Gigi Meroni: l’arte della bellezza, prima di tutto…

Gigi Meroni: l’arte della bellezza, prima di tutto…

La Farfalla Granata / Ragazzo della Beat generation, tra colpi di classe e tocchi d’artista: lo spirito di un’era incarnato in calciatore

Gigi Meroni disegnato da Riccardo Cecchetti

Se a Torino provi a chiedere di Gigi Meroni, la risposta che ottieni è sempre la stessa: sguardo perso nella mente e occhi che rivedono scorrere le opere di un artista a 360°. Perché Gigi Meroni (immagine di copertina disegnata da Riccardo Cecchetti) non era semplicemente un giocatore dalle doti tecniche di gran lunga superiori alla media, ma lo spirito di un’era incarnato in calciatore.

Gigi Meroni
Uno dei quadri dipinti da Gigi Meroni

Con quei capelli lunghi, i baffi e i basettoni. Con quei suoi gesti provocatori, come portare una gallina al guinzaglio, indossare vestiti ai tempi considerati un po’ strambi. Pensati, disegnati e cuciti da sé.

Senza dimenticare le volte in cui – sentendo parlare a lungo delle sue gesta, nei bar di quartiere – si improvvisava cronista sportivo fermando i passanti, chiedendo loro: “Cosa ne pensa di Gigi Meroni?”. Chissà quanti capirono con qualche anno di ritardo di aver parlato con il proprio idolo sportivo e non con un semplice scribacchino locale…

Gigi Meroni
Gigi Meroni in versione fumetto

Chi ama il calcio, in questo giorno, anche a 48 anni di distanza, non può non ricordare la Farfalla Granata, non può non ritagliarsi qualche minuto per andare a rivedere i vari video diffusi in rete. Per ammirare i suoi cross, i suoi dribbling e quella leggerezza (quasi) sovrannaturale con la quale riusciva ad accarezzare il pallone.

Gigi Meroni: l’indimenticabile, prima dell’utile. L’arte della bellezza, prima di tutto…

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. luca - 2 anni fa

    Se devo essere veramente sincero, secondo me Gigi era sopratutto un grande e fantasioso disegnatore,oltre che calciatore,infatti, gli abiti che indossava, se li disegnava personalmente ,con estrema originalità per i tempi.Il pittore lo faceva per passione e per amore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. luca - 2 anni fa

    Un pò De Chirico,un pò Modigliani,un pò Jack Keruak ma soprattutto Meroni!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy