Paolo Bertelli (Chelsea): “Forte, tecnico, velocissimo: Ola Aina è eccezionale”

Paolo Bertelli (Chelsea): “Forte, tecnico, velocissimo: Ola Aina è eccezionale”

Esclusiva / Paolo Bertelli è uno dei migliori fitness coach al mondo. Ha allenato il neo granata nel Chelsea di Conte e nei primi mesi di quello di Sarri: “Con Mazzarri imparerà la tattica, non sa cosa vuol dire allenarsi poco”

di Marco Parella

A meno di essere assidui frequentatori degli stadi della Serie B inglese, la Championship, o estemporanei simpatizzanti dell’Hull City, fino al 14 agosto di quest’estate probabilmente non avevate mai sentito il nome di Ola Aina. Invece dopo sole tre giornate di campionato, il ragazzone classe ’96 (184 cm per 82 kg) è forse una delle migliori sorprese per i tifosi del Toro. Inglese di nascita, mentre giocava nel vivaio del Chelsea, ha collezionato presenze in tutte le Nazionali giovanili, ma ha poi scelto la maglia della Nigeria (patria dei genitori) per la selezione senior.

Battezzato da Mourinho, lanciato da Antonio Conte, l’esterno approdato alla corte di Mazzarri ha colpito subito per personalità e doti fisiche. Scopriamo qualcosa in più con qualcuno che lo ha visto crescere allenandolo in prima persona: Paolo Bertelli, fiorentino doc, ha lavorato come collaboratore tecnico alla Viola per 14 anni, poi Udinese, Roma e Juventus. È stato nominato miglior preparatore atletico della Serie A per quattro volte. Diventato un fedelissimo di Conte, lo ha seguito in Nazionale, poi è emigrato insieme a lui al Chelsea, dove tutt’oggi lavora agli ordini di Maurizio Sarri.

FLORENCE, ITALY - MAY 26: Fitness Coach Italy Paolo Bertelli (L) and Gabriel Omar Batistuta attend the Italy training session at the club's training ground at Coverciano on May 26, 2016 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
FLORENCE, ITALY – MAY 26: Fitness Coach Italy Paolo Bertelli (L) and Gabriel Omar Batistuta attend the Italy training session at the club’s training ground at Coverciano on May 26, 2016 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Buongiorno Paolo. Ola Aina ha destato buone sensazioni in queste prime uscite in granata. Si aspettava che fosse già pronto per la Serie A nonostante i soli 21 anni?
Assolutamente sì. Questo ragazzo si è fatto un campionato di Championship l’anno scorso. Sono 46 partite, 46 guerre con veri combattimenti fisici, dove se molli di testa ti calpestano.

Quali sono le sue doti migliori?
È dotato tecnicamente e molto forte a livello fisico. È uno dei giocatori più veloci che io abbia mai visto e in carriera ne ho visti tanti. Nei nostri test ha toccato i 35 km/h, sono in pochi al mondo che possono fare queste cose.

FC Internazionale v Torino FC - Serie A

In cosa potrà migliorare con i consigli di Walter Mazzarri?
In Italia imparerà molto a livello tattico, deve maturare sotto questo profilo, ma ha margini enormi. In Championship si gioca uomo contro uomo a tutto campo, in Serie A è molto diverso, ma ha già fatto due mezze stagioni con Conte e sicuramente Mazzarri gli può insegnare tanto. Con la difesa a tre può esprimersi al meglio perché può correre su tutta la fascia, ha molta resistenza.

A livello umano e caratteriale, chi è Ola Aina?
È un ragazzo eccezionale, si allena sempre al 100% e non sa cosa vuol dire allenarsi piano. L’abbiamo avuto con noi in prima squadra per qualche tempo e, pur essendo ancora giovane, non gli manca il commitment, l’impegno, e il saper essere in partita dal primo minuto al novantesimo.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. toroscatenato - 2 mesi fa

    Dico solo che l’ho visto a San Siro ha spaccato la partita, soprattutto nel secondo tempo
    Sempre a spingere, contrasti tutti suoi, dribbling e personalità
    Da quando è entrato e ha cominciato a spingere abbiamo alzato il baricentro
    Sbaglio o abbiamo il diritto di riscatto? Perché questo è un gran colpo!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alètoro - 2 mesi fa

    mi chido e possibile che cerchiamo sempre di fare le pulci a tutto,godiamoci OlaAina e poi vedremo sempre forza TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 2 mesi fa

    @Madama
    Non conosco la rosa del Chelsea. Ciò premesso gli obiettivi della squadra inglese sono ben diversi da quelli del Toro così come il loro campionato è molto più competitivo. Per cui è possibilissimo che un loro scarto per noi valga oro.
    In ogni caso su Aina c’è da fare un grosso lavoro. Lasciamolo crescere tranquillo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13958142 - 2 mesi fa

    Ma se anche il Chelsea avesse dei terzini più forti mi spiegate cosa c’entra? Sapete quanti minuti ha giocato Zappacosta quest’anno? Zero e sapete perché? Perche Moses-Azpiliqueta e marcos Alonso sono 3 tra i terzini più forti al mondo. Ola Aina non è uno che al Chelsea potrebbe giocare semplicemente per questo, ma noi non penso aspiriamo ai terzini più forti al mondo e Ola Aina per il toro va benissimo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14014554 - 2 mesi fa

    perché probabilmente ha dei giocatori più forti in quel ruolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. piroldo64 - 2 mesi fa

    Evidentemente la rete di osservatori funziona.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Aina ha potenzialità fisiche enormi e buona tecnica.
    Sembra carente a livello tattico e di concentrazione ma ci si può lavorare senza problemi. I giovani sono così.
    Sono convinto che già nel girone di ritorno potremmo vedere dei miglioramenti. Gli 8 milioni del diritto di riscatto sembravano uno sproposito e invece potrebbero rivelarsi pochi.
    Acquisto eccellente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. verarob_701 - 2 mesi fa

    Ai pessimisti GlennGould ha già risposto, ma sottolineo, che siate d’accordo o no con la società, Il Torino FC a differenza di tante concorrenti CHE HA IL COMPLETO CONTROLLO, sulla proprietà dei giocatori, se in prestito con almeno il diritto di riscatto e senza recompra a vantaggio di altri….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 2 mesi fa

      E quello che mi dà da pensare: come mai, se è un giocatore cosí promettente, il Chelsie è disposto a lasciarselo scappare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 2 mesi fa

        Chiedo scusa: il commento, da posizionare come risposta a Glenn Gould, è finito fuori posto. Anzi, inavvertitamente, è comparso 2 volte.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 2 mesi fa

      Chiedo di nuovo scusa, ma ho inserito il commento qui sotto fuori posto.
      Innanzi tutto io non sono contro la società: ho spesso commentato a favore del nostro Presidente, auspicando che rimanga a lungo con noi.
      Ho solo detto che, a mio avviso, non bisogna farsi prendere da facili entusiasmi. Un ottimo giocatore, che ci danno in prestito con diritto di riscatto.. Possibile che non ci sia sotto qualche “inganno”? Non oso sperare che, x una volta, anche il Toro sia fortunato.. Se però così fosse, la prima ad esserne felice sarei io!
      Ribadiscono: avere dei pensieri pessimistici non vuol dire essere contro la società, anzi.. Vuol dire essere in ansia con, e per essa, per i suoi successi, per i suoi agognati traguardi, per le sue speranze di rinascita!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 2 mesi fa

    È un giocatore in prestito.
    La mia solita nota di pessimismo mi fa pensare che, se effettivamente svilupperà tutte le doti di cui si parla nell’articolo, presto tornerà al Chelsie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 mesi fa

      ..con diritto di riscatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 2 mesi fa

        E quello che mi dà da pensare: come mai, se è un giocatore cosí promettente, il Chelsie è disposto a lasciarselo scappare?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. GlennGould - 2 mesi fa

          Mah, qualche volta può capitare. Anni fa il M. United ha ceduto un giovanissimo Pogba ai gobbi a zero euro, per poi ricomprarselo a 100 milioni di euro; è il primo esempio che mi viene in mente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Madama_granata - 2 mesi fa

            Questo esempio è senz’altro di buon auspicio..
            Magari andasse bene una volta pure a noi! Comunque, x ora, gioca nel Toro e speriamo faccia bene, poi si vedrà!

            Mi piace Non mi piace
  10. GlennGould - 2 mesi fa

    Lui e Meite potrebbero rivelarsi due grandissimi acquisti. Le premesse ci sono tutte. Leggere cosa pensa Bertelli di lui fa davvero piacere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. drino-san - 2 mesi fa

    Eh si, questo ha fatto il preparatore atletico una vita, lo ha allenato, però tu che l’hai visto 2 volte lo smentisci. Mah…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-14003131 - 2 mesi fa

    A dire il vero non mi sembra velocissimo, visto dal vivo. O meglio: sul breve non è uno scattista e lo di è visto con Lazzari. Sul lungo ricupera, ma non avrà mai da correre per 70-80 metri nel campionato italiano…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 2 mesi fa

      Lazzari quando l’ha saltato è partito da fermo…e ha fatto 6 metri….essendo così piccolo ha una reattività diversa nel breve…. con L esperienza riuscirà a contenere tranquillamente anche questi giocatori (gomez giaccherini, …) comunque non L ho visto in gran difficoltà tranne un paio di volte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 mesi fa

        Lazzari non l’ha retto x l’intera partita. Gli uno vs uno con lui li ha persi praticamente sempre.
        Ciò non toglie che non sia un buon giocatore

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 2 mesi fa

          Le statistiche dicono altro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 2 mesi fa

          Ola Aina 1 contro 1 sono stati 11 totali , riusciti per Aina 9. Palle perse , sempre Aina 1. Falli subiti 1. Salvataggi 2. Intercetti 2. Tackle 6 totali , vinti 4. Dribbling subiti 1. Scusa ma o tu hai visto un altra partita o questi della lega mentono.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Colbacco_60 - 2 mesi fa

            Vero, secondo me. Aggiungo che, in una partita bloccata per la situazione campo, i giornalisti hanno raccontato un Lazzari fenomeno, quando in realtà è stato vagamente pericoloso in alcune situazioni. Poi non siamo in Inghilterra e Mazzarri gli spiegherà che qui, quando hai davanti uno che ti brucia nei primi 5 metri, non gli stai a 2 metri, ma a 2 centimetri e non lo fai partire. Il ragazzo si farà… (e non ha le spalle strette!)

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy