Daniele Longo: ‘L’assenza di Cerci un vantaggio per il Parma’

Daniele Longo: ‘L’assenza di Cerci un vantaggio per il Parma’

In occasione del match di domani pomeriggio tra Parma e Torino al Tardini, in seguito all’intervista realizzata dagli amici di ParmaLive.com al nostro inviato Manolo Chirico, abbiamo contattato il gentile collega Daniele Longo che sarà presente…

In occasione del match di domani pomeriggio tra Parma e Torino al Tardini, in seguito all’intervista realizzata dagli amici di ParmaLive.com al nostro inviato Manolo Chirico, abbiamo contattato il gentile collega Daniele Longo che sarà presente alla partita.

Ciao Daniele, come arrivano i ducali a questa partita?
Sicuramente è un periodo difficile per la squadra, che non vince dal giorno dell’Epifania contro il Palermo; la mini crisi degli ultimi tempi ha minato la convinzione del gruppo che in molte gare non ha più mostrato lo spirito che lo ha contraddistinto nella prima parte di stagione. Credo che il fattore sia più che altro psicologico e che manchi un giocatore come Giovinco, o come Floccari, gente che l’anno scorso ha fatto la differenza risolvendo partite difficili con una giocata.

Cosa temi di più del Torino?
Il Toro è un’ottima squadra, molto solida: sicuramente l’assenza di Cerci sarà un vantaggio per i ducali, essendo un valore aggiunto per i granata e puntando molto Ventura sugli esterni. Poi temo l’organizzazione di gioco del Toro e Bianchi, uno che in una gara bloccata e tattica come potrebbe essere quella di domani può sbloccare tutto con un colpo di testa o una zampata.

Domani potrebbe esserci qualche sorpresa nella formazione del Parma?
Donadoni di solito dà poche indicazioni precise sulla formazione: penso comunque che Belfodil non giocherà dall’inizio, mentre è probabile il ritorno di Paletta a guidare la difesa. Sansone ha recuperato e forse giocherà in attacco dall’inizio al fianco di Amauri, mentre Belfodil con ogni probabilità non inizierà ed entrerà a gara in corso. Per quanto riguarda il modulo prevedo un 3-5-2 che può diventare un 4-3-3 con Biabiany spostato sulla linea delle punte

Infine secondo te chi saranno gli uomini decisivi da una parte e dall’altra?
In casa Parma dico Amauri, che nelle ultime settimane è tornato il combattente di sempre, rendendosi pericoloso contro Catania e Sampdoria. Importante nell’economia del gioco è anche Valdes, se lucido come nel girone d’andata.
Nel Toro invece dico Santana, che in contropiede può creare grattacapi ad una difesa forte fisicamente ma un po’ lenta.

Redazione TN

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy