Il 4 maggio di…Pier Paolo Pesce

Il 4 maggio di…Pier Paolo Pesce

Pierpaolo Pesce ha 65 anni è nato a novi Ligure ma vive a Roma ed è presidente della sezione dei Fedelissimi della capitale.
Cosa rappresenta per lei il 4 maggio?
E’ una di quelle ricorrenze memorabili, cerco di esserci tutti gli anni perchè noi tifosi granata il Filadelfia e Superga li sentiamo dentro il cuore.
Sono tre anni che come Fedelissimi mettiamo mensilmente una corona di fiori a Superga,…

Commenta per primo!

Pierpaolo Pesce ha 65 anni è nato a novi Ligure ma vive a Roma ed è presidente della sezione dei Fedelissimi della capitale.
Cosa rappresenta per lei il 4 maggio?
E’ una di quelle ricorrenze memorabili, cerco di esserci tutti gli anni perchè noi tifosi granata il Filadelfia e Superga li sentiamo dentro il cuore.
Sono tre anni che come Fedelissimi mettiamo mensilmente una corona di fiori a Superga, e stamane al Flaminio di Roma abbiamo inaugurato una lapide che ricorda Gli Invincibili.
Cosa vuol dire essere del Toro?
Il Toro è la mia vita, viene subito dopo la mia famiglia.
Cosa ne pensa della marcia?
E’ un avvenimento a supporto di tutti i valori granata, come il Filadelfia. E’ un momento di aggregazione per tutti i tifosi, alla marcia del 2003 siamo arrivati da Roma con un pullman.
Cosa ne pensa del Toro attuale?
Si è rivelato una grossa delusione. Non mi sembra nemmeno il Toro. A parte Ardito e Brevi, gli altri sono stati molto deludenti. Rosina è bravissimo, ma è discontinuo.
Si Salverà?
E’ una bella domanda. Tengo la risposta per me.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy