Latina granata pronta per la A

Latina granata pronta per la A

Il 29 giugno si è tenuto il “TORO DAY” organizzato dal club granata di Latina. Dopo la magica notte dell’ 11 giugno scorso, vissuta personalmente da molti iscritti sia al “Delle Alpi” che nel centro di Torino, la serata di ieri è stata una bella occasione di incontro, di scambio delle sensazioni di un’ annata magica e di programmazione dell’ immediato futuro. Non potevano…
di Ermanno Eandi
Il 29 giugno si è tenuto il “TORO DAY” organizzato dal club granata di Latina. Dopo la magica notte dell’ 11 giugno scorso, vissuta personalmente da molti iscritti sia al “Delle Alpi” che nel centro di Torino, la serata di ieri è stata una bella occasione di incontro, di scambio delle sensazioni di un’ annata magica e di programmazione dell’ immediato futuro. Non potevano mancare i richiami (con filmati, documenti fotografici e copie di giornali) a tutte le emozioni dell’ultimo anno, a partire dalla delusione degli ultimi giorni della gestione Cimminelli, fino all’avvento di “Urbano I°” (dopo le schermaglie con Giovannone), per poi arrivare a tutte le tappe nella quali la Latina Granata è stata al fianco della squadra nella sua fantastica cavalcata: la prima trasferta a Pescara (con la storia del “talismano per la A” già pubblicata da Toronews il 15 giugno scorso), quella a Terni, la vittoria casalinga col Cesena a fine ottobre, la disfatta di Avellino, la rinascita contro l’ Atalanta e contro il Catania, la beffa di Modena, la crescita delle ambizioni a Verona, l’ inizio del sogno nell’ andata play-off a Cesena ed il suo avveramento col trionfo finale.

 

Per l’immediato futuro, Latina Granata attende gli sviluppi del calciomercato, fiduciosa degli impegni e dei progetti riferiti personalmente dal Presidente Cairo al termine della festa-promozione al “Cacao”. Quanto alle iniziative, a breve ci sarà un incontro con Roma Granata e con tutti gli altri amici di Valmontone e del Lazio. Poi si avvierà il tesseramento per la stagione 2006/07, e sarà potenziata la sede presso la quale si tenterà di ridurre i 750 km di distanza dallo stadio del Grande Torino (provvisoriamente utilizzato anche da un’ altra squadra), con la speranza di poter seguire le dirette TV con maggiore completezza e continuità rispetto alla striminzita programmazione televisiva del campionato appena concluso (conseguenza dello strapotere politico-economico dei potentati della Serie A, rispetto alle debolezze dei “fratelli poveri” della Serie B).

TORO CLUB LATINA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy