Le Loro storie, Antonino Asta: “Sto facendo il giro largo per allenare in Serie A. Io non mi arrendo”

Le Loro storie, Antonino Asta: “Sto facendo il giro largo per allenare in Serie A. Io non mi arrendo”

Esclusiva / L’indimenticato capitano del Toro con una parentesi proprio a Napoli si sfoga: “Il mio destino è tortuoso. Al Toro ho ricevuto più affetto di quanto ho dato, è bellissimo”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Il cono d’ombra spaventa, perchè ti emargina dal tuo ambiente, dal tuo lavoro, dalla tua vita. È facilissimo entrarci, basta un po’ di sfortuna nei risultati o essere al posto sbagliato al momento sbagliato, ma è difficilissimo uscirne. Però c’è chi non si arrende: si chiama Antonino Asta e, dal profondo del cuore, ripercorre la sua lunga rincorsa alla Serie A. Da allenatore come da giocatore, lotta vera.

Io giro molto in questo periodo, vado a commentare le partite per la tv o semplicemente a vederle, studiare i sistemi di qualche collega, scoprire qualche giocatore giovane, incontrare persone. Devo farmi vedere, insomma, per non diventare invisibile.

Nella mia vita nessuno mi ha regalato nulla, le cose me le sono sempre conquistate da solo. Ci sono allenatori che escono dalle giovanili, fanno un anno in C e poi diretti in A o in B. Per me non sarà così, pazienza. Io rimango ambizioso anche se so che, dopo tre esoneri consecutivi, posso essere appetibile per società di Serie C, che in effetti è la categoria più alta dove ho allenato. Magari una squadra di B vuole cambiare ed è interessata a me, non metto limiti, ma sinceramente non mi aspetto più il grande progetto. Non ci credo più. E poi nel calcio di oggi, nonostante tutto quello che dicono presidenti, direttori sportivi e allenatori, la parola progetto non ha alcun significato. Il progetto non esiste nel calcio, a meno di mantenere una certa continuità. Altrimenti conta solo il risultato.

Il mio destino è quello di non seguire un percorso lineare, ma di dover prendere la via più lunga. Quando allenavo nelle giovanili del Toro auguravo a tutti i miei ragazzi di arrivare a giocare in Serie A, ma li ammonivo che “la strada non è uguale per tutti. Fate il giro largo, dicevo loro, fate il giro largo e chi ci crede davvero arriverà a destinazione”. A me è successo così da calciatore e mi sta succedendo ancora da tecnico.

Ho dovuto scalare tutte le categorie per arrivare in Serie A e ci sono arrivato tardi. I miei si trasferirono da Alcamo a Milano per lavoro e i primi tempi non fu semplice. Dovevo dare una mano in casa per cui iniziai a lavorare al bar di mio zio. Mi ero iscritto all’istituto alberghiero, ma le lezioni erano incompatibili con gli orari di un bar per cui avrei dovuto fare le scuole serali. Però di sera mi allenavo, impossibile fare entrambe le cose. Era Serie D, semi professionismo e ebbi l’opportunità di andare al Saronno. Mio zio, che era a tutti gli effetti il mio datore di lavoro, mi spronò a cogliere l’occasione e lascia il bar. Quello fu un momento chiave per la mia vita: con il Saronno vincemmo il campionato e andammo in C2. Probabilmente se non ci fosse stata quella promozione sarei rimasto a fare il barista con la massima aspirazione a giocare in D per portare a casa due soldini. Avevo il sogno di aprire un bar in centro a Milano.

Ho giocato e vinto in tutte le categorie. Gli osservatori venivano a vedermi e dicevano “si, è bravino, ma va bene per questo campionato e basta”. Sul momento io mi incazzavo, ma centravo sempre le promozioni per cui la stagione successiva comunque mi ritrovavo nella serie superiore. È stato bello farcela solo con le mie mani, è stato bello sorprendere tanti che non pensavano ce l’avrei fatta, ma non me lo dicevano in faccia.

asta

Dopo Saronno, Monza, poi il Toro e la consacrazione prima con Reja e poi con Mondonico. Ho sempre pensato che quello che ho dato io al Toro sia molto meno di quanto i tifosi mi abbiano amato e acclamato. Io non ho mai vinto nulla di importante, non sono andato in Champions. Sono stato fortunato a trovarmi in un posto in cui le mie qualità (uscire con la maglia sudata dopo aver dato tutto in campo) rispecchiavano quello che volevano i tifosi.

La strada da giocatore è stata piena di curve prima del premio e allo stesso modo ora sto facendo il giro largo per raggiungere la Serie A da allenatore. Ho iniziato con i ragazzini al Torino, poi la Primavera. Ho raggiunto buoni risultati e speravo di essere stato notato da qualche squadra di B, invece sono dovuto partire dal Monza nella vecchia C2. Ho fatto due campionati importanti, vincendone uno (poi sfumato per penalizzazioni riguardanti la vecchia società) e a quel punto pensavo davvero fosse il momento giusto. Invece vado al Bassano, sul campo vinciamo il campionato, ma a due giornate dal termine ci affibbiano i punti di penalizzazione che erano del Novara e poi perdiamo i playoff.

asta al filadelfia

Lì è cambiato il vento della mia carriera da allenatore. Venivo da tre annate importanti, avevo contatti con la B, ma alla fine torno in C con il Lecce e la mia strada da lunga, ma in discesa, si mette a salire. Esonerato dopo sei giornate in una situazione ambientale caotica. Ricomincio dal Feralpi Salò, realtà piccola, ma estremamente ambiziosa. L’obiettivo erano i playoff, noi eravamo pienamente in zona e vengo esonerato. Fu una grande delusione e tutt’ora mi chiedo il motivo. Mesi dopo riuscii a sentire il presidente che mi disse che aveva avuto paura di rivivere i fantasmi della stagione precedente (quando io non c’ero…) e che avrebbe voluto la squadra una o due posizioni più in alto. Allucinante, visto che in quel gruppo si cambiava posizione a ogni partita. Fu un fulmine a ciel sereno.

Tutto è diventato più difficile perché, senza sapere le situazioni, alla fine dei conti, io a quel punto arrivavo da due esperienze non positive. Ho aspettato un po’ e poi ecco il Teramo. Puntavamo a salvarci, eravamo tranquillamente in tabella di marcia e a gennaio arriva l’esonero. Mi richiamano per l’ultima giornata: “abbiamo sbagliato mister – mi supplicava il direttore sportivo -, ci devi salvare tu, torna per fare gli ultimi tre punti”. Non sono andato, rimettendoci anche tanti soldi. Io ho una dignità.

Asta, allenatore, Torino, Primavera
Antonino Asta ha allenato la Prmavera del Torino dal 2009 al 2012

Ora sono di nuovo in attesa. So che il mestiere dell’allenatore è fatto anche di questi momenti, ma intanto sono di nuovo fermo. Purtroppo nel calcio attuale non contano più nemmeno i risultati o gli obiettivi pattuiti a inizio stagione. Contano i rapporti, le sensazioni….
Aspetto una squadra e ci proverò ancora e ancora. E se alla fine il mio curriculum dirà che ho allenato soltanto in Serie C, sarà giusto così, ma non vorrà dire che non ci ho provato. Io non mi appago mai, io sono questo.

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Alex Manninger: “Finalmente sono libero dal calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Mirko Valdifiori: “Quella volta che io e Iago ci prendemmo a pugni (per finta)”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

LEGGI: Le Loro storie, Ivan Franceschini: “È la sconfitta dei buoni”

LEGGI: Le Loro storie, Rachid Arma: “Noi figli non potremo mai fare abbastanza per i nostri genitori”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio poveri e onesti che alla Juve’”

LEGGI: Le Loro storie, Claudio De Sousa: “Mi ritirarono l’idoneità, ho pensato di aprire un MC Donald’s”

LEGGI: Le Loro storie, Migjen Basha: “Il Toro mi lasciò da solo a curarmi, ma quante risate con Glik e gli altri”

LEGGI: Le Loro storie, Antonio Nocerino: “Preso in giro da Ventura, volevo finire la carriera al Toro”

LEGGI: Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. paulaner84 - 3 mesi fa

    Ogni tanto vado su youtube e mi riguardo il rigore che ti sei preso nel derby del 3-3. Come ti rialzi, incazzato come un Toro. Il giorno dopo ero andato a scuola con un maglietta bianca con scritto ASTA col pennarello. Sei stato il mio idolo in quelli anni bui, e lo sarai sempre! Forza ASTA, forza FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 3 mesi fa

    Antonino è stato un Grande, per spirito, cuore, impegno e dedizione alla causa granata ma lasciatemi menzionare e salutare con affetto Alvise Zago: vero astro nascente del Toro, purtroppo stroncato da un terribile infortunio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gior_425 - 3 mesi fa

    Grandissimo Antonino, e come recitava lo striscione “Non c’è bandiera senz’Asta”. Però come tu stesso dici nell’intervista “Sono stato fortunato a trovarmi in un posto in cui le mie qualità (uscire con la maglia sudata dopo aver dato tutto in campo) rispecchiavano quello che volevano i tifosi.” Adesso questo non basta più, adesso i nuovi “tifosi” vogliono il salto di qualità, vogliono vincere, provano una sorta di invidia/ammirazione per le merde strisciate di venaria…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 3 mesi fa

    Un grandissimo, c’e’ gente (miha, montella) che non sa manco di cosa Asta stia parlando, proprio perche’ sta facendo questo percorso difficile secondo me un giorno diventera’ un grande allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. tafazzi - 3 mesi fa

    Una delle poche luci in anni bui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Ad Antonino che colloco nella mia personale “bacheca” dei “Capitani coraggiosi” che hanno avuto l’onore e l’onere di “portare la fascia” auguro di trovare quanto prima una Società che creda nelle sue qualità anche morali da vero “Cuore Granata”FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14003131 - 3 mesi fa

    Caro Antonino, per noi del Toro non è mai facile. Ma appunto perché siamo del Toro non ci arrenderemo mai … auguri. FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Madama_granata - 3 mesi fa

    Se Asta avesse trovato “tutto facile” non avrebbe potuto, e non potrebbe essere sempre, un Uomo-Toro! Quelli del Toro, quelli veri, non le meteore di passaggio, non hanno mai trovato “tutto facile!
    Io ad Asta dico: è un destino, ma anche un vanto ed un onore!
    Saper lottare, sapersi sempre rialzare, tenere ben alta la testa, sfidare la sfortuna, subire le ingiustizie senza mai cedere…
    Ecco, questo è il destino del Toro e dei suoi uomini più rappresentativi, tra i quali annovero Antonino Asta!
    Vorrei modestamente ricordargli, quando le cose girano male ed è deluso, che molti suoi ex-colleghi e/o colleghi attuali più fortunati, farebbero “carte false” per poter dire: “in anni non troppo brillanti per Toro, IO HO FATTO ABBASSARE LA TESTA ALLA JUVE!”
    In bocca al lupo per la sua vita futura!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Kieft - 3 mesi fa

    Caro Antonino non sono d’accordo con te quando dici “basta crederci per arrivare”……secondo me nella carriera come nella vita la fortuna è indispensabile ….trovare qualcuno che crede in te oppure semplicemente qualcuno che ti vuole aiutare fa la differenza….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13758358 - 3 mesi fa

    grande antonino vero cuore Toro. ce la farai!!!!
    mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy