Le Loro storie, Valerio Di Cesare: “Io e Kamil mai nemici. Ventura, uno dei migliori”

Le Loro storie, Valerio Di Cesare: “Io e Kamil mai nemici. Ventura, uno dei migliori”

Esclusiva / Il centrale granata dell’ultima promozione, appena scaricato dal Parma a tutto tondo su di sé e sul calcio: “La B è vergognosa, Inghilterra avanti anni luce. Mi dispiace per Ventura”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Fino al 12 settembre Valerio Di Cesare era in Serie A, tesserato di quel Parma che aveva contribuito in prima persona a portare dalla Lega Pro al massimo campionato. Oggi, dopo un triplo salto carpiato verso il basso, è tornato al rifondato Bari di De Laurentiis, in Serie D. Lo ha fatto perchè è un padre e ha pensato al futuro dei suoi figli, ma in testa ha ancora l’obiettivo di tornare nel “suo” campionato: quella Serie B che oggi è vergognosamente in bilico tra normative assurde e un livello tecnico che non diverte e non fa nemmeno crescere i giovani. Considerazioni di un calciatore semplice, uno che ama il pallone e del resto non gliene frega nulla, neanche di un allenatore un po’ scorbutico…

Rispetto a quando ho 18 anni vedo il calcio con un’altra ottica. Da giovane ero stupido, sempre a scherzare. Adesso vedo le cose in maniera diversa, riesco a capire le decisioni degli allenatori. Una volta se non ero titolare mi incazzavo come una bestia, oggi mi incazzo uguale, ma capisco che l’allenatore deve scegliere tra 22 giocatori quelli che gli danno più garanzie di vincere. Perché lui non è che vuole perdere, vuole vincere anche lui. Poi ci sono quelli che hanno le loro fisse e lì non puoi fare nulla. Hai voglia a dimostrare…

TURIN, ITALY - APRIL 28: Arturo Vidal (L) of Juventus in action against Valerio Di Cesare of Torino FC during the Serie A match between Torino FC and Juventus at Stadio Olimpico di Torino on April 28, 2013 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – APRIL 28: Arturo Vidal (L) of Juventus in action against Valerio Di Cesare of Torino FC during the Serie A match between Torino FC and Juventus at Stadio Olimpico di Torino on April 28, 2013 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Ne ho avuto qualcuno di allenatore così. Anche a Torino con Ventura, soprattutto l’anno della Serie A (2012/’13, ndr). Mi schierò titolare a San Siro e feci una gran partita, ma la settimana dopo fece giocare comunque Kamil. Mi incavolai, ma mai con Kamil, lui che colpa ne aveva? La colpa al massimo era di chi lo faceva giocare sempre. Io e Kamil avevamo instaurato un rapporto di grande complicità e ancora adesso lo sento. Ho sempre avuto un buon rapporto con i miei compagni di reparto, nonostante la concorrenza, ma con lui fu ancora più stretto.

In B ci alternavamo alla pari: giocavo io 5 o 6 partite, poi altre 5 o 6 lui. Io mi incazzavo, lui si incazzava, ma, ripensandoci oggi, il mister ci ha proprio gestito alla grande, è riuscito a farci sentire entrambi importanti. Kamil fece un salto impressionante dalla B alla A. Era arrivato irruento, grezzo, tecnicamente deboluccio: migliorò tutti i fondamentali. Infatti poi quando il mister mi metteva in panchina, io giustamente ero nero, poi però mi calmavo e mi dicevo: “ma che te voi incazzà, Valè. Lo vedi chi hai davanti?”. Kamil è uno dei difensori più forti che ho mai visto, ma il merito va dato anche a chi lo ha allenato. Ventura, checché ne dicano, rimane uno dei migliori allenatori in circolazione. Quando accettò l’incarico della Nazionale pensai subito che avesse sbagliato. Lui non è un allenatore da Nazionale, è uno da campo, deve avere i giocatori vicino ogni giorno, non può vederli una volta al mese. Col Chievo ha accettato una situazione molto complicata per volersi rimettere in gioco a tutti i costi. Mi dispiace quando lo attaccano perché chi lo ha avuto come allenatore sa quanto è forte e, vedendo certi suoi colleghi in giro adesso, è un peccato vederlo arrancare. Anche a settant’anni rimane uno dei migliori.

PESCARA, ITALY - MAY 12: Valerio Di Cesare of Torino and Ciro Immobile of Pescara in action during the Serie B match between Pescara Calcio and Torino FC at Adriatico Stadium on May 12, 2012 in Pescara, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
PESCARA, ITALY – MAY 12: Valerio Di Cesare of Torino and Ciro Immobile of Pescara in action during the Serie B match between Pescara Calcio and Torino FC at Adriatico Stadium on May 12, 2012 in Pescara, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

A livello umano non era il massimo, lo so, ma a me lui ha aperto un mondo e se mai un giorno io dovessi fare l’allenatore sarà per merito suo. Anche se sotto il profilo dei rapporti personali a me poteva non starmi simpaticissimo, mi interessa poco perché un allenatore deve essere bravo in campo, deve far giocare la squadra, dare la sua impronta, il resto è un di più. Con Ventura io entravo in campo e sapevo esattamente quello che dovevo fare. E adesso che ho 35 anni e di allenatori ne ho conosciuti parecchi, posso dirvi che era solo merito suo.

Io non concepisco quegli allenatori che non danno la propria impronta alla squadra. Ce ne sono tanti che magari hanno anche vinto dei campionati, ma la loro unica istruzione è dare palla agli attaccanti, se ne hanno di forti, e vedere cosa succede. Non so dire se gli allenatori di oggi siano più scarsi di quelli di vent’anni fa, ma per me, come Ventura, Conte o Giampaolo, ce ne sono davvero pochi. Loro insegnano il calcio, non li chiamerei nemmeno allenatori: sono insegnanti, professori. Sono Maestri.

CESENA, ITALY - MAY 06: Valerio Di Cesare of Parma Calcio prior the serie B match between AC Cesena and Parma Calcio at Dino Manuzzi Stadium on May 6, 2018 in Cesena, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
CESENA, ITALY – MAY 06: Valerio Di Cesare of Parma Calcio prior the serie B match between AC Cesena and Parma Calcio at Dino Manuzzi Stadium on May 6, 2018 in Cesena, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

In carriera ho giocato praticamente solo in Serie B, ad eccezione dell’anno in A con il Toro e di quei primi mesi in Lega Pro con il Parma prima della promozione. Lo conosco bene come campionato, ne ho alle spalle una quindicina. È infinito, massacrante. È sempre stato così, tranne quest’anno: l’unico anno in cui non ci gioco io e hanno fatto a 19 squadre e con le soste. Non c’è mai stata una sosta in B, l’hanno fatto apposta! Scherzi a parte, il livello della B è sceso tantissimo. L’ultima stagione davvero competitiva forse fu quella in cui fummo promossi col Toro. Basti pensare che in quel campionato la Sampdoria con in rosa gente come Eder, Icardi, Pellè arrivò sesta.

Il problema è che è diventata una lega di giovani. Una volta ce n’erano due o tre per squadra, adesso nelle rose ci sono dieci giovani appena usciti dalla Primavera e 7-8 giocatori esperti. Per forza che il livello scende. Un tempo i giovani uscivano dalle giovanili e andavano a farsi le ossa su campi improponibili in C1 o C2. Adesso iniziano direttamente dalla B, sono avvantaggiati, ma io credo che questo sistema non sia un bene nemmeno per loro. Perché se un giovane è bravo gioca, altrimenti si allena, migliora, lotta per un posto. Se invece tutto gli è dovuto non crescerà mai. Meglio per me se il livello rimane così basso, così posso davvero giocare fino a 40 anni! Guardate Campagnaro al Pescara: ha quasi 39 anni ed è ancora uno dei migliori della categoria.

VICENZA, ITALY - FEBRUARY 06: Valerio Di Cesare of Vicenza celebrates after scoring the opening goal during the Serie B match between Vicenza and Reggina at Stadio Romeo Menti on February 6, 2010 in Vicenza, Italy. (Photo by Roberto Serra/Getty Images)
VICENZA, ITALY – FEBRUARY 06: Valerio Di Cesare of Vicenza celebrates after scoring the opening goal during the Serie B match between Vicenza and Reggina at Stadio Romeo Menti on February 6, 2010 in Vicenza, Italy. (Photo by Roberto Serra/Getty Images)

Un tempo in B e ancor di più nelle categorie inferiori c’era la fama di gente che non andava tanto per il sottile. Quando sono arrivato qui a Bari in Serie D mi hanno avvertito “occhio che qui menano, stai attento”. Ma dove? Ma che? Manco quello. E non è un discorso di livello tecnico, è che è sparita anche quella mentalità aggressiva, fisica. Io ho avuto la fortuna di avere una formazione di quel tipo quando ero al Chelsea, poi sono stato un po’ stupido e un po’ sfortunato ad andarmene perché altrimenti io sarei rimasto lì a vita. Dopo gli anni con le giovanili del Blues, ero arrivato a 19 anni, il momento della verità per fare il grande salto in prima squadra. E chi ti arriva quell’estate? Abramovich che inizia a comprare tutti giocatori fortissimi. Io mi sono detto “che ce sto a fare qua?”. Però a livello di vita, l’Inghilterra è un’esperienza unica per un giocatore. In Italia se fai un mezzo errorino e magari perdi una partita cominciano con “è scarso, è un cadavere in campo”. Lì invece i giornali non parlano per sei giorni della sconfitta della domenica prima, vanno subito avanti. Poi allo stadio vanno tutti con la maglia della squadra, vedi tantissimi bambini (qui fai fatica a trovarne) e a fine partita i tifosi si fanno una birra con gli avversari.

Io continuo a sperare che un giorno anche l’Italia arriverà a quel livello di cultura sportiva, ma in realtà ci credo poco. Si continua a dire di voler riformare il calcio e poi ci sono sempre gli stessi personaggi. Quello che è successo quest’anno in Serie B è una vergogna mondiale. Siamo a novembre e non sappiamo ancora se l’Entella torna in B o no. In Lega Pro ancora peggio: la Viterbese ha giocato due partite, le altre squadre undici, l’entella due, la Pro Vercelli sei. Ma che roba è? Ma che roba è? Dove vogliamo andare solo con le chiacchiere? Il calcio è stato, è e rimarrà, con tutto il rispetto per gli altri, lo sport più praticato e importante d’Italia. Ma noi non riusciamo nemmeno a curarci della cosa che fa andare avanti questo Paese…

TRENTO, ITALY - JULY 19: Valerio Di Cesare of Parma Calcio 1913 arrives at Corona Hotel on July 19, 2017 in Pinzolo near Trento, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)
TRENTO, ITALY – JULY 19: Valerio Di Cesare of Parma Calcio 1913 arrives at Corona Hotel on July 19, 2017 in Pinzolo near Trento, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Per me sarà difficile smettere. Ho ancora voglia e se riesco giocherò fino a 40 anni, come il mio amico Lucarelli, poi magari diventerò un direttore sportivo, qualcosa ho in mente. Ma io vivo di calcio e non sono uno di quelli che va al campo e timbra il cartellino. Io arrivo due ore prima e vado via due ore dopo. Quando smetterò sarà durissima perché mi mancherà la vita dello spogliatoio. Alcuni miei ex compagni che hanno già appeso gli scarpini al chiodo mi dicono che a loro non manca nulla. Io non dico che andrò in depressione, ma sarà veramente difficile non provare più tutte quelle sensazioni.

Sono sempre stato un uomo spogliatoio, non ho mai avuto problemi coi compagni. A Parma si era creata un’alchimia speciale, era un gruppo fantastico, lo metto dietro solo ai ragazzi con cui abbiamo ottenuto la promozione col Toro. Antenucci, Iori, Vives, Basha, Kamil, con loro mi sento ancora oggi. Col Parma mi sono lasciato in buoni rapporti, nonostante mi sia dispiaciuto. Sono stato anche un po’ sfortunato perché mi sono operato al menisco e non ho potuto fare la preparazione con gli altri. Mi sono ritrovato a fine mercato estivo senza essermi ancora mai allenato con la squadra e la società ha fatto delle scelte. Ci sta, ho 35 anni, li capisco. Ho dovuto scegliere in fretta perché mi avevano messo fuori lista e a quel punto ho pensato anche alla famiglia. Ho due figli, il grande di 11 anni e la piccola di 7. Ho deciso di tornare a Bari, anche se in Serie D perché conoscevo ambiente e città, avendoci giocato due anni prima. I bambini hanno ritrovato la loro scuola, gli stessi compagni. Anche per la mia compagna che si deve sorbire tutti i miei spostamenti, è stato meglio. Quando l’ho conosciuta lei aveva un suo lavoro a Roma, una sua indipendenza. I primi due anni in cui io giocavo a Vicenza avevamo il bimbo piccolo e non mi ha seguito, poi ha dovuto fare una scelta e ha lasciato il lavoro per starmi vicino.
Mi reputo molto fortunato, nel calcio e nella vita.

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Attilio Lombardo: “Basta essere vice, adesso voglio una carriera tutta mia”

LEGGI: Le Loro storie, Riccardo Maspero: “Tratto i dipendenti della mia fabbrica come giocatori”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Natali: “Gli allenatori vanno controllati, altrimenti rovinano i calciatori”

LEGGI: Le Loro storie, Daniele Arrigoni: “Ho conosciuto davvero i miei figli soltanto quando ho lasciato il calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Elvis Abbruscato: “Ero un terrone con un talento immenso, ma cercavo Dio”

LEGGI: Le Loro storie, Antonino Asta: “Sto facendo il giro largo per allenare in Serie A. Io non mi arrendo”

LEGGI: Le Loro storie, Alex Manninger: “Finalmente sono libero dal calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Mirko Valdifiori: “Quella volta che io e Iago ci prendemmo a pugni (per finta)”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

LEGGI: Le Loro storie, Ivan Franceschini: “È la sconfitta dei buoni”

LEGGI: Le Loro storie, Rachid Arma: “Noi figli non potremo mai fare abbastanza per i nostri genitori”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio poveri e onesti che alla Juve’”

LEGGI: Le Loro storie, Claudio De Sousa: “Mi ritirarono l’idoneità, ho pensato di aprire un MC Donald’s”

LEGGI: Le Loro storie, Migjen Basha: “Il Toro mi lasciò da solo a curarmi, ma quante risate con Glik e gli altri”

LEGGI: Le Loro storie, Antonio Nocerino: “Preso in giro da Ventura, volevo finire la carriera al Toro”

LEGGI: Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Kieft - 5 giorni fa

    Giusto dare a ventura i meriti che ha, e che ormai quasi tutti si sono dimenticati velocemente nonostante questi due anni in cui il progetto che aveva portato avanti si sia arenato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 6 giorni fa

    Per il resto intervista interessante. Mi piace sentire questi ex giocatori che possono parlare liberamente di compagni e allenatori. Ne vengono fuori delle belle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 6 giorni fa

    Come giocatore mi piaceva molto, lo ricordo però spesso afflitto da guai muscolari. Sennò avrebbe potuto fare di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 6 giorni fa

    Inizio facendo a Di Cesare i migliori auguri per i suoi bambini.
    Poi a lui per la sua carriera, con l’augurio di risalire presto in serie B, dove continuare a giocare fino a quando ne avrà piacere!
    Educata ed elegante tutta sua intervista: nessuna critica a singole persone (solo belle parole per gli ex-compagni; apprezzamento per Ventura) o ad ex-squadre (anche se, per conto mio, con il Parma, ne avrebbe ben donde!).
    Tra quelli dei tanti “ex” intervistati, questo articolo è risultato uno di quelli che mi è piaciuto di più: contribuirà a far rimanere a lungo presente Di Cesare nel ricordo di noi tifosi granata.
    Una storia umana di quelle che ci piacciono leggere: “in bocca al lupo”, Valerio Di Cesare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. co_riv_637 - 6 giorni fa

    Bell’articolo;apprezzo molto le parole di Di Cesare specie nei confronti di Ventura e Glik.Tutto vero quando sostiene che quello che sta accadendo in serie B è follia pura,Non capisco cosa aspettano a scrivere la parola “”FINE”a questa vergogna.Credo che tutto il mondo stia ridendo di noi ed a ragione.Gli auguro tanti auguri per se e per la sua famiglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawn - 6 giorni fa

    Molto bella questa intervista, pazzesco come il Parma l’abbia lasciato a piedi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14003131 - 6 giorni fa

    Un racconto vero, mi ritrovo in quasi tutto. Se non che il livello del calcio italiano e’ sceso per via dei settori giovanili, abbandonati da molti club ormai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ALESSANDRO 69 - 6 giorni fa

    Bellissimo racconto, ricco di amare verità. Mi ha fatto piacere leggere le parole su Ventura, parole schiette che raccontano di un uomo dal carattere difficile ma allo stesso tempo un tecnico con le palle. Bellissime anche le parole su Glik …. Insomma un racconto che fa trasparire il valore di un Uomo vero ben oltre il calciatore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Bischero - 6 giorni fa

    Giustissimo. Si sentono tutti arrivati e sono neanche mezzi giocatori esaltati. Calcio pupazzo gestito da meger pupazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy