Stadio, per ora in 27 mila. Peveraro: ‘Si potrà ampliare più avanti’

Stadio, per ora in 27 mila. Peveraro: ‘Si potrà ampliare più avanti’

Molto presto nel nuovo stadio Olimpico inizieranno i lavori per la costruzione del terreno di gioco: nel corso dell’ultima riunione della Giunta comunale è arrivato il via libera definitivo, per una spesa che si aggira intorno a 1 milione e 795 mila euro. Resta da indire la gara d’appalto. “Sarà uno tra i campi più belli d’Italia – spiega Paolo Peveraro, assessore al Bilancio di Palazzo Civico – grazie al…

Molto presto nel nuovo stadio Olimpico inizieranno i lavori per la costruzione del terreno di gioco: nel corso dell’ultima riunione della Giunta comunale è arrivato il via libera definitivo, per una spesa che si aggira intorno a 1 milione e 795 mila euro. Resta da indire la gara d’appalto. “Sarà uno tra i campi più belli d’Italia – spiega Paolo Peveraro, assessore al Bilancio di Palazzo Civico – grazie al trattamento che verrà riservato al manto erboso con tecnologie all’avanguardia”. Gli scavi verranno eseguiti a 40 centimetri sotto il livello del suolo per consentire in futuro gli ampliamenti delle gradinate al primo livello. La novità riguarda la recinzione alta appena 1 metro e 20 (crediamo che uno dei primi accorgimenti sarà rialzarla!).

Assessore, quando sarà possibile giocare la prima partita nel nuovo impianto?

“I lavori si concluderanno in tempo per l’inizio della stagione 2006/2007, tendo a escludere una gara amichevole prima di quella data”

Sono previsti interventi d’ampliamento per aumentare la capienza?

“Non adesso, perché c’è il rischio di non completarli. Volendo, lo si potrà fare alla fine del prossimo campionato, durante l’estate 2007”

Facendo i conti, sono 27 mila posti. Giusto?

“Esatto, però tenga presente che in ossequio alle norme Uefa e al decreto Pisanu dovrà essere approntato un settore ospiti per circa 2500 tifosi e in più c’è da considerare lo spazio destinato alle forze dell’ordine per il “cordone” di sicurezza”

Proprietario dello stadio è il Comune. Come vanno le trattative con il Torino per l’affitto?

“Stiamo formalizzando il contratto, manca poco. Stesso discorso con la Juventus che vi giocherà fin quando non saranno ultimati i lavori di ristrutturazione al Delle Alpi. In commissione è arrivato l’ok anche per quelli, approvando una variante decisiva. La questione si va risolvendo nel migliore dei modi, tenendo fede al principio intangibile espresso da precedenti delibere comunali: uno stadio per ogni squadra”

Mai avuto dubbi che le cose potessero andare in un altro modo?

“Riconosco che non tanto tempo fa un po’ d’incertezza aleggiava nell’aria. In ogni caso, la posizione del Comune non sarebbe mai cambiata e la variante sul Delle Alpi mette la parola fine alla vicenda”

Quali sono le intenzioni del Comune sull’impianto di corso Sebastopoli dopo l’anno di affitto?

“L’obiettivo è darlo in concessione al Torino di Urbano Cairo per 40 anni”

Esiste già un accordo scritto?

“No, ma un’intesa di massima c’è”

Che cosa chiederà il Comune per la concessione?

“Di coprire l’onere sostenuto e da sostenere per i lavori di rifacimento, ripartito su base annua”

Una sorta di canone.

“Mettiamola così”

Il cui ammontare sarebbe?

“Circa un milione di euro, per trent’anni”

Costo del nuovo stadio per il Torino: 30 milioni di euro.

“Esatto, con enormi possibilità di ritorni per lo sfruttamento di un’area di 7500 metri quadri, di cui 3600 a scopo commerciale”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy