Le Loro storie, Mirko Valdifiori: “Quella volta che io e Iago ci prendemmo a pugni (per finta)”

Le Loro storie, Mirko Valdifiori: “Quella volta che io e Iago ci prendemmo a pugni (per finta)”

Esclusiva / Le risate su Instagram, l’amicizia con Lollo e Base, ma anche uno stop anomalo e il rapporto con Mazzarri: “Fu chiaro, per lui non andavo bene”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Lo abbiamo salutato da pochi giorni e forse non lo abbiamo mai scoperto del tutto in campo. Ma sui social Mirko Valdifiori è un fiume in piena, un professionista della gag che, scherzi a parte, ha invece avuto un ruolo importante: “fare gruppo” in spogliatoio per vincere poi sul campo. Gli uomini di questo tipo sono rari. Il grazie è doveroso, l’in bocca al lupo per il futuro altrettanto.
PS la redazione di Toro News aveva dibattuto a lungo su quali fossero state le sue migliori performance cabarettistiche in granata. Non riuscendo a stilare una classifica di merito, le avevamo raccolte in un Best Of.

Il più bel ricordo dei miei due anni al Toro è un match di boxe con Iago Falque. Lo spogliatoio come un ring, i compagni tutti intorno a incitarci e noi due, che in quanto a fisico siamo un po’ leggerini, per così dire, che ci infiliamo i guantoni e mimiamo un incontro. Tutti a ridere. Stessa cosa con il video del fruttivendolo: faceva un caldo atroce, così mi era venuto in mente di mettermi a vendere frutta fresca ai miei compagni. Acquah non riusciva a tenere il telefono in mano, era piegato in due dal ridere.

Che tavolata!
Che tavolata!

Io sono uno che cerca sempre di portare allegria in spogliatoio e queste scenette sono il mio pane quotidiano. Le facevo a Empoli, le facevo a Napoli, le ho fatte al Toro. La differenza, forse, è che qualche anno fa non esistevano ancora le “Stories” su Instagram per cui questo mio lato era poco conosciuto.
Al Torino si era creata un’armonia di gruppo che andava al di là della stagione. Capitava di andare insieme a pescare o ritrovarci tutti a casa di Ansaldi. Pochi giorni prima del mio trasferimento alla Spal abbiamo organizzato una cena da lui e abbiamo concluso la serata con un tuffo di squadra in piscina.

Oltre a Iago, che prendevo spesso in giro, c’erano Lollo e Base (De Silvestri e Baselli, ndr) che sono come me, mi assecondavano e tenevano testa. Daniele è un grandissimo giocatore perché ha qualità, ma anche tanta quantità. Se vai a vedere i numeri, è uno di quelli che corrono di più ed è la gioia degli allenatori perché riesce a fare da raccordo tra centrocampo e attacco. Non lo dico perché sono suo amico, ma quante mezz’ali ci sono che ogni anno fanno 5-6 gol e altrettanti assist? Sia lui che Lollo si sono presi la loro dose di critiche, ma hanno saputo rispondere alla grande. Il primo anno Lollo è rimasto sotto la lente d’ingrandimento, ma in pochi sapevano che il ginocchio continuava a dargli fastidio e non ha quasi mai potuto allenarsi al 100%. Nonostante questo è diventato ed è un modello per tutti. I giovani guardavano a lui e a Sirigu come professionisti esemplari. Lollo è un esempio di prevenzione dagli infortuni: lavora tanto in palestra, si prepara bene, non lascia nulla al caso. E se non molli mai, prima o poi le cose positive ti tornano indietro. Con l’arrivo di Mazzarri si è integrato alla perfezione nel nuovo modulo ed è cresciuto moltissimo anche dal punto di vista offensivo.

TURIN, ITALY - OCTOBER 29: Mirko Valdifiori (C) of Torino FC celebrates victory at the end of the Serie A match between Torino FC and Cagliari Calcio at Stadio Olimpico di Torino on October 29, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – OCTOBER 29: Mirko Valdifiori (C) of Torino FC celebrates victory at the end of the Serie A match between Torino FC and Cagliari Calcio at Stadio Olimpico di Torino on October 29, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il primo anno si era creato un bel rapporto con Bovo e Rossettini: ci si vedeva alla sera a casa di uno o dell’altro, i nostri bambini giocavano insieme, le mogli avevano instaurato un buon rapporto. Lo spogliatoio del Toro era così unito perché c’era questo tipo di rapporto anche e soprattutto fuori dal campo. A Torino sarò sempre legato perché lì è nata la mia seconda figlia e mi hanno fatto molto piacere i saluti di compagni e tifosi quando me ne sono andato. Forse anche grazie ai social network, hanno imparato ad apprezzarmi come uomo, prima di tutto e questo per me è molto importante.

Con il filtro dei social e dei video scherzosi (che fortunatamente non smetto mai di girare), non tutti hanno capito alcuni miei momenti meno spensierati. Ho giocato quasi 30 partite di fila nella mia prima stagione in granata e stavamo andando forte, poi è arrivato un infortunio molto strano per un calciatore. E molto doloroso. Ancora oggi, sono sincero, non ho ben capito cosa mi successe ai piedi. Una forte allergia o uno sfogo dovuto a chissà cosa: i piedi e le caviglie mi si gonfiavano appena provavo a correre. Esami su esami, terapie tentate e ritentate, ma quella situazione me la sono portata dietro per quasi tre mesi e ha compromesso il mio finale di campionato. È duro da accettare di avere un problema e vedere che il tempo passa senza che si risolva, ma ho dovuto farmene una ragione.

Una foto con Checco Zalone in cui si possono già notare i problemi ai piedi di Mirko
Una foto con Checco Zalone in cui si possono già notare i problemi ai piedi di Mirko

La scorsa stagione invece ho iniziato con molte panchine, poi ero tornato a giocare con continuità nel momento in cui Mihajlovic aveva cambiato schema. Neanche il tempo di rallegrarmi e arriva il suo esonero, dopo Mazzarri ha chiuso tutte le porte. Io sono sempre stato un professionista esemplare, in campo e fuori. Mi alleno duramente ogni giorno e così ho fatto anche quando non giocavo. Con Mazzarri il rapporto è sempre stato franco e ho sempre rispettato le sue scelte: ci parlavamo chiaramente e ho capito fin da subito che lui, in quel ruolo, preferiva un altro tipo di giocatore. Ci sono quegli allenatori che credono ancora nel regista classico, vedi Sarri che si è portato Jorginho al Chelsea o Giampaolo. Altri, come Mazzarri o Gasperini, non lo usano e prediligono giocatori più muscolari davanti alla difesa.

Quindi io che devo fare? Smettere e appendere le scarpe al chiodo? Ogni allenatore ha la sua filosofia di gioco, io in quella posizione ho sempre giocato la palla con la testa alta perché con il mio fisico se vado a fare la guerra e mi scontro con uno come Meitè rischio di essere ribaltato nove volte su dieci. Quel ragazzo è una forza della natura. È normale che oggi io abbia voglia di tornare a essere protagonista. Sono arrivato a Ferrara da dieci giorni, ma ho avuto già la fortuna di giocare due spezzoni di partita. Da parte mia c’è tanto entusiasmo e voglia di crescere in condizione fisica per mettermi a disposizione di una squadra che ha creduto in me, che è composta da ragazzi molto affiatati e gioca in un modo che può esaltare le mie caratteristiche. Qui tutti vogliono continuare a stupire.

TURIN, ITALY - OCTOBER 02: Mirko Valdifiori (L) of FC Torino tackles Nikola Kalinic of ACF Fiorentina during the Serie A match between FC Torino and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on October 2, 2016 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – OCTOBER 02: Mirko Valdifiori (L) of FC Torino tackles Nikola Kalinic of ACF Fiorentina during the Serie A match between FC Torino and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on October 2, 2016 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Ci sono tanti ex Toro, da Gomis a Kurtic e Antenucci, poi c’è Kevin (Bonifazi, ndr) che è più introverso di me e probabilmente non pubblicherà mai sui social un video mentre balla in auto, come facevo io con Lollo e gli altri. È così di carattere, ma ha tutte le carte in regola per fare un gran campionato qui con la Spal. E infine Vanja (Milinkovic-Savic). È arrivato qui con tanta voglia di giocare e fare esperienza dopo un campionato da spettatore, a eccezione di quella famosa partita di Coppa Italia.

Far battere a lui quel calcio di punizione non è stata un’idea improvvisa di qualcuno. L’aveva deciso Mihajlovic, che di punizioni se ne intende. In settimana ne avevamo parlato, poi, prima della partita contro il Carpi, avevamo pianificato come disporci in campo nel caso si fosse presentata l’occasione. Avevamo preso tutte le misure del caso per farlo salire a batterla senza rischi.
Dopo quella traversa abbiamo capito di aver creato un mostro: voleva sempre calciarle lui e anche qui a Ferrara a fine allenamento si ferma ancora a provare e riprovare. Quel pazzo ci spera ancora…

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

LEGGI: Le Loro storie, Ivan Franceschini: “È la sconfitta dei buoni”

LEGGI: Le Loro storie, Rachid Arma: “Noi figli non potremo mai fare abbastanza per i nostri genitori”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio poveri e onesti che alla Juve’”

LEGGI: Le Loro storie, Claudio De Sousa: “Mi ritirarono l’idoneità, ho pensato di aprire un MC Donald’s”

LEGGI: Le Loro storie, Migjen Basha: “Il Toro mi lasciò da solo a curarmi, ma quante risate con Glik e gli altri”

LEGGI: Le Loro storie, Antonio Nocerino: “Preso in giro da Ventura, volevo finire la carriera al Toro”

LEGGI: Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

    Auguroni Mirko, mai un colpo di testa fuori dal campo, mai una frase fuori posto…Del problema ai piedi mi pare di aver letto qualcosa ma non si è mai saputo nulla nel dettaglio, invece di cercare il gossip la stampa dovrebbe tenerci informati meglio su certi dettagli. A noi tifosi interessa molto di più sapere lo stato di salute dei giocatori piuttosto che sapere con che macchina girano o con chi vanno a cena…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. LeoJunior - 9 mesi fa

    Articolo che ci dovrebbe far capire quante componenti importanti e spesso nascoste ci siano dietro la valutazione di un giocatore. Ci sono giocatori “piangina” che se non sono al 100% evitano di giocare e fare brutte figure e altri che magari si mettono a disposizione pur rischiando. Ma a noi arriva solo la prestazione sotto tono e giu’ a criticare. Oppure ci sono giocatori che hanno un peso nello spogliatoio. Conclusione: critichiamo come e’ giusto che sia ma evitiamo commenti fastidiosi e personali perche’ quasi sempre non sappiamo chi ci sia dietro il calciatore che vediamo correre sul campo per 90 min

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BACIGALUPO1967 - 9 mesi fa

    DZEMAILI ne vale 10 di Valdifiori senza dimenticare la ex moglie dello svizzero…
    Vale come il gol del 4/1 di Asenzio ai gobbi un piacere per gli occhi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. drino-san - 9 mesi fa

    comunque adesso basta con valdifiori, ce lo siamo sucato tutta l’estate con le sue minchiate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. drino-san - 9 mesi fa

    ma come no?!? aveva le stigmate. mi ricordo l’articolo delle vesciche, o qualcosa del genere. ma in realtà erano stigmate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 9 mesi fa

      Si le stigmate di “Pio lo stipendio”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rik - 9 mesi fa

    grande Mirko ; a me è sempre dispiaciuto che non abbia potuto continuare in granata.
    le prime partite con roma e fiorentina del suo primo anno sono li a dimostrare che era un forte regista.
    anche nel derby al grande torino del primo anno che perdemmo alla fine per i cambi simultanei e scriteriati fatti da miha mi ricordo che mirko aveva giostrato alla grande in mezzo alle zebre.

    in bocca al lupo mirko.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Madama_granata - 9 mesi fa

    Salvo alcuni casi di giocatori non motivati, di svogliati mercenari giunti solo x “far cassa”, o di pseudo-campioni che hanno snobbato la nostra maglia x andare “nel calcio che conta”, ogni calciatore che ha militato nel Toro, sarà del Toro per sempre!
    Noi restiamo affezionati ai nostri ex-ragazzi, e a loro il Toro rimane nel cuore.
    Intanto spiace sapere oggi che Valdifiori non ha spesso reso il dovuto causa problemi allergici ai piedi di cui non si sapeva nulla. I giornali sparano ogni giorno stupidaggini e notizie fasulle, e quando devono informare i tifosi su cose importanti, tacciono. X taluni giocatori montano “telenovelas” infinite, x altri,anche di cose serie, colpevolmente, tacciono: chissà xché!
    Un grazie quindi doveroso a Valdifiori per il suo spirito goliardico espresso nello spogliatoio, per non essersi mai lamentato, per non aver mai sollevato polemiche o critiche.
    Un grazie per le sue prestazioni in campo, sempre svolte con serietà e professionalità.
    Un “ci spiace” se moduli di gioco, scelte tattiche di allenatori e malanni taciuti non gli hanno permesso di esprimere al massimo tutte le sue potenzialità con la maglia granata.
    Infiniti, sinceri auguri di ogni bene x il suo futuro, da uomo e da calciatore.
    Credo di poter dire, a nome di molti di noi, che lui è senz’altro tra quelli che sono stati a pieno merito del Toro, e che perciò uno del Toro rimarrà per sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. rokko110768 - 9 mesi fa

    In bocca al lupo!! Non hai mai lesinato impegno e dedizione anche stando spesso fuori. Tatticamente con Miha il primo anno avevi un bel problema visto che il centrocampo a 3 con Benassi e Baselli era a dir poco leggero.
    E’ andata peggio di quanto ci aspettavamo ma non solo da questo articolo è evidente l’integrità ed il valore della tua persona.
    Buona vita Mirko a Ferrara, magari qui da dove vivo a Bologna verrò a vederti qualche volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. prawn - 9 mesi fa

    Il 433 di Miha funzionava anche, del problema ai piedi non mi ricordo di aver mai letto niente.
    Che Miha abbia cambiato modulo perché non aveva gli uomini al centrocampo?
    CMQ in bocca al lupo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-14003131 - 9 mesi fa

    Come giocatore non mi è mai piaciuto granché … però fuori dal campo deve essere simpatico. A noi però serviva altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy