‘Il Toro? Non temiamo nessuno’.

‘Il Toro? Non temiamo nessuno’.

E’ stato uno dei migliori centrocampisti passati per il Toro negli ultimi anni, però all’ombra della Mole non tornerebbe, nè pare nutrire particolari rimpianti. Lo spezzino Simone Vergassola è stato una delle colonne del Toro di Giancarlo Camolese dal 2001 al 2004, quando lasciò la società a metà del campionato di serie B, totalizzando 76 presenze e cinque reti in tre stagioni due delle quali trascorse…

E’ stato uno dei migliori centrocampisti passati per il Toro negli ultimi anni, però all’ombra della Mole non tornerebbe, nè pare nutrire particolari rimpianti. Lo spezzino Simone Vergassola è stato una delle colonne del Toro di Giancarlo Camolese dal 2001 al 2004, quando lasciò la società a metà del campionato di serie B, totalizzando 76 presenze e cinque reti in tre stagioni due delle quali trascorse in serie A.

Vergassola, che ricordo ha della sua esperienza in granata ?
Conservo uno splendido ricordo del  primo anno e, nonostante la retrocessione, ho un buon ricordo anche della seconda stagione.
Le due squadre arrivano al match dopo due sconfitte, che partita sarà ?
Sì, veniamo entrambe da una sconfitta, la nostra immeritata perché comunque a Roma abbiamo disputato una buona gara e meritavamo almeno il pareggio. Sarà una partita difficile come lo sono tutte in serie A. Noi ce la metteremo tutta come sempre per conquistare i tre punti.
In questi casi solitamente prevale la logica del non farsi male, un pareggio
è così impossibile?

Non è vero che prevale "la logica del non farsi male", se finisce in pareggio è perché è quello il risultato maturato in campo.  Noi giochiamo sempre per far risultato e cercare la vittoria, poi può arrivare o no, ma il nostro intento è sempre quello.
Si aspettava di trovare un Torino in queste condizioni ?
Ha avuto qualche problema, ci può stare, il campionato di serie A è molto difficile.
C’è qualcuno dei granata da cui il Siena deve guardarsi maggiormente ?
Il Torino ha buoni giocatori, ma non credo che avremo un sorvegliato speciale, cercheremo di giocare con quelle che sono le nostre caratteristiche e con molta attenzione a tutti.
Qual è l’obiettivo più realistico per le due formazioni ?
Per noi l’obiettivo è quello che abbiamo dichiarato sin dall’inizio, raggiungere a salvezza il più presto possibile e credo sia un obiettivo realistico. Per il Torino non so, vedendo le cose dall’esterno è difficile dare un giudizio,  il campionato è ancora lungo.
Sente ancora qualche suo ex-compagno di squadra ?
Con qualcuno sono rimasto in buoni rapporti.
Considerato il momento che sta passando, non crede che al Toro manchi un giocatore con le sue caratteristiche in mezzo al campo ?
Non so, ripeto da fuori è difficile esprimere un giudizio.
Si trova a suo agio più come regista o come incursore ?
Come incursore e "rubapalloni".
Tornerebbe in granata ?
Credo proprio di no.

(Si ringrazia per la cortesia e la collaborazione la dottoressa M.Cecilia Tarabochia, responsabile Ufficio Stampa del Siena, che ha rivolto per Toronews le domande al giocatore).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy