‘Finchè morte non ci separi’

‘Finchè morte non ci separi’

Sarà proiettato questa sera al Cafè Liber di corso Vercelli 2 (angolo Lungo Dora Napoli) a Torino dalle ore 21.00 alle 24.00 il documentario "FINCHE’ MORTE NON CI SEPARI" , Una città e una squadra di calcio. Per non guarire dalla malattia di Toro.

Una città e una squadra di calcio. 

Una squadra che muore sulla sua città. 

Uno…

Sarà proiettato questa sera al Cafè Liber di corso Vercelli 2 (angolo Lungo Dora Napoli) a Torino dalle ore 21.00 alle 24.00 il documentario "FINCHE’ MORTE NON CI SEPARI" , Una città e una squadra di calcio. Per non guarire dalla malattia di Toro.

Una città e una squadra di calcio. 

Una squadra che muore sulla sua città. 

Uno scudetto.

Uno stadio demolito.

Morire e resuscitare in due mesi.  

Chi sa racconta, chi ascolta capisce e tramanda. 

Il perchè dei sentimenti non si spiega. 

Per non guarire dalla malattia di Toro.

Può esistere una storia che descrive i tifosi di una squadra di calcio a Torino? No.
Perchè a Torino di squadre di calcio ce ne sono due.

E Torino ha due modi di tifare, due modi di vincere, perdere, ricordare. Due modi di intendere il calcio.
 
“Finché morte non ci separi” è il racconto, attraverso i ricordi dei tifosi, di un
legame contagioso che dal 1949 unisce molti torinesi, e non solo. Un legame che ha condotto alcuni intervistati a scelte di vita particolari: chi da anni lavora ad un museo di cimeli granata salvati in parte dai rifiuti, chi da anni combatte per la salvaguardia di un campo di calcio demolito quasi del tutto, chi da anni denuncia, a suo rischio e pericolo, quei poteri ingordi che hanno sperato a lungo che di squadra di calcio a Torino ne rimanesse solo una. Chi da anni semplicemente ha sofferto molto, perchè tifare Toro è un’attività per cuori robusti.

Non tutti possono vantare di aver conquistato la A, averla persa, essere morti e risorti in 2 mesi, come “in un brutto trip dell’orrore”. Ma il tifoso del Toro “sa perdere in modo divino”, e saperlo fare nella città dell’altra squadra, che per la propria ingordigia finisce in B, è un vanto. E richiede una dote oggi più che mai poco diffusa: quella di non stare dalla parte del padrone.

Così, di calcio si finisce per parlare ben poco, gli avversari sono sociali, etici,
morali.

“Ma se un giorno vi raccontassero che 10.000 anni fa una squadra è morta sulla sua città, ci credereste?”. No. E non crediamo ancora oggi alle fatalità, ingiustizie ed errori che caratterizzano la storia del Toro.

“Finché morte non ci separi” racconta questo, nell’anno del centenario, e della Juve, finalmente, in B.

Hanno raccontato e si sono sfogati, tra gli altri:
Mecu Beccaria, Beppe Turletti, Michele Monteleone, Michele Ferrero, Luisa Bergoglio, Vincenzo il cazolaio del filadelfia, Gian Paolo Ormezzano, Paolo Ferrari, Sauro Tomà, Ginetto Trabaldo, Secondo Perona, Maurizio Ferrarotti, Gian Luca Favetto, Naska e Oscar degli Statuto, un sarto, un ultras, un ex-juventino, un cileno, una nonna, un passante…
Per non guarire dalla malattia di Toro.
  
documentario, durata 50”,  formato hdv

un film di fabiana antonioli

produzione diecidecimi visual.media  (www.diecidecimi.tv)

musiche originali marco milanesio 9cento9   (www.off.to.it)

testi andrea roncaglione   (www.andrearoncaglione.it)

Hanno collaborato: Elena Lucia Marcon, Barbara Andriano, Maurizio Bonino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy