I tifosi scrivono a Toro News: mercato, amnistia e Italia

I tifosi scrivono a Toro News: mercato, amnistia e Italia

MASTELLA SI VERGOGNI
Il sig. Clemente Mastella, neo-ministro della Giustizia della Repubblica italiana, dovrebbe vergognarsi! Spero vivamente rimanga una voce sparuta (insieme all’altro esimio rappresentante delle istituzioni, il senatore a vita Francesco Cossiga) nel panorama politico italiano. Sarebbe veramente il colmo, una vergogna NAZIONALE. Speriamo che le istituzioni a partire dal suo più alto…

di Redazione Toro News

MASTELLA SI VERGOGNI
Il sig. Clemente Mastella, neo-ministro della Giustizia della Repubblica italiana, dovrebbe vergognarsi! Spero vivamente rimanga una voce sparuta (insieme all’altro esimio rappresentante delle istituzioni, il senatore a vita Francesco Cossiga) nel panorama politico italiano. Sarebbe veramente il colmo, una vergogna NAZIONALE. Speriamo che le istituzioni a partire dal suo più alto rappresentante, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, si adoperino nell’isolare le voci deliranti di certi figuri e far sì che le attese delle persone oneste non vengano per l’ennesima volte disasattese. Non so cosa possa fare in proposito una testata come Toronews, mi piacerebbe inondare di proteste il ministero della Giustizia nonchè la presidenza della Repubblica al fine di far sentire la voce degli
sportivi veri. Sarò ben lieto di partecipare personalmente a questo
tipo di protesta.
Cordiali saluti e … FORZA TORO

Gianni Vioglio

ORA CAVALCANO L’ONDA AZZURRA
Caro Direttore, proviamo, da tifosi del Toro, ad andare un po’ contro corrente? Premesso che sono felice che l’Italia abbia vinto il Mondiale, non posso esimermi dal pensare che, forse, sarebbe stato molto meglio perderlo. Perdere, per esempio, contro l’Australia, cioè calcisticamente contro Nessuno (e ci siamo andati molto vicino). Perché affermo questo? Anzitutto mi sembra, francamente, che i media esagerino e che i politici si siano messi a cavalcare la vittoria della Nazionale in modo spudorato. Nessuno, guarda caso, ha invece detto nulla del fatto, a mio parere assai grave, che l’Italia dell’atletica, dopo 33 anni, sia retrocessa nella serie B europea. Che bello aver vinto ai rigori; un magnifico sberleffo all’avversario; abbiamovendicato la sconfitta del ’98! Idiozie! Uno sportivo vero ed onesto non deve fare sberleffi all’avversario. Deve batterlo bene, possibilmente dominandolo, non alla lotteria dei rigori. Abbiamo vinto alla lotteria. Alla fine della partita l’avversario deve essere onorato: come nel rugby che è ancora sport vero e leale. […] Per questo bisogna dare il giusto valore alla vittoria in una partita di calcio, sia pure importante, e non esaltarsi troppo. Radio e televisione sembrano impazzite, non parlano d’altro. Che il calcio sia diventato l’oppio dei popoli? La droga da distribuire ad una massa di imbecilli? Può essere!
[….] Nessuno nasce vincente, bisogna prima partecipare (perdendo, ma non è un’onta!) poi allenarsi intensamente, poi uno solo vincerà. Se non si applica questo principio, i giovani non si avvicineranno mai allo sport praticato, i tennisti italiani continueranno a far pena, la nazionale d’atletica retrocederà, i nostri ciclisti vinceranno il Tour ogni trent’anni (magari con doping), i golfisti non vinceranno mai. Quando andrà bene faremo festa per un motociclista o per un gruppo di meccanici, che fa più presto degli altri a far benzina ad un tedesco!

Riccardo Travers

ASPETTIAMO ANCORA 3-4 GIOCATORI DA SERIE A
Egregio Direttore grazie per questo spazio concesso ai tifosi. Mi auguro che Lei sappia essere una voce autonoma e non un "portavoce" della società.Aspettiamo 3-4 giocatori di livello, da serie A non ex giocatori di questa categoria.Non peraltro, per non soffrire TUTTE le domeniche,ma giocarcela alla pari con le squadre così dette di II fascia.
Grazie per l’attenzione,

Fabio Freni

DA ROMA MI TENETE LEGATO AL VECCHIO TORO!
Sono giornalista da 46 anni in "esilio" a Roma. Ti leggo ogni giorno, qualche volta 2 o 3 e trovo il tuo sito oltre che perfetto anche l’unico momento di vicinanza al vecchio Toro che mi mantiene nel ricordo la salita a Superga quel 4 maggio accompagnato da mio padre. Ancora tanti auguri. Grazie e cari saluti

Claudio lavazza

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy