Felisatti (Lo Spallino): “SPAL spregiudicata a Torino? Io non credo proprio…”

Felisatti (Lo Spallino): “SPAL spregiudicata a Torino? Io non credo proprio…”

Intervista / Il giornalista ferrarese ha parlato del match tra SPAL e Toro di domenica: “L’obiettivo principale sarà quello di non perdere”

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

In occasione di Torino-SPAL, prossimo incontro di campionato allo stadio Olimpico Grande Torino, abbiamo contattato Costantino Felisatti, giornalista de Lo Spallino per avere qualche opinione sulla squadra ferrarese e sulla sfida di domenica, che per la SPAL sarà uno scontro importante per la questione salvezza. Ecco le sue parole:

Ciao Costantino,

La SPAL è in piena corsa per la salvezza: a Torino sarà sicuramente una squadra spregiudicata.

Secondo me non sarà così. Le ultime partite della SPAL non hanno mostrato nulla di spregiudicato, anche contro il Benevento si è vinto 2-0 ma senza nulla di eccezionale. La squadra è scarica fisicamente, ma mentalmente sa che ogni punto è fondamentale. Magari la SPAL sarà più prudente, l’obiettivo principale sarà quello di non perdere. Vincere vorrebbe dire essere certi di rimanere in Serie A, ma bisogna anche pensare alla partita contro la Sampdoria che sarà altrettanto importante.

LEGGITorino, Edera tra la SPAL e il futuro: all’orizzonte rinnovo e permanenza

Dopo l’inizio difficile, immaginavate a Ferrara una rimonta di questo tipo?

Sinceramente c’era ottimismo dopo la doppia promozione. Sapevamo bene che il calendario sarebbe stato difficile all’inizio, avevamo pensato a qualche punto in più, ma tutte le big sono passate oltre ormai. Siamo tornati a sperare, in particolare dopo il mercato invernale, che è stata la svolta. Semplici, dopo le sconfitte contro le big, ha costruito una buona squadra anche con i puntelli del mercato. Credo che il Torino non abbia più molti obiettivi, quindi la SPAL potrebbe approfittarne: la stessa storia potrebbe ripetersi contro la Sampdoria la settimana prossima.”

Già all’andata la SPAL fece uno “scherzetto” al Toro, nonostante il doppio vantaggio granata: l’andata può aiutare psicologicamente i ragazzi di Semplici?

Sicuramente ha dato più consapevolezza di poter gestire uno svantaggio. Anche col Verona era andata allo stesso modo. La squadra sa che lottando può ribaltare un risultato negativo. Bisogna vedere se ci sono ancora energie però. La SPAL in svantaggio di due reti farebbe molta fatica, quindi sarebbe meglio che la SPAL non subisse gol per magari puntare ad un pareggio.

LEGGI – SPAL, quantità e qualità: con l’ex Toro Kurtic, Semplici ha assestato il centrocampo

Chi temi maggiormente tra i giocatori granata?

Dire Belotti sarebbe banale, anche perché ha avuto una stagione negativa. Sarebbe stato interessante vedere Bonifazi, perché in ottica mercato è sempre un nome che rimane caldo. Allora dico Ljajic, un cavallo pazzo, ma se lui si accende è un uomo che ha più qualità di quanta ne abbia tutta la SPAL messa insieme. Ma solo quando vuole, e voi a Torino lo sapete bene. E di certo, poi, non mi dimentico di Iago Falque, che è molto più concreto e all’andata – infatti – ci ha rifilato due gol in dieci minuti.

Un pronostico?

Ti dico X, perché il Torino non ha più tanto da chiedere al campionato al contrario della SPAL. Questo può appianare il gap tecnico evidente che c’è tra le due squadre.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy