Cacciolatto: ‘il Toro è il mio unico ideale’

Cacciolatto: ‘il Toro è il mio unico ideale’

Di Ermanno Eandi

Mario Cacciolatto è il presidente del Toro Club “Giorgio Ferrini” di Nichelino. Schietto, simpatico e ardito, è il Garibaldi granata sempre pronto a combattere e a difendere il suo amato Toro. Lo incontriamo alla festa del suo club (alla cena ci sono oltre cinquecento tifosi), il nobile padrone di casa ci parla della sua vita in granata.

Signor…

Commenta per primo!

Di Ermanno Eandi

Mario Cacciolatto è il presidente del Toro Club “Giorgio Ferrini” di Nichelino. Schietto, simpatico e ardito, è il Garibaldi granata sempre pronto a combattere e a difendere il suo amato Toro. Lo incontriamo alla festa del suo club (alla cena ci sono oltre cinquecento tifosi), il nobile padrone di casa ci parla della sua vita in granata.

Signor Cacciolatto, ci può spiegare il successo del suo club?
Grande volontà, per un unico ideale, il bene del Toro. Siamo una grande famiglia, sia allo stadio che durante la settimana, ci incontriamo e viviamo la nostra fede. Noi siamo un grande club. Non voglio più dire quanti tesserati abbiamo, siamo tanti, tanti, tanti! Sono anche contento perché, questa sera  oltre ai tifosi locali ci sono molte rappresentanti di club amici.

Cosa significa tramandare la memoria di Giorgio Ferrini?
È un grande onore! Dopo il Grande Torino, lui è stato il più grande. È uno stimolo e una garanzia.

Oggi la fede granata si sposa con la solidarietà, ci può spiegare la sua iniziativa?
La nostra cena sociale è nata ad aiutare una bambina che è ricoverata a Miami, che dovrà sostenere delle cure carissime (più di 200.000 euro) per sopravvivere. Noi vogliamo essere vicini alla famiglia, per dimostrare che la solidarietà è l’arma in più dei tifosi di Nichelino.

Cosa pensa del Toro attuale?
Direi che ci sono dei piccoli problemi, che De Biasi conosce ottimamente. Ci mancano un paio di giocatori: un uomo di fascia alla Comotto e un centrocampista di contenimento con tanta grinta, abbiamo gli uomini contati.  Sono sicuro che la società provvederà a colmare queste lacune.

Ha qualche nome da suggerire?

No, però, so che il presidente ha già in mente alcuni nomi.

De Biasi resterà al Toro?
Cairo ha un progetto con l’allenatore e sono sicuro che farà di tutto per portarlo a termine.

Domenica contro il Milan sarà una impresa?
Il Milan è sicuramente più forte. Il Toro deve ritornare ad essere se stesso, umile e consapevole di essere una squadra di lavoratori, senza fuoriclasse ma ottimi giocatori. Al Toro attuale manca la grinta e devono lavorare di più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy