Che la squadra rinunci al 4 Maggio

Che la squadra rinunci al 4 Maggio

Buonasera

sono un tifoso granata milanese la cui passione nacque in un agosto di 40 anni fa a Menaggio provincia di Como ( maledetta quella vacanza!!) quando a poco più di 6 anni giocavo a pallone sulla spiaggia del Lido con un giovane e promettente portiere del Monza che da lì a poco sarebbe diventato il portiere del Torino. Inutile precisarne il nome e le gesta ma sta di fatto che da quel giorno ho…

Buonasera

sono un tifoso granata milanese la cui passione nacque in un agosto di 40 anni fa a Menaggio provincia di Como ( maledetta quella vacanza!!) quando a poco più di 6 anni giocavo a pallone sulla spiaggia del Lido con un giovane e promettente portiere del Monza che da lì a poco sarebbe diventato il portiere del Torino. Inutile precisarne il nome e le gesta ma sta di fatto che da quel giorno ho legato la mia vita (sportiva e non solo come dice mia moglie) al Toro. Non voglio aggiungere altre valutazioni alle molteplici e condivisibili già espresse da altri fratelli granata,ma ritengo che alla dignità non si possa rinunciare
Premettendo che più volte ho sentito come una gabbia il nostro disperato ritorno al passato per poter vivere di un presente buio ed opprimente e quindi pur capendo l’importanza della nostra Storia ( Grande Torino,Filadelfia,Meroni,Toro 76,Toro anni 90,ecc,) ho sempre pensato che fosse necessario favorire una direzione che avesse nel presente o nel futuro prossimo la propria consistenza. Poichè il presente è irriguardoso nei nostri confronti ed il futuro non esiste ,mi sembra doveroso un segno di gratitudine verso chi invece anche se solo per qualche momento ci ha resi orgogliosi della nostra appartenenza a questa storia. Agli attuali giocatori del Torino poco importerà visto che penso non vedano l’ora di chiudere questa vergogna e sistemarsi altrove, ma sarebbe un segno grande per noi che invece amiamo questi colori a volte con una dose di grande irrazionalità,poter chiedere quanto segue: visto che non mi pare possibile imporre alla società di non far più indossare la maglia granata ai giocatori fino a fine anno, perchè non chiediamo a giocatori e squadra in modo educato, non con gesti violenti o plateali, di rinunciare dignitosamente alle celebrazioni a Superga del 4 maggio lasciando invece che sia l’ultimo nostro capitano vero a leggere i nomi degli immortali-CLAUDIO SALA e come segno di speranza ( fievole e parziale) che ci sia solo la Primavera di Asta a presenziare la funzione?
E’ vero ci giriamo ancora indietro ma innanzi a noi ci sono solo macerie;per un giorno invece che andare su youtube a vedere i filmati di toro cesena ,derby del 76 ,ecc risentiremo dal vivo voci che abbiamo amato
E’ poco, non serve ma almeno ha dignità

Grazie e complimenti per Toronews

Risposta:

 

Caro lettore,

innanzi tutto grazie per i complimenti, siamo felici delle tante lettere che ci arrivano e spesso ci troviamo in difficoltà nel pubblicarle tutte, sintomo che di Toro ci si muore per davvero.

La tua proposta di chiedere alla squadra di non partecipare alla celebrazione, segnerebbe una data storica nella tradizione Granata che solo un folto movimento di piazza potrebbe in qualche modo far avverare. La situazione del Toro moderno è decisamente scombussolata, rendendo impossibiie per qualsiasi giocatore conoscere e capire ciò che la nostra storia rappresenta. Attenzione, però, che quella Storia i nostri Eroi se la sono conquistata con il sudore e la fatica, mentre oggi troppo spesso si chiede a calciatori che nulla sanno e nulla hanno visto di interpretare un pensiero in noi radicato come se fosse loro! Quanti giocatori passati sotto la Mole e quante delusioni si sono verificate con il passare delle partite.

I giocatori di oggi, gente che ha 23/24, anche 30 anni, non sa nulla di ciò che il Torino è stato, nè ha mai visto uno solo di quei campioni che tu citi correttamente: non si può chiedere di capire in cinque mesi qualcosa come “il cuore granata” o “Tremendismo” o peggio ancora “la Maratona” a qualcuno che non ha cultura in merito (assenza di nozioni giustificata dalla sempre più scarsa presenza dei granata sui palcoscenici più importanti). Il Toro senza futuro non può aggrapparsi a ciò che era, deve cercare di lottare per conquistare di nuovo la posizione che gli spetta, come è nel nostro DNA, senza timore. Bisogna tornare ad essere del Toro per rivedere il Toro e non isolarsi attendendo che qualcuno ricco, serio e antijuventino ci restituisca ciò che è nostro.

La tua proposta è sensata e merita di essere letta e supportata mediaticamente, ma la scelta, come sai bene spetta ai tifosi unici veri proprietari di uno spirito unico. A loro la parola, a te la possibilità di scrivere ancora.

Un abbraccio Granata.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy