decisioni le prende solo Cairetto. Il lavoro grosso che fa Petrachi cercare di piazzare i bidoni che fa comprare a poco nelle sezioni precedenti di mercato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giankjc - 5 mesi fa

    Il controllo della comunicazione è una brutta faccenda.
    Quando non ti pagherà più ascolterò persino l’opinione degli zerbini come te.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. alexku65 - 5 mesi fa

    Una altra voce allineata…meno male che c’è questo gotha di personaggi illustri e saggi che non perde occasione di confermare che spendere è una attività da stupidi che fanno solo gli stupidi. Noi siamo proprio una altra cosa……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 5 mesi fa

    Beh che sinisa abbia fatto danni non c’è dubbio, ma lo stesso Gallo con lo stesso allenatore ha fatto un botto di goals l’anno prima eh.
    Comunque non saranno certo le porte aperte a far vincere il toro. Ne tanto meno ad aumentare gli abbonamenti.
    Gli acquisti latitano.
    Sicuramente se la società faceva uno sforzetto in più tra dicembre e gennaio (caccia Miha prendi un vice Gallo) a quest’ora magari saremmo in Europa league e magari sarebbe più facile convincere qualche giocatore decente a giocare con noi.
    Invece ci toccano le scommesse, i giovani mai sentiti e i ripieghi dell’ultimo minuto su gente che è buona per non retrocedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13939623 - 5 mesi fa

    Il serbo ha sbagliato tutto un vero incompetente ma oggi la dirigenza non dimostra di essere in grado di dare una svolta.
    Quarto allenatore più pagato della serie A!!!
    Grazie al serbo abbiamo speso male e ceduto ancor peggio! Oggi la società sembra abbia paura di sbagliate spendendo.
    Siamo messi male…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 5 mesi fa

      Si un vero e proprio demone del male questo serbo….e noi povere anime candide abituate a caviale e champagne

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. LucioR - 5 mesi fa

    Sara colpa di Sinisa anche che siamo a cinque giorni dal raduno e non abbiamo ancora preso alcun rinforzo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LucioR - 5 mesi fa

    Sinisa capro espiatorio unico. La società non sbaglia mai… Giornalista dove? Corriere della Sera? Ah capito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. GlennGould - 5 mesi fa

    Fossimo negli anni 90 scriverei di opinione democristiani. In realtà, sono dichiarazioni che in qualche modo assomigliano ad altre dichiarazioni rilasciate in
    questo periodo da personaggi in vista che tifano toro. Personaggi che, a differenza di chi scrive sui forum, non possono esporsi eccessivamente, che come noi sono in un limbo e, aspettando di capire il seguito di questo disastroso primo mese emmezzo di mercato, temporeggiano con parole che , a ben vedere, dicono tutto e niente. L’unico punto per cui Grasso si è sbilanciato è stato il commento su di una persona che non fa più parte della società, commento che quindi non sposta gli equilibri di un centimetro.
    Ad oggi, primo luglio, non una foglia si muove ed il clima inizia ad arroventarsi.
    E non per il caldo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paoloferrari3_741 - 5 mesi fa

      Certo, uno che scrive sul Corriere della Sera è difficile che vada contro il capo , potrebbe starsene zitto però.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. paoloferrari3_741 - 5 mesi fa

    Quest’ altro lecchino del Cav. di calcio capisce niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 5 mesi fa

      Infatti. Belotti ha bisogno di 2 esterni x i cross; proprio il gioco di Mazzarri. Ma sta gente prima di dare aria alla bocca innesta il cervello?
      Danni di Simisa? Ma che ora gli danno anche la colpa per la stagione finita male? Ma um po di onestà farebbe bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. rogozin - 5 mesi fa

      Un’opinione che vale certamente quanto la sua, che tra l’altro non ha espresso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy