Cairo: ‘Se andiamo in A confermerò tutti’

Cairo: ‘Se andiamo in A confermerò tutti’

Non c’è dubbio, è lui il mattatore di questo Toro, i giovanissimi tifosi lo invocano come un idolo e quasi non si accorgono dei giocatori, i più anziani lo ringraziano perché si fa vedere ovunque e non manca di stare vicino non solo alla squadra, ma soprattutto alla gente.

Presidente, l’abbiamo vista intrattenersi molto con Rosina alla fine del primo tempo, cosa…

Non c’è dubbio, è lui il mattatore di questo Toro, i giovanissimi tifosi lo invocano come un idolo e quasi non si accorgono dei giocatori, i più anziani lo ringraziano perché si fa vedere ovunque e non manca di stare vicino non solo alla squadra, ma soprattutto alla gente.

Presidente, l’abbiamo vista intrattenersi molto con Rosina alla fine del primo tempo, cosa vi siete detti?

“Nulla di particolare, per ribadirgli innanzitutto che lo considero tanto. Lui ha dimostrato di essere in ottima forma quando ha giocato nella ripresa. E’ un giocatore che mi piace molto. Ha una grande voglia di fare, ottime qualità. Mi ha stupito Ungari com’è tornato in forma, gli ho visto fare cose meglio di prima. Sono contento per il suo ritorno. Ad ogni modo oggi mi sono piaciuti tutti”. (Dietro c’è proprio Rosina che sta facendo foto con alcuni tifosi, se ha sentito sarà ancora più motivato a fare meglio)

Qualche previsione per domenica?

“Nessuna, magari segnerà proprio Rosina”.

Qualcun altro nome che l’ha impressionata?

“Stellone ha dimostrato ancora una volta di essere un giocatore di grandissima qualità. Anche Orfei se l’è cavata bene”.

Tornando a Rosina, preferirebbe vederlo in Under 21 oppure che non sia convocato per averlo sempre a disposizione?

“Mi piacerebbe vederlo sempre con la maglia del Toro, ma se la Nazionale ce lo chiede lo vedo bene anche in azzurro”.

Nel caso ha già fatto richiesta per riaverlo in vista dei playoff?

“Non ho ancora fatto nessuna richiesta, vediamo prima che succede”.

Entrerà in politica?

“Assolutamente no, ho già tanto da fare con le mie imprese e adesso il Toro”.

Però è anche vero che qualche volta bisogna fare un po’ di “politica” nel calcio. Concorda?

“Sì, certo quel tipo di politica bisogna farla. Da parte mia cerco di avere buoni rapporti con le altre società, la nostra deve essere sempre una sana competizione”.

Ha preso atto delle parole di De Laurentis che vorrebbe il suo Napoli subito in A?

“Questa la sento adesso, non sempre leggo le notizie. Per me è più bello ottenere i risultati sul campo, giocare bene, vincere, avere una grande competitività. Questo è quello che mi piace del calcio”.

E’ vero che sarà ospite da Marzullo?

“Sì, ci andrò a maggio”.

Come commenta le battutine di De Biasi su Muzzi, fatte in settimana?

“Non c’è nessun problema: Muzzi adora De Biasi e De Biasi adora Muzzi. L’avete visto il bomber romano com’è subito corso ad abbracciare il mister quando ha segnato contro il Mantova, questa è la dimostrazione che vanno d’accordissimo. Ed io adoro entrambi. Però vi voglio dire una cosa…”

Prego Presidente.

“Se andremo più in alto, quella parola che non si può dire, voglio confermare tutti”.

Compreso chi è in comproprietà?

“Cercheremo di gestire anche queste situazioni, in modo da non dover andare alle buste. E’ chiaro che chi vuole andarsene non lo tratterremo, ma è mia intenzione tenere tutti, con qualche innesto necessario, certo. Sappiate che c’è la fila di gente che vuole venire al Toro, sia giocatori che dirigenti. Qualcuno che è ancora vincolato anche con altre squadre”.

Si avvicina il 4 maggio, come lo vivrà?

“Non ne vorrei parlare ora, ci tengo a vivere quel momento con tutta l’emozione che ne deriverà”.

Andrà alle manifestazioni in programma al Filadelfia?

“Se mi invitano perché no?”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy