Angelo Cereser, una bandiera nella storia del Torino

Angelo Cereser, una bandiera nella storia del Torino

Il calciatore giocò nel Torino dal 1962 al 1975 e compie oggi 74 anni

di Redazione Toro News

Prima portiere, poi centrocampista ed infine libero. Un giocatore che ha provato tanti ruoli prima di trovare la sua dimensione e di affermarsi come libero scrivendo pagine importanti della storia del Torino. Angelo Cereser è nato ad Eraclea il 6 aprile del 1944, dando i primi calci poco distante da casa, a San Donà di Jesolo. Il Torino, però, nota subito il talento di questo ragazzo tutto muscoli e grinta, che bada poco alla qualità ma tanto alla sostanza e ne sono una dimostrazione i 5 gol segnati in 226 partite, e nel 1962 se lo porta a casa per poche lire. Dopo essere passato dalla culla del Filadelfia, esordisce in serie A il 19 settembre in uno Spal-Torino. Il Paròn Nereo Rocco, allenatore di allora, iniziò ad intuire le sue doti, e lo posizionò come marcatore puro, facendogli raggiungere, nel giro di due anni, la prima squadra in pianta stabile. La stagione 1967/1968 – segnata dalla tragica morte di Gigi Meroni – vide l’arrivo in panchina di Edmondo Fabbri che trasformò immediatamente Cereser da attaccante a libero, ruolo che ricoprì fino al ritiro, avvenuto nel 1979. In carriera, vinse due volte la Coppa Italia: nel 1967/1968 e nel 1969/1970, entrambe le volte battendo in finale il Milan, quando ancora le finali si disputavano tra quattro squadre riunite in un unico girone.

Soprannominato “Trincea” dai tifosi granata, Angelo Cereser compie oggi 74 anni. Tanti auguri di un felice e sereno compleanno dalla Redazione di TN!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy