Cesare Salvadori: ‘‘Don Aldo, un amico mio e del Toro che amava il Filadelfia’’

Cesare Salvadori: ‘‘Don Aldo, un amico mio e del Toro che amava il Filadelfia’’

Il presidente della Fondazione Filadelfia ci racconta la dedizione di Don Aldo (presidente onorario della medesima Fondazione) per la causa del Fila.”Lui ha rappresentato la storia del Torino in questi decenni”

Commenta per primo!

Salvadori, in questa giornata così triste per chi ama il Torino le chiediamo un ricordo di quello che per lei è stato Don Aldo Rabino in questi anni

Buongiorno, sì oggi è davvero una triste giornata. Don Aldo mancherà a tutti e a me personalmente mancherà anche come amico, visto che avevo l’onore di conoscerlo bene. oggi sul nostro sito abbiamo pubblicato un comunicato per ricordarlo, lui era un punto di riferimento per noi. Ricordo quanto tenesse alla causa del Filadelfia e quanto si rammaricasse delle difficoltà incontrate negli anni per la ricostruzione dell’impianto e del troppo tempo occorso per la rinascita. Per lui quella è sempre stata la vera casa del Torino e si è prodigato moltissimo perché il Toro potesse riaverla.

Don Aldo aveva davvero un forte legame con il mondo granata e con il Filadelfia

Sì, lui è stato di fatto il mio primo atto come presidente della Fondazione Filadelfia. La sua nomina come presidente onorario è stata accettata all’ unanimità da parte di tutti i consiglieri e non poteva essere altrimenti. Mai ho visto un presidente adempiere così bene e con così grande passione ai suoi compiti. Nonostante tutti i suoi impegni e la fitta agenda che aveva, non mancava mai di dare il suo contributo, dimostrando quanto tenesse a che il Filadelfia tornasse davvero ad essere la casa del Torino. La sua scelta come presidente onorario era inevitabile, perché nessuno come lui ha rappresentato la storia del Torino in questi ultimi decenni.

Vuole raccontarci qualche ricordo del suo personale legame con Don Aldo?

Con Don Aldo ho molti ricordi cari e personali, anche perché come ho detto mi onorava della sua amicizia. Per questo ho avuto la possibilità di vivere con lui dei momenti conviviali, in famiglia, separati  anche da quella che è ed è stata la nostra comune passione di tifosi del Torino; ad esempio ha celebrato il matrimonio di mio figlio lo scorso anno. Per me è scomparso davvero un caro amico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy