”Noi contro il Toro: sorteggio sfortunato!”

”Noi contro il Toro: sorteggio sfortunato!”

di Valentino Della Casa – Mancano pochi giorni alla seconda gara di Coppa Italia per il Torino di mister Ventura. Di fronte, i granata troveranno un Siena neopromosso, che, con il nuovo allenatore Beppe Sannino, ci tiene a fare bella figura nella prima apparizione ufficiale davanti al proprio pubblico. Per capire quale sia la situazione in casa Siena, Toro News ha contattato in esclusiva il direttore sportivo bianconero Giorgio…

di Valentino Della Casa – Mancano pochi giorni alla seconda gara di Coppa Italia per il Torino di mister Ventura. Di fronte, i granata troveranno un Siena neopromosso, che, con il nuovo allenatore Beppe Sannino, ci tiene a fare bella figura nella prima apparizione ufficiale davanti al proprio pubblico. Per capire quale sia la situazione in casa Siena, Toro News ha contattato in esclusiva il direttore sportivo bianconero Giorgio Perinetti, che, tra l’altro, da qualche mese ha proprio rinnovato il suo contratto che lo lega alla società di Mezzaroma.

Buon pomeriggio, direttore. Pronti per la partita, o c’è il rischio che assuma i contorni di una fiacca gara di metà agosto?
Buon pomeriggio a tutti. Posso garantire che non sarà così, e lo posso fare anche per il Toro, dopo aver visto la gara contro il Lumezzane. La tanto vituperata Coppa Italia può diventare un palcoscenico molto importante e di certo non vogliamo sottovalutarla. Anzi, dirò di più: credo che siamo stati anche sfortunati nel sorteggio, perchè abbiamo trovato una delle squadre più competitive di tutta la Serie B, la cui differenza con le squadre che lottano per la salvezza in A è minima, per cui potete capire quanto siamo motivati!

Che Siena incontrerà il Torino, domenica sera?
Un Siena purtroppo rimaneggiato, con molti dei nuovi che non potranno fare parte della gara perchè leggermente infortunati o indietro nella preparazione. Sarà un’occasione per quelli che c’erano già di mettere in difficoltà mister Sannino in vista del campionato.

Sannino, un esordiente in A.
Su cui crediamo moltissimo. È vero che il mister non ha ancora allenato nella massima serie, ma l’esperienza calcistica in generale è invidiabile, anche perchè ha fatto bene ovunque abbia allenato. Reputiamo che abbia doti importanti che ci potranno permettere di raggiungere la salvezza, il nostro obiettivo di quest’anno. Ma non parlatemi di salvezza tranquilla: trovo che siano due parole di difficile accostamento. La permanenza in A non può mai essere priva di tensioni, tutt’altro.

Dall’altra parte, invece, c’è mister Ventura, che proprio dell’esperienza fa la sua arma migliore. Pensa che sia la scelta giusta per il Toro?
Assolutamente. Forse la migliore. Soprattutto in una piazza calda come quella di Torino, dove bisogna saper gestire una certa pressione da parte di tifo e stampa. E poi Ventura è un maestro di calcio: i suoi schemi vengono studiati da moltissimi allenatori nel nostro campionato e non solo. Sa il fatto suo, credo che potrà fare decisamente bene in granata.

Quale pensa che possa essere l’arma in più di Torino e Siena?
A mio parere entrambe avranno nel collettivo il loro punto di forza. Certo, con un gioco diverso, ma le idee di equilibrio in campo e di trovare una precisa identità di squadra sono i cardini del gioco sia di Ventura, sia di Sannino. Secondo me già nella prossima gara potremmo vedere qualcosa di questo (anche se, ripeto, il Toro ne ha già dato prova contro il Lumezzane). Tuttavia non bisognerà avere fretta, in questo caso il fatto che siamo ad agosto incide molto: vedremo a mio parere un abbozzo di quello che sarà nel corso del campionato.

Un ultimo punto, direttore, è su Garofalo. Può dirci qualcosa sul futuro del terzino?
Agostino sta vivendo in pieno quella che è la crisi del calciomercato italiano. Mi sembra un giocatore non valido, ma validissimo, anche se da noi ha gli spazi chiusi. È sul mercato e stiamo provando a trovargli una sistemazione: il fatto che non la trovi è indicativo su quante e quali siano le disponibilità delle società italiane, e vi assicuro che le richieste del Siena sono tutt’altro che esose. Ci dispiace molto per la situazione che sta vivendo, ma avevamo il sentore che comunque il Toro non l’avrebbe riconfermato. Vedremo, a fine agosto qualcosa capita sempre: cercheremo di accontentarlo.

Grazie direttore, in bocca al lupo.
Crepi il lupo, un saluto a tutti i tifosi del Toro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy