Luciano Castellini: “Sirigu, ascolta il Giaguaro, resta al Toro a vita”

Luciano Castellini: “Sirigu, ascolta il Giaguaro, resta al Toro a vita”

Esclusiva / Uno dei portieri più forti della storia granata elogia l’attuale collega e striglia Belotti: “Deve onorare la maglia”

di Marco Parella

Di “Giaguaro” ce n’è uno solo, ma il Sirigu visto quest’anno in maglia granata (più spesso verde, in effetti) sta confermando di essere tornato, non bisogna avere paura di dirlo, tra i migliori portieri al mondo. Tra il passato e il presente di questi due estremi difensori della porta del Toro c’è un rapporto che inizia quando l’attuale numero 39 era una giovane riserva del Palermo di Walter Zenga. Tanto per rimanere tra grandi portieri…

Buongiorno Luciano, anche contro la Lazio Sirigu è risultato migliore in campo tra le fila del Torino. Sorpreso?
Assolutamente no, già quest’estate io non avevo mezzo dubbio che fosse pronto per una bella stagione. Mi fa piacere perché è un ragazzo che ho allenato, un mio amico. E poi dopo Hart, non è che ci fossero grandi possibilità di peggiorare…

Mi pare di capire che il portiere inglese non le piacesse.
Ognuno ha le sue opinioni, ma no, decisamente non mi piaceva. Sirigu è un altro pianeta.

AC ChievoVerona v FC Torino - Serie A

Dal suo arrivo sotto la Mole, Sirigu è cresciuto molto in condizione e in tante occasioni ha tenuto a galla i suoi compagni con grandi parate. Se lo ricordava così forte?
C’è un vecchio detto: “Il portiere deve giocare bene per se stesso”, perché se gioca bene per se stesso, gioca bene per la squadra. Lui lo sta facendo alla grande. Mi auguro che nelle prossime convocazioni della Nazionale ci sia anche lui, perché se lo merita.

Lei lo ha allenato nell’Italia U21, però Sirigu ha collezionato poche presenze nelle selezioni azzurre giovanili. Come mai?
È stato un po’ sfortunato, perché in quegli anni aveva davanti altri portieri nati prima come Viviano oppure pari età come Consigli. Però credo che quell’esperienza in Nazionale gli sia servita. Quando lo vidi in ritiro chiamai Zenga, allora allenatore del Palermo, e gli dissi: “Guarda che hai un bravo portiere di riserva”. Dopo qualche giornata, iniziò a metterlo titolare.

Tornando all’attualità, essere quasi sempre il migliore in campo dei granata, non potrebbe far nascere in Sirigu il pensiero che forse il problema è in quei dieci davanti a lui?
Per un portiere mettersi in mostra è sempre un piacere. È difficile quando ti fanno solo due tiri a partita perché se non fai la parata importante ti criticano subito. Invece quando sei sempre sotto pressione hai modo di dimostrare quanto vali realmente.

Torino FC v FC Internazionale - Serie A

Dopo una stagione da protagonista al Torino, crede che Sirigu abbia il diritto di ambire ad altri lidi?
Io considero il Toro una squadra di primissima scelta, se vuole ambire ad altro, vada.

Un fattore che potrebbe influenzare la sua scelta, però, potrebbe essere la mancata qualificazione alle coppe europee per la prossima stagione.
Chi se ne frega delle coppe. Sirigu gioca nel Toro e deve esserne orgoglioso. Magari fai un preliminare o una partita secca e sei subito fuori dalle coppe, invece il Toro è il Toro. Il mio consiglio è di restare qui, in una squadra dove ha fatto bene, dove ha credibilità ed è amato dai tifosi. Con queste condizioni può giocare anche tutta la vita nel Toro.

L’ultima domanda è per il Castellini che ha vissuto uno dei periodi più profondamente “granata” della storia del Toro. Con l’avvicinarsi del 4 maggio, alcuni tifosi accusano Belotti di scarso carisma e preferirebbero che non leggesse lui i nomi degli Invincibili a Superga. Cosa ne pensa?
Penso che se uno veste questa maglia deve onorarla, punto. Non mi interessa entrare in queste polemiche, io so solo che quando sono andato via dal Toro ho pianto. Se uno vuol capire, capisce…

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LucioR - 5 mesi fa

    Grande Giaguaro. Mi si sono inumiditi gli occhi a pensare quel Toro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gikappa67 - 6 mesi fa

    Sei sempre stato un mito Giaguaro……grazie per il rispetto e l’amore che porti per la nostra maglia.
    Ne vorrei mille come te……altro che galletti vallespluga…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Esempretoro - 6 mesi fa

    Grandissimo! E pensare che in quel Toro il livello di attaccamento e maturità era lo stesso anche per i compagni.
    Giusto per ridere:chi l’ha visto giocare ricorderà (oltre alle doti umane) le sue grandi doti atletiche…i talent d’oggi uno di 1,80 manco lo guarderebbero. Un mito!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 6 mesi fa

    Ecco, i Castellini erano giocatori del Toro da Toro, ma in un mondo che non esiste piu.
    Grande Giaguaro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ALESSANDRO 69 - 6 mesi fa

    Perché l’etichetta di ” Uomo “non la si compra al supermercato o alla tabaccheria, è un tatuaggio indelebile che fa bella mostra di sé per tutta la vita e in qualsiasi contesto……Il Giaguaro ci ricorda che le grandi imprese negli anni 70 furono compiute da una squadra di Uomini prima ancora che di giocatori. Perché verrà il giorno che il giocatore tramontera’ e rimarrà l’uomo se mai lo sarà…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. geogranata1964 - 6 mesi fa

    grande Giaguaro !!!! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. abatta68 - 6 mesi fa

    Quando leggi queste cose capisci che il calcio di oggi é tutto un altro mondo purtroppo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 6 mesi fa

      è addirittura un altro “sport” se così si può ancora chiamare. una volta c’erano uomini (con valori, pregi e difetti) che formavano una squadra, oggi ci sono dei ragazzotti viziati che appena, appena un pò dotati cercano di spremere qualche (decina) migliaio di euro in più all’anno per poi magari tornare nell’anonimato sentendosi appagati.
      gli unici che hanno ancora a cuore la maglia intesa come società di appartenenza sono solo più i tifosi, e molte volte nemmeno quelli: il 90% dei giumerdini non sà nemmeno citare la formazione o riconoscere un giocatore, tifano perchè vincono (in italia). #finoalconfine

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 6 mesi fa

        credo che ora sia uno show piu’ che uno sport…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13746076 - 6 mesi fa

    Rispetto per il grande Luciano. Gallo zitto e ascolta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13726000 - 6 mesi fa

    Lunga vita al Giaguaro…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dattero - 6 mesi fa

    silenzio,rispetto e per qualcuno legere ed imparare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. giuseppe.casacci_931 - 6 mesi fa

    Non c’e niente da commentare: silenzio e applausi: il Giaguaro uno di noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy