Toro, 81 anni fa l’esordio di Giacinto Ellena

Toro, 81 anni fa l’esordio di Giacinto Ellena

Memorie Granata/ Contro la Fiorentina il debutto dello stopper con l’occhio da talent scout

Commenta per primo!

Era il 21 gennaio di tanti anni fa, precisamente 81: nel 1934, nella trasferta di Firenze, esordiva in maglia granata Giacinto Ellena, diciannovenne mediano di belle speranze proveniente dalle giovanili. “Gamena” giocherà quell’anno solo quella partita, trasferendosi la stagione successiva in prestito in Serie B. Nel 1935 però è già rientrato al Filadelfia, dove resta per tre stagioni in cui colleziona 75 presenze complessive, compresa una in Coppa Italia nel 1936 che gli permette di far parte della rosa che si aggiudicherà il trofeo per la prima volta nella storia granata.

Viene quindi acquistato prima dal Milan, squadra nella quale però non riesce ad imporsi, e poi proprio dalla Fiorentina. Con i gigliati gioca 60 partite in due anni conquistando anche in questo la Coppa Italia, questa volta da titolare, al termine della sua prima stagione. Torna nuovamente al Toro nel 1941, facendo parte della “prima edizione” del Grande Torino che vince lo scudetto nel 1943 e in cui lui è lo stopper titolare. Nel 1944 lascia ancora una volta il Toro, passando prima all’ Alessandria, poi al Legnano ed infine al Cesena dove nel 1951 termina la sua carriera da calciatore ed inizia quella da allenatore, che lo porterà in seguito nuovamente sotto la Mole, guidando le formazioni giovanili e subentrando in alcune occasioni anche sulla panchina della prima squadra, l’ultima volta nel 1963.
Il suo cuore però “sanguina granata” e così resta nella società come osservatore e talent scout. L’occhio per i giovani calciatori c’è, eccome! E’ lui a scoprire il mitico Paolino Pulici oltre a Zaccarelli, Fuser e Dino Baggio tra gli altri. Si spegne a Torino proprio il giorno del suo ottantaseiesimo compleanno, dopo aver chiesto e ottenuto un ultimo saluto dal suo Toro, portato in quell’ occasione dall’ allora Presidente granata Romero: un ulteriore gesto d’amore per quella maglia granata che tanto ha amato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy