Tachtsidis e Candellone per confermarsi. Segre-Zenuni, derby tra ex Primavera

Tachtsidis e Candellone per confermarsi. Segre-Zenuni, derby tra ex Primavera

Italia Granata / Il giocatore greco prenderà il posto dell’infortunato Ionita, infortunatosi per un lungo periodo

1 Commento

Il week-end è alle porte e torna la Serie A, dopo la sosta delle Nazionali, così come tutti i massimi campionati d’Europa. In campo, ovviamente, anche Serie B e Lega Pro: nella classica preview di Italia Granata, andiamo a scoprire gli impegni dei giocatori di proprietà del Torino, in prestito altrove.

SERIE A – Sono tre i giocatori di proprietà del Torino in prestito in altre società della massima serie della penisola. In primis c’è Vittorio Parigini, attaccante di Moncalieri, classe ’96, in forza al Chievo Verona, squadra nella quale però, sin qui, ha giocato soltanto 4′, complice di ciò soprattutto la grande concorrenza che c’è nel reparto offensivo dei “Clivensi”, i quali stanno affrontando un periodo da sogno, dal quale non vorrebbero mai svegliarsi. Il Chievo Verona di Maran quindi, domenica prossima, affronterà il Milan di Vincenzo Montella, il quale potrebbe puntare sulla carta Lapadula, attaccante ex Pescara con un’immensa fame di gol. Nel reparto offensivo di Maran, invece, difficilmente ci sarà il nome di Parigini, il quale sembra destinato nuovamente a sedersi in panchina. Situazione ben diversa invece per Tachtsidis, in forza al Cagliari in prestito e saldamente titolare nell’undici di partenza dei sardi. Il greco, in questo avvio di stagione, è stato anche un po’ “fortunato”, a causa dell’infortunio di Ionita, che gli ha permesso di subentrare in campo con un ruolo importante nella rosa di Rastelli, il quale gli ha affidato con un’immensa fiducia le chiavi della mediana. Il Cagliari, domenica alle 15.00, affronterà l’Inter, di De Boer, squadra totalmente alla ricerca di continuità. Il centrocampista di proprietà del Torino, reduce da due ottimi assist confezionati per i proprio compagni, quasi sicuramente, a San Siro verrà schierato da titolare. Il terzo giocatore è Alfred Gomis, portiere di scuola granata le cui vicende sono seguite con attenzione dal Torino. Il portiere italo-senegalese è tornato ad allenarsi sul campo dopo l’infortunio alla mano di inizio settembre, ma difficilmente potrà essere a disposizione di Donadoni per la gara che i felsinei disputeranno in casa della Lazio.

SERIE B – Nella categoria minore, uno dei protagonisti potrebbe essere Simone Rosso, ala sinistra in forza al Brescia, squadra che, domani, affronterà alle 15.00 la Salernitana. Il giocatore di proprietà del Torino dovrebbe partite dalla panchina, ma, la fiducia di Brocchi c’è: un altro ingresso a gara in corso sembra una soluzione probabile. Altro giocatore granata impegnato in questa Serie B è Salvador Ichazo, portiere uruguagio in forza al Bari, squadra pugliese che, domenica alle 15.00, affronterà al Matusa il Frosinone di Marino. L’ex Danubio, nella scorsa giornata, è partito dalla panchina, per dar spazio al classe ’93  Alessandro Micai. La fiducia al giovane italiano potrebbe essere rinnovata in vista della prossima partita contro il Frosinone. Potrebbe partire anche dalla panchina il giovane Marco Chiosa, giocatore in forza al Perugia che non assapora il campo dal 17 settembre, giorno in cui ha giocato 66′ contro la Ternana, match che si è concluso con un 1-1. Nessuna presenza sin qui nel campionato cadetto per Zaccagno, portiere voluto fortemente da Moreno Longo, suo allenatore ai tempi della Primavera del Torino. La porta della Pro Vercelli, che domenica sfiderà il Novara al Silvio Piola, sarà difesa, molto probabilmente, nuovamente da Provedel, giovane portiere di proprietà del Chievo Verona che sin qui ha collezionato ben 720′ in B. Situazione analoga per Lorenzo Carissoni: anche per lui zero minuti con il Trapani guidato da Serse Cosmi, allenatore che, nella scorsa stagione, stava sfiorando un’impresa colossale con la squadra siciliana. Il Trapani, lunedì, incontrerà la Ternana al Provinciale. Kevin Bonifazi, con la sua Spal, invece affronterà il Cesena stasera alle 20.30: il difensore è ancora in attesa di poter esordire in Serie B.

LEGA PRO – Uno dei protagonisti di questa categoria è Leonardo Candellone, in forza al Gubbio di Giuseppe Magi. Il giovane attaccante di proprietà del Torino, sin qui, ha collezionato 8 presenze, siglando anche una rete e un assist. Domani, la squadra umbra, sfiderà la Maceratese, match valido per la conquista della prima posizione nel girone B della Lega Pro: Candellone sarà probabilmente titolare e l’obiettivo è proseguire il buon inizio di stagione. Matteo Procopio, invece, con la sua Cremonese, affronterà domenica l’Olbia al “Giovanni Zini”. Segre, in prestito al Piacenza, affronterà il Tuttocuoio di Zenuni, mentre Giovanni Graziano, centrocampista del Renate, giocherà contro la Carrarese. Stefano Tindo, con la sua Vibonese, affronterà i siciliani del Siracusa. Infine, Piccoli, che con il Forlì ha collezionato due presenze in Lega Pro, affronterà il Parma domani pomeriggio.

ESTERO – All’estero sono due i giocatori impegnati in questo fine settimana: Pontus Jansson e Gaston Silva. Quest’ultimo, che con il Granada al momento siede all’ultimo posto della Liga, domani affronterà l’immensa potenza dell’Atletico Madrid al Vicente Calderon. Una sfida tosta, ma che potrebbe motivare ulteriormente i giocatori del Granada, compreso l’uruguagio, in cerca della prima vittoria stagionale. Jansson, invece, in forza al Leeds guidato da Gary Monk, ex tecnico dello Swansea – club in cui ha fatto la storia – andrà incontro ad una sfida molto difficile: contro il Derby County, club allenato da Steve McClaren, il quale, alla sua prima, tenterà di stupire il pubblico di casa.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. osvaldo - 2 mesi fa

    Tante volte ho scritto che Parigini avrebbe fatto tanta panchina e tribuna perchè un giovane in prestito secco difficilmente trova spazio nella formazione titolare poichè non vi è nessun interesse a valorizzare un giovane di altra società concorrente,salvo in caso di etrema necessità, senza ricavarne alcun beneficio ECONIMICO. Un giovane promettentissimo,già inseguito da squadre di alto rango dall’età di 15-16 anni,già titolare in under 21 nonostante la giovane età,si ritrova a scaldare la panchina del Chievo!
    Se proprio panca doveva essere non era meglio scaldare quella del Toro?
    Stessa situazione sarà per Gomis (a parte la sfortuna dell’infortunio),cosa avrebbe potuto imparare allenandosi e guardando Hart?
    Questa mia non vuole affatto essere una polemica,bensì solo una riflessione sul fatto che si poteva essere meno precipitosi ed aspettare almeno il mercato di gennaio per valutare bene i due giocatori e le eventuali opportunità.
    Sempre forza Toro
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy