Gene Gnocchi: “Parma sorprendente, ma Toro da Europa. E a 16 anni quel provino al Fila…”

Gene Gnocchi: “Parma sorprendente, ma Toro da Europa. E a 16 anni quel provino al Fila…”

Esclusiva / Il comico si diverte a raccontare il Torino e il suo Parma: “Gervinho ha i capelli finti, Meitè e Aina scommesse vinte. Jimmy Fontana mi faceva gli scherzi”

di Marco Parella

È uno dei pochi che riesce a fare bene due cose insieme: la carriera da comico parla per lui, ma ormai abbiamo imparato a conoscerlo anche come intenditore di calcio. Gene Gnocchi, parmense doc di Fidenza, ci dice la sua sui “suoi” gialloblu, sul Torino e svela un momento “slinding doors” che avrebbe potuto legarlo molto di più (e farcelo amare all’ennesima potenza) alla maglia granata.

Buongiorno Gene. Nonostante il triplo salto di categoria, il Parma sta facendo bene in Serie A, sei fiducioso?
Se pensiamo che solo tre anni fa il Parma era in Serie D, direi che si sta comportando bene, anche oltre le aspettative. Però non penso che sia al livello del Torino. C’è una forte identità parmigiana ora che i cinesi hanno mollato la prese e il rapporto con la città si è rinsaldato. La cordata di imprenditori che ora ne detiene la maggioranza ha nomi importanti, da Pizzarotti a Barilla. Se quest’ultimo avrà voglia di impegnarsi, potrà tranquillamente assicurare al Parma un futuro radioso.

Preoccupato dal Torino?
È una squadra costruita per puntare almeno all’Europa League e con qualche pari evitabile in meno e qualche punto in più dalle decisioni arbitrali, il Toro poteva essere più su in classifica. La difesa è forte, Sirigu una sicurezza e ci sono dei cambi all’altezza dei titolari, se pensiamo che a centrocampo sta fuori uno come Soriano. Lukic è un altro giocatore che a me piace molto e tornerà molto utile durante la stagione. Davanti ci si permette di tenere fuori un signor attaccante come Zaza. Il Torino poi ha azzeccato una serie di interrogativi: Meitè chi lo conosceva? Ora è un punto di forza. Ola Aina idem ed è uno bravo tecnicamente che ha gamba. Tutte scommesse vinte.

PARMA, ITALY - AUGUST 03: Head coach of Parma Pasquale Marino (C) and Gene Gnocchi attend the unveiling of their new kit on August 3, 2010 in Salsomaggiore near Parma, Italy. (Photo by Dino Panato/Getty Images)
PARMA, ITALY – AUGUST 03: Head coach of Parma Pasquale Marino (C) and Gene Gnocchi attend the unveiling of their new kit on August 3, 2010 in Salsomaggiore near Parma, Italy. (Photo by Dino Panato/Getty Images)

La scommessa vinta del Parma, invece, si chiama Gervinho…
Assolutamente sì, è il classico giocatore che ti fa simpatia con sti capelli finti (li mette solo per andare allo stadio, credo), ma nessuno pensava potesse offrire un rendimento del genere. Arrivava dalla Cina, si diceva che sarebbe venuto a svernare per gli ultimi anni di carriera. Invece si è messo a disposizione con umiltà e lo stesso D’Aversa, che conosco bene, è sorpreso che sia tornato il Gervinho che tutti ci ricordavamo.

Tu ti professasti, prima che milanista, “saviceviano”. Oggi c’è qualcuno in Serie A che ti esalata alla pari di Savicevic?
A quel livello no. Diciamo che seguo qualcuno: Correa della Lazio lo tengo d’occhio, idem Zajc del’Empoli. Qualcuno da valutare con attenzione c’è, ma Savicevic era un’altra cosa.

Gnocchi youtube

Qualche anno fa tu venisti anche ad allenarti con il Torino, cosa ti ricordi dei tuoi compagni per un giorno?
Sì, con Quelli che il calcio, venni l’anno in cui c’era Zaccheroni. C’erano Fiore e Rosina, ragazzi che conoscevo da quando erano al Parma e ci mettemmo a palleggiare, fu un bel pomeriggio in Sisport. Mi ricordo che c’era il portiere, Jimmy Fontana che voleva vedermi sotto la doccia e rimase stupito dalle mie misure (ride, ndr). Mi mise i boxer nel ventilatore, i soliti scherzi da caserma di Jimmy. Ma in realtà io rischiai davvero di giocare al Torino…

Quando?
A 16 anni feci due provini per il Toro, al Filadelfia. Andarono bene, ma poi il mio procuratore mi convinse che a livello economico era meglio per me andare all’Alessandria. Era il 72/73, ci allenavamo a Spinetta Marengo. Con me nei grigi giocava anche Salvadori, che poi vinse lo scudetto col Toro.

Tornando al presente, ci vogliamo lanciare in un pronostico per la partita di sabato pomeriggio?
Guardando all’andamento delle ultime partite, dico 3-1 per il Toro, però se fosse un pari, non mi dispiacerebbe affatto.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 settimana fa

    “Il mio procuratore mi convinse che era meglio per me andare all’Alessandria”. Vuol forse dire che i grigi offrivano per lui più dei granata? Gnocchi, come sempre, è in vena di scherzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Veyser - 2 settimane fa

    Personaggio di una cultura sopraffina, può piacere o no ma secondo me di livello superiore alla media…. A me piace moltissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. skrunk - 2 settimane fa

    Al di là del fatto che possa essere simpatico o meno come comico, di calcio se ne intende e difficilmente spara cazzate… a differenza dei presunti telecronisti, commentatori, opinionisti, ecc., di oggi… per il fatto che non abbia giocato nel Toro, da quel che ha detto, deve ringraziare quel genio del suo procuratore…
    A me come comico piaceva quando faceva “Mai dire goal” con Teocoli… quando Gnocchi interpretava l’ubriacone bergamasco Rubagotti… altri tempi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. tric - 2 settimane fa

    Il problema di Gene è che, diversamente da Crozza, non riesce proprio a farmi ridere. Sarà il ricordo della Parmalat?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 2 settimane fa

      Immagino che la sua mente raffinata abbia fatto l’associazione Gnocchi parmense/Parmalat; oltre a questo cosa hanno in comune i due soggetti? Comunque il suo commento è inutile e sgradevole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy