Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

Esclusiva / Prima di Inter-Toro le passioni musicali e i valori umani di un doppio ex “heavy metal”: “Mi piace ancora Marilyn Manson come quando ero giovane. Ora alleno a Livorno con il mio amico Lucarelli, ma sogno una panchina con i ragazzini”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Ritorna l’appuntamento con la normalità. La normalità degli uomini che esistono dentro (e prima) che i calciatori diventino modelli irraggiungibili, esseri composti da triangolazioni tra social, Billionaire e riflettori.
Solo su queste pagine, infatti, capita che qualcuno come Alessandro Conticchio, cresciuto nell’Inter, diventato “Sindaco” a Lecce, passato al Toro lasciando il segno e “da grande” diventato collaboratore di Cristiano Lucarelli, racconti di concerti metal, di suore che lo sgridano, di rispetto per i tifosi e persino di un figlio di nome Tommaso da educare musicalmente (bene) e di un certo biondo Federico (male).
Roba da persona normale, in fondo. Finalmente.

 

Negli spogliatoi si mette sempre la musica latino-americana o da discoteca, perché è quella che piace un po’ a tutti. Io ho sempre ascoltato rock, metallo pesante, per cui diciamo che non le facevano mai scegliere a me le canzoni della playlist.

Sono partito dai Metallica, poi ho avuto il periodo del grunge con i Nirvana, gli Alice in Chains, i Pearl Jam. Sono curioso e vado a cercarmi anche i gruppi più estremi, tipo gli Slipknot. Il rock mi fa bene, mi carica o forse sono io che ho sempre avuto questa grinta dentro e in qualche modo devo sfogarla. Ogni tanto ne sento proprio il bisogno e devo buttarmi in qualche concerto heavy metal. Ci vado anche con la camicia adesso, non è un problema.  Ho sempre ascoltato questo tipo di musica, ma lo faccio magari a casa o mentre guido. Non voglio obbligare nessuno, però non mi ci vedo ad ascoltare Gianni Morandi…

Da giocatore sentivo tanto l’avvicinarsi delle partite. Iniziavo dal venerdì a concentrarmi sugli avversari, a visualizzare mentalmente le azioni. Mangiavo sempre le stesse cose, ripetevo i gesti fatti la settimana precedente, se avevano portato fortuna, per esempio allacciarsi le scarpe in un determinato modo. Non sono scaramantico, né uno esaurito o ossessionato. Era la mia routine. Mi caricavo durante tutta la settimana, ma la domenica era la quiete prima della tempesta: la sera prima telefonavo ai miei, poi staccavo il cellulare e non volevo più avere contatti con nessuno. Mi creavo la mia bolla per isolarmi completamente, non dovevano rompermi le scatole. Ora quasi tutti in spogliatoio chattano o giocano col telefonino fino all’ultimo, io invece prima di entrare in campo mi estraniavo con le cuffie e facevo partire i Guns N’ Roses o gli Ac/Dc.

Quand’ero a Lecce mi ero appassionato di Marilyn Manson. Avevo tirato dentro in questa passione anche il mio compagno Davide Balleri e passavamo ore in auto ad ascoltarci le canzoni dell’ultimo album (ancora oggi ogni tanto mi manda i testi dei pezzi che sta ascoltando). Un giorno Davide mi sfida: “Non ce l’hai il coraggio di metterti la t-shirt di Manson sotto la maglia e mostrarla a tutti se segni”. Figurati. Indossata subito e quel giorno ho anche fatto gol, per cui poi l’ho tenuta per mesi. Era l’anno in cui feci 4 gol in Serie A (stagione 200/’01, ndr) per cui quella maglietta diventò la mia esultanza. Dopo un po’ qualcuno iniziò a storcere il naso, mi arrivò addirittura una lettera da parte delle suore di un convento. Scrivevano che Marilyn Manson era l’anticristo, che era diseducativo, spingeva alla violenza. In quel periodo i giornali gli davano la colpa di tutto, anche di alcune sparatorie negli Usa. Cazzate. La prima volta che sono andato a vedere Marilyn Manson, a Roma, ero in compagnia della mia futura moglie e sua cugina ed è stato il concerto più tranquillo a cui sono stato. Ho rischiato di più la vita a quello di Vasco Rossi, volavano bottigliate!

3 Dec 2000: Alessandro Conticchio of Lecce is congratulated by his team-mates after scoring during the Serie A 9th Round match between Lecce and Fiorentina played at the Via Del Mare stadium, Lecce. DIGITAL IMAGE Mandatory Credit: Grazia Neri/ALLSPORT
3 Dec 2000: Alessandro Conticchio of Lecce is congratulated by his team-mates after scoring during the Serie A 9th Round match between Lecce and Fiorentina played at the Via Del Mare stadium, Lecce. DIGITAL IMAGE Mandatory Credit: Grazia Neri/ALLSPORT

Uno totalmente all’opposto a livello di approccio alla partita era Balzaretti. Federico rideva, sempre e comunque. Un giorno un nostro compagno appena arrivato lo vide così spensierato e giocoso anche durante il riscaldamento e gli urlò “adesso basta ridere, c’è la partita”. Lo fermai subito: “No, guarda, lascialo stare. Lui può scherzare quanto vuole, perché poi in campo corre per tre. È fatto così, preoccupati quando è serio”.
Dopo una sconfitta invece io pativo tanto. Non ce la facevo a uscire con la squadra dopo aver perso, ero troppo incazzato. Certo, può capitare di perdere contro una squadra più forte, Milan, Juve, Roma. Ma se avevamo perso per un episodio, un errore arbitrale o per aver commesso una leggerezza dopo una buona prestazione, ecco, in quei casi avevo un’incazzatura dentro… Le ho sempre vissute male le sconfitte, me ne andavo subito a casa, avevo bisogno di sbollire fino al giorno successivo.

Non concepisco chi invece si presenta in un locale e fa festa. È poco furbo da parte dei giocatori perché anche ai tifosi girano le palle se la squadra ha perso e se ti vedono così poi è normale che ti bersaglino. Fai passare almeno ventiquattr’ore e esci la sera dopo, cosa ti costa?. Molti miei colleghi non ci ragionano su questi piccoli dettagli, non hanno la sensibilità di capire la situazione. È una forma di rispetto verso i tuoi tifosi.

10 DEC 2000:Alessandro Conticchio of Lecce celebrating his goal in a SERIE A 10th Round League match between Milan and Lecce played at the Meazza San Siro Stadium, Milan, Italy. PANATO Dino / GRAZIA NERI DIGITAL CAMERA Mandatory Credit: GraziaNeri/ALLSPORT
10 DEC 2000:Alessandro Conticchio of Lecce celebrating his goal in a SERIE A 10th Round League match between Milan and Lecce played at the Meazza San Siro Stadium, Milan, Italy. PANATO Dino / GRAZIA NERI DIGITAL CAMERA Mandatory Credit: GraziaNeri/ALLSPORT

Da allenatore cerco di dare anche questo tipo di consigli ai calciatori, ma se nello spogliatoio hai la fortuna di avere due o tre “vecchi” non ce n’è nemmeno bisogno. L’input molte volte parte dal capitano o dai senatori che alla fine della partita si raccomandano: “Ragazzi stasera andiamo tutti a casa. Non vi fate vedere in giro, non è il caso”. Sono figure importanti perché, come dice sempre anche Cristiano (Lucarelli, ndr), noi allenatori in spogliatoio ci dobbiamo entrare poco, quello è territorio dei giocatori, tocca a loro crearsi un habitat su misura, tocca a loro sbrigarsela. Purtroppo di gente con determinati valori ce n’è sempre meno. Qui a Livorno c’è Mazzoni, il portiere, che pur non essendo capitano si fa rispettare. L’altro giorno un paio di giovani sono arrivati in ritardo all’allenamento e ho sentito che li ha subito rimessi in riga. Per fortuna c’è ancora qualcuno che si incavola su determinati comportamenti…

Con Cri ormai lavoriamo in simbiosi dal 2012, ma il nostro legame arriva da lontano. Precisamente dal fatto di avere le case al mare vicine. Io e lui abbiamo giocato insieme anche al Toro, ma comprammo quei due appartamenti in Sardegna già ai tempi del Lecce. Per cui negli anni successivi, pur giocando in squadre diverse, d’estate ci vedevamo sempre. Quando abbiamo appeso gli scarpini al chiodo, Cristiano mi chiamò con lui al Viareggio e da lì abbiamo fatto insieme la gavetta in C, facendo molto bene a Messina e poi a Catania e ora iniziamo questa esperienza in B. Dagli anni con la maglia giallorossa a oggi Cristiano è maturato tanto, si è appassionato al mestiere di allenatore ed è diventato molto più riflessivo, a differenza di quando giocava. Io invece ero già vecchio dentro a 20 anni per cui forse sono cambiato di meno.

l0_tml2870982401_214208632021_1492966425918958 v2

Sono contento di questa nuova vita (anche se ho dovuto rallentare un po’ con i concerti), ma una cosa la cambierei. Io non ho mai avuto in testa di diventare allenatore di prima squadra, ho sempre voluto lavorare con i giovani e lo voglio ancora. A Viterbo avevo iniziato così, poi mi spostarono nei senior, ma oggi mi piacerebbe molto provare un’esperienza in un settore giovanile importante. Non la Primavera, sono già troppo grandi e prime donne. Giovanissimi e Allievi, secondo me è quella la fascia d’età in cui un allenatore può davvero metterci del proprio e incidere. I ragazzi sono delle spugne, li vedi crescere giorno dopo giorno, ti ascoltano. Ci fosse in futuro un’occasione del genere non ci penserei due volte, ma non sono uno che va in giro a proporsi. In vita mia non ho mai chiesto nulla a nessuno, faccio fatica e forse sbaglio perché in questo mondo è importante sapersi vendere bene.

Ma per ora continuo a lavorare e ad ascoltare buona musica. Mio figlio Tommaso ha 12 anni ed è tutto intrippato con l’hip hop, la trap e quella roba lì, però quando parte “Back in black”, “The Unforgiven” o meglio ancora la versione di “Sweet Dreams” di Marilyn Manson vedo che apprezza anche lui. Per fortuna, la buona musica piace a entrambi.

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Ivan Franceschini: “È la sconfitta dei buoni”

LEGGI: Le Loro storie, Rachid Arma: “Noi figli non potremo mai fare abbastanza per i nostri genitori”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio poveri e onesti che alla Juve’”

LEGGI: Le Loro storie, Claudio De Sousa: “Mi ritirarono l’idoneità, ho pensato di aprire un MC Donald’s”

LEGGI: Le Loro storie, Migjen Basha: “Il Toro mi lasciò da solo a curarmi, ma quante risate con Glik e gli altri”

LEGGI: Le Loro storie, Antonio Nocerino: “Preso in giro da Ventura, volevo finire la carriera al Toro”

LEGGI: Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele abbiamo perso l'anima - 7 mesi fa

    Giocatore discreto per la B.
    Ma complimenti per i gusti musicali (Manson a parte )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GlennGould - 7 mesi fa

    Conticchio mi riporta ad un toro che, se paragonato a questo, davvero mi vengono i brividi. Mannaggia quanto eravamo scarsi, senza risorse (economiche) e senza futuro.
    Poi siamo falliti, poi è arrivato Cairo. Che non era capace a fare il presidente. Poi pian piano ha imparato, poi è arrivato Ventura, Cairo ha continuato ad imparare a velocità tripla. E siamo arrivati a oggi.
    Bignami degli ultimi 20 anni della nostra storia, ed un sincero saluto a Conticchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 7 mesi fa

      Non so se Cairo è migliorato dopo ventura … ha investito di più ma i risultati si sono stabilizzati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 7 mesi fa

    Che strana che e’ la memoria, lucarelli me lo ricordo bene, 55 presenze 10 goals, per la serie il gallo nell’anno peggiore della sua carriera con due infortuni ne ha fatti 10…
    Conticchio perche’ non me lo ricordo? Eppure 2002-2005, 95 presenze, 10 goals…
    Ah si, ultimi in classifica, poi serie B e fallimento..

    anni troppo buii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 7 mesi fa

      Lucarelli nessun infortunio degno di nota … 26 presenze e un goal a porta vuota….. paragonarlo a Belotti con quanto si sbatte per il campo il gallo è impossibile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kieft - 7 mesi fa

    Si ma il tuo amico Cristiano Lucarelli, costato 18,5 miliardi, al Torino giocava con una pancia che sembrava il gabibbo! Mentre andato a livorno si è messo a dieta e giocava a calcio… professionista del c….(Lucarelli)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 7 mesi fa

      Chi non condivide le mie parole non tifa toro, non ha sofferto a vedere un giocatore non fare nulla per tutto un campionato se non un goal a porta vuota, e poi dopo aver dissestato le finanze della società con una spesa di 18,5 miliardi vederlo andare a Livorno a metterci l’anima con una minusvalenze che ci ha portato al fallimento! Lucarelli è anche lui parte delle cause che ci hanno fatto fallire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13758358 - 7 mesi fa

    in quel TORO era sempre una dei migliori
    mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14003131 - 7 mesi fa

    Non ho molti ricordi di quel Toro e nemmeno di questo giocatore. Serio però a leggerlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy