Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

Esclusiva / Il tanto discusso bomber di Toro e Chievo si sfoga: “Etichettato come testa calda, ho solo il difetto di dire le cose in faccia”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Quella maledetta serata che servì da alibi a tanti, una fascia consegnata contro il volere della tifoseria. Il rapporto tra David Di Michele e il Toro è stato vissuto tra reciproci sospetti e insinuazioni. Ma, come sempre, c’è tanto da scoprire oltre le prime pagine dei giornali. Il talentuoso attaccante che ormai studia da mister ha voluto condividere una parte importante della sua vita: rimpianti e orgoglio.

Dicevano che ero una testa calda. Dicevano che spaccavo lo spogliatoio. Dicevano che dove c’era caos, c’era Di Michele. Ho smesso di giocare da un paio d’anni ormai e il mio bilancio me lo sono fatto, le mie colpe me le sono prese. Tanti altri hanno le loro nei miei confronti, perché si fa presto a etichettare, ma certe cose le so soltanto io.

REGGIO CALABRIA, ITALY - JANUARY 14: David Di Michele of Reggina attends at press conference at Oreste Grinillo Stadium on January 14, 2013 in Reggio Calabria, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)
REGGIO CALABRIA, ITALY – JANUARY 14: David Di Michele of Reggina attends at press conference at Oreste Grinillo Stadium on January 14, 2013 in Reggio Calabria, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Quel comunicato letto in sala stampa dopo l’aggressione al ristorante “I Cavalieri” lo avevamo pensato insieme. Tutti noi giocatori presenti quella sera avevamo buttato giù le nostre considerazioni, poi, non essendo così bravi in italiano, abbiamo chiesto a un nostro amico di metterlo in bella copia. Mentre lo leggevo c’erano tutti i miei compagni presenti, ma, in realtà, non tutti erano convintissimi del perché fossimo lì. Quella conferenza doveva essere fatta perché ciò che era accaduto è stato un brutto episodio e noi dovevamo raccontare i fatti. Però io sapevo già che la società mi avrebbe mandato via a breve, altri invece sarebbero rimasti a Torino, avrebbero dovuto condividere l’ambiente, incontrare le persone. Per questo non gliene faccio una colpa a chi poi ha cambiato idea sull’utilità di quella conferenza. Posso capirli. L’importante è stare bene con la propria coscienza e io posso dire di potermi sempre e comunque guardarmi allo specchio.

Dopo quel comunicato tanti tifosi granata si sono risentiti perché hanno pensato che io stessi generalizzando e accusassi tutti i supporter del Toro, ma in quel momento io ce l’avevo soltanto con chi ci aveva aggredito, quei pochi. So bene che non tutti i tifosi erano presenti quella sera. Mi dispiace non aver dato abbastanza in una piazza gloriosa come il Torino, la mia esperienza ha avuto alti e molti bassi. Avrei voluto entrare almeno un po’ nella vostra storia e questo è un rammarico grande nella mia carriera.
Per me il rapporto coi tifosi è sempre stato fondamentale, ovunque abbia giocato ho stretto un legame forte con le persone intorno alla squadra. Ho sempre provato piacere a fermarmi per una foto o un autografo e se posso capire i top player che dopo un po’ si stufano, perché togliere a qualcuno la possibilità di essere felice, se io ho la possibilità di regalare un pizzico di gioia? Rimanevo anche un’ora o due in più per scattare le foto coi tifosi. Per qualcuno sono piccolezze, per tanti una passione infinita.

GROSSETO, ITALY - AUGUST 21: Rolando Bianchi and David Di Michele (R) of Torino celebrate after the second goal during the Serie B match between Grosseto and Torino FC at Carlo Zecchini Stadium on August 21, 2009 in Grosseto, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
GROSSETO, ITALY – AUGUST 21: Rolando Bianchi and David Di Michele (R) of Torino celebrate after the second goal during the Serie B match between Grosseto and Torino FC at Carlo Zecchini Stadium on August 21, 2009 in Grosseto, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Tutti si aspettavano tantissimo da me, ma qualche situazione poco chiara mi ha messo in cattiva luce agli occhi del pubblico. Io non porto rancore verso nessuno e anche la parentesi di Torino la reputo un’esperienza positiva perché una brutta serata non cancella tutto il resto. Salire a Superga il 4 maggio è un’esperienza incredibile. Ho avuto l’onore di poterlo fare da capitano e ogni volta che ci penso ho i brividi. Che tu sia più o meno coinvolto dalla storia granata, non appena arrivi lassù cambia tutto Vedi tutta quella gente, i colori, senti un’atmosfera unica al mondo. Leggere quei nomi sulla lapide, pensare a come possono essere andate le cose. Prima di vivere quella giornata non ho mai avuto paura di volare. Ma facendo lo stesso mestiere e immedesimandomi in un calciatore che aveva vissuto quegli attimi tragici, negli anni seguenti, in certe circostanze, ho iniziato a titubare un po’ degli aerei.

Il mio unico rimpianto di una carriera ultra ventennale, però, sono i treni. Ne ho visti passare tre, tre occasioni per capire se potevo reggere a un livello più alto. Non sono mai riuscito a salirci.
Ho giocato in piazze importanti e ne vado fiero, ma mi rimane l’amaro in bocca per aver soltanto sfiorato la possibilità di far parte di una grande squadra, confrontarmi con grandi campioni e magari migliorare ancora. Ogni volta che c’era una possibilità concreta, qualcuno cambiava le carte in tavole. Mi è successo a 22, a 28 e a 32 anni.

UDINE, ITALY - FEBRUARY 19: David Di Michele #17 of Udinese in action against Sinisa Mihajlovic #11 of Inter Milan during the Serie A match at Friuli stadium on February 19, 2005 in Udine, Italy. Udinese and Inter Milan played to a 1-1 tie. (Photo by Newpress/Getty Images)
UDINE, ITALY – FEBRUARY 19: David Di Michele #17 of Udinese in action against Sinisa Mihajlovic #11 of Inter Milan during the Serie A match at Friuli stadium on February 19, 2005 in Udine, Italy. Udinese and Inter Milan played to a 1-1 tie. (Photo by Newpress/Getty Images)

La prima volta stavo facendo bene alla Salernitana. Ultima gara prima della chiusura del mercato invernale: sabato sera mi telefona il presidente dicendomi “Domani è la tua ultima partita con noi, ti ho venduto all’Inter. Fammi vincere e ti mando via”. La domenica io segno, vinciamo 1-0. Lunedì vado a Milano e mi sento dire “No, sei incedibile, abbiamo venduto un altro”. Io sono impazzito.
Non volevo più giocare a Salerno, volevo sparire, non tornare nemmeno. Ma come, mi fai venire a Milano, mi racconti una storiella, mi manchi di rispetto in questo modo? Questi fatti però li so solo io e la società e loro possono anche negare tutto, ma io quella telefonata dal presidente al sabato sera l’ho ricevuta. Altrimenti non avrei fatto venire in fretta e furia mio padre, mia madre e i miei suoceri di domenica notte per fare un trasloco, svuotare e pulire tutta la casa in affitto, trasportare tutto a Roma in attesa di andare a firmare il lunedì. Ero fuori di me. E poi ti etichettano perché sei una testa calda…

Successe una cosa simile quand’ero all’Udinese. Mi voleva Spalletti alla Roma, ma poi Pozzo litigò con la società giallorossa e bloccò tutte le trattative.
La barzelletta più bella, però, capitò proprio quando vestivo la maglia granata. Cerco di riderci su per sdrammatizzare. Sempre la Roma, sempre Spalletti, annata 2008/’09. Io ero ai margini della squadra perché De Biasi non mi voleva, la stessa società aveva intenzione di cedermi. Mi chiamò Spalletti e diedi subito l’ok. Avevo sistemato tutto anche con la dirigenza giallorossa e persino qualche calciatore mi aveva già chiamato dalla capitale. Andai da Cairo: “Presidente, lei sa che qui io non sono gradito. C’è questa possibilità e a 32 anni per me è importante, ma anche per i miei figli e mia moglie. Potremmo avvicinarci alla mia città e io ho l’opportunità di giocare nella squadra che tifo”. Mi rispose così: “Non ti cedo a una diretta concorrente per l’Europa League”. Rimasi senza parole. Non era il Parma o la Sampdoria o un’altra squadra con una posizione di classifica simile. Era la Roma. Provai anche a far leva sul tasto economico: “Se resto qui, lei mi deve pagare. Non le servo e potrebbe dare il mio ingaggio a qualcuno che l’allenatore ritiene più funzionale”. Nulla, non ci fu verso. Mi costrinse a chiudere la trattativa. Me l’ha fatto a 32 anni, avrei potuto chiudere la mia carriera a Roma, la ciliegina sulla torta della mia carriera. Lo fece apposta, per ripicca.
Per poter giocare mi trasferii al West Ham e a fine anno il Toro scese in B. Sarebbe da fare la battuta a Cairo: “Ma tu m’hai detto Europa League e sei retrocesso?”.

LONDON - SEPTEMBER 20: David Di Michele of West Ham celebrates after he scores the first goal of the game during the Barclays Premier League match between West Ham United and Newcastle United at Upton Park on September 20, 2008 in London, England. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)
LONDON – SEPTEMBER 20: David Di Michele of West Ham celebrates after he scores the first goal of the game during the Barclays Premier League match between West Ham United and Newcastle United at Upton Park on September 20, 2008 in London, England. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Il mio grosso problema è che io le cose le dicevo in faccia e nel calcio, se dici le cose in faccia non ti torna indietro mai nulla di buono. Se un mio compagno sta sbagliando, io glielo vado a dire, non posso lasciare che passi inosservato. Se le cose vanno male, io vengo da te e te lo dico. Al mio lavoro ci tengo, per cui se abbiamo perso tre partite di fila, tu non puoi ridere, scherzare, andare a divertirti. Se vai a ballare vuol dire che non te ne frega niente. Il calcio, come la vita, è composto di momenti: c’è il momento in cui puoi uscire e quello in cui non puoi uscire.
Queste cose le ho sempre dette ai diretti interessati. Tanti compagni mi volevano bene per come sono, a tanti altri cui magari piace poco sentirsi sputare addosso la verità, sto antipatico. Ma io non me la mordo la lingua e se dovessi tornare indietro cercherei di commettere meno errori, ma molte cose le rifarei uguali. Anche conoscendone le conseguenze.

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Forvecuor87 - 3 mesi fa

    il fenomeno che ha realizzato questa intervista si dovrebbe vergognare dopo tutto quello che ha fatto questo parassita mediocre del cazzo!!! E a tutti quei rincoglioniti che mettono pollici in giù ai fratelli granata che come me c’è lhanno con questo parassita vadano a vedersi che cosa ha combinato qui a Torino!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 3 mesi fa

      Non é nemmeno una intervista, visto che non ci sono domande e risposte, sembra piú una persona che delira in preda alle febbre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. steacs - 3 mesi fa

    “Ho giocato in piazze importanti e ne vado fiero, ma mi rimane l’amaro in bocca per aver soltanto sfiorato la possibilità di far parte di una grande squadra,”

    Quando leggo una frase cosí mi chiedo quale sia la percezione di GRANDE SQUADRA in Italia, se per lui la Roma lo era (non parliamo di quella che ha vinto l’altra sera) ma quella dei suoi tempi in lotta per l’Europa League…
    E mi chiedo mi illudo io che noi siamo una Grande Squadra, con un glorioso passato o ha ragione lui ad averci etichettato come una piccola provinciale di passaggio…

    Parlando di FLOP, questa percezione é uno dei piú grandi flop di Cairo, lui grande esperto di comunicazione non é riuscito a lucidare il nostro Brand, abbiamo una immagine al di fuori dei nostri colori che pare sempre piú opaca… e gli anni passano… gli obiettivi si rinviano… fortuna sua che qualche tifoso questo non lo percepisce (ancora).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

    Un calciatore mediocre.
    Un personaggio imbarazzante.
    Chissà cosa avrà al posto del cuore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gikappa67 - 3 mesi fa

    Mi aggrego ai fratelli granata…….questo personaggio merita solo disprezzo…….ricordo bene gli anni infami in cui ha giocato per il Toro.
    Bye bye David…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. torinodasognare - 3 mesi fa

    Un sincero calcio nel culo a te e a quelli come te.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13746076 - 3 mesi fa

    Ma con tutte le figure importanti, dignitose o gloriose questo qua si doveva mettere tra le figurine del Toro? Uno che si vendeva le partite? Ho un racconto vivido, fatto da un addetto ai lavori di quella famosa conferenza. Per carità ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. FaustoGranata - 3 mesi fa

    mi ero completamente dimenticato di lui… quindi non è entrato nel mio e penso anche in tutti i cuori granata… tanto fumo e poca concretezza .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Torello_621 - 3 mesi fa

    Ma con tutti quelli che hanno onorato la maglia granata nella nostra ultracentenaria storia, c’era bisogno della testimonianza di questo pesonaggio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. torojl - 3 mesi fa

    Uno dei tanti che sarebbe potuto diventare un top player ma che non lo è mai diventato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dukow79 - 3 mesi fa

    Intervista molto divertente sotto parecchi aspetti. Il confronto con Cairo spassosissimo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. rokko110768 - 3 mesi fa

    Se ne son dette tante su di lui, a partire dalle scommesse contro la Sua Squadra (il Toro). Sicuramente è stato un giocatore ingestibile caratterialmente, aveva mezzi davvero notevoli ma si è perennemente bruciato.
    Credo a quanto racconta, credo anche che avrebbe dovuto raccontare queste cose allora per coerenza per come si racconta. Credo anche che ci sia altro che non sappiamo e non sapremo, giustamente.
    Contano i fatti, Di Michele purtroppo al Toro è stato un flop complessivamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. filippo.burdes_247 - 3 mesi fa

    Persona fastidiosa e calciatore inutile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13658280 - 3 mesi fa

    visto ke ti vanti di non aver peli sulla lingua xche ste storie nn le hai tirate fuori quando son successe?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. drino-san - 3 mesi fa

    Quindi in pratica questo qua fa tutta la trattativa all’oscuro della società che gli sta pagando lo stipendio, poi si offende se il trasferimento non si chiude e allora chiede soldi. Ecco che viene fuori il personaggino. Ora ho capito da chi ha preso ispirazione Maksimovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 3 mesi fa

      Precisando che Di Michele era in odore di calcioscommesse quindi non é un personaggio che mi piace, ti rispondo che se era fuori squadra era un suo diritto cercarsi altro, un conto che fosse un titolare, ma in questo caso, ai margini, questa colpa non gliela imputerei.

      Inoltre se uno é del Sud e gioca al Nord, se per motivi personali vuole avvicinarsi, mi pare logico che provi a cercare trattative (al di lá che nel caso di Di Michele quando parla dell’Inter dica il contrario, ma io sto facendo un discorso generale, come ho specificato non stravedevo per lui, non tanto come giocatore, molto bravo ma come persona).

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy