Lottogiaveno: una squadra da fair play

Lottogiaveno: una squadra da fair play

E’ stato presentato al Ronchiverdi di Torino il progetto SportivaMente, che si è legato alla neo società Lottogiaveno, che unisce la ex squadra del Giaveno alla Lotto, uno dei gruppi leader dell’abbigliamento sportivo. L’accordo tra le parti avrà una valenza triennale a partire dal primo luglio 2007 e fino al 2010. L’idea è quella di creare un percorso comune dal carattere non solo sportivo,…

di Redazione Toro News

E’ stato presentato al Ronchiverdi di Torino il progetto SportivaMente, che si è legato alla neo società Lottogiaveno, che unisce la ex squadra del Giaveno alla Lotto, uno dei gruppi leader dell’abbigliamento sportivo. L’accordo tra le parti avrà una valenza triennale a partire dal primo luglio 2007 e fino al 2010. L’idea è quella di creare un percorso comune dal carattere non solo sportivo, ma sociale, il calcio inteso come ritorno ai valori e agli ideali fondamentali dello sport uniti all’etica della responsabilità. Basta violenza è stato il primo motto della presentazione, per l’occasione è stato proiettato un video dove sono stati filmati i tanti scontri sugli spalti e fuori durante le partite, con la speranza che questi atti criminali possano essere presto eliminati.

Così ha spiegato Fabio Berti, responsabile di Sportivamente: “Il nostro vuole essere un modello pilota che si possa esportare in altre realtà calcistiche anche di più alto livello. Ora abbiamo raggiunto un accordo con Chievo, Palermo, Treviso e Udinese per organizzare insieme eventi che incontrino la logica del fair play. Queste società metteranno a disposizione di volta in volta un loro campione che si possa confrontare con i giovani calciatori. Si lavorerà anche nel campo della solidarietà aiutando l’Ospedale infantile Regina Margherita e altre associazioni come l’Agape”.

Testimonial della Lotto e del progetto erano presenti i due giocatori del Torino Gabriele Cioffi e Sasa Bjelanovic, per quest’ultimo è stato il primo approccio alla sua nuova realtà torinese e la sua prima presentazione da giocatore granata. Cioffi (che ha manifestato poi in separata sede la sua ferma volontà a rimanere al Toro) ha ricordato: “Da uno striscione nato a Mantova ‘Cioffiducia’ sono nate iniziativa solidali e ho creato una maglietta e dei gadgets i cui proventi vanno proprio al Regina Margherita. Mi piacciono queste iniziative e per questo sono contento di far parte anche di questo progetto”.

Il percorso si avvarrà inoltre della ricerca e dello sviluppo nel campo della salute dell’atleta. Verranno testate nuove apparecchiature, attraverso i giocatori della Lottogiaveno, che rispetteranno la fisiologia dell’individuo, come ha spiegato il professore Mauro Testa, docente dell’Università di Pavia e direttore di Ergovisionlab, società di consulenza in ergonomia. Bjelanovic si è dichiarato entusiasta anche sotto questo punto di vista: “Sono contento di questo mio approccio torinese e di far parte di questo progetto importante, che può essere utile anche alle squadre di A per prevenire meglio gli infortuni”.

Per la Regione è intervenuto il direttore del progetto Sport Piemonte, Franco Ferraresi: “Il nostro ente amministrativo ha già in programma il Progetto denominato ‘Piemonte Calcio Domani’, per cui siamo ben felici di appoggiare questa iniziativa che riporti lo sport ad appropriarsi del proprio valore”.

Per quanto riguarda le varie iniziative c’è da sottolineare che i giocatori delle giovanili che si saranno contraddistinti nella particolare classifica Fair Play della Lottogiaveno potranno effettuare dei provini presso le squadre professionistiche sponsorizzate Lotto. Per la prima squadra, invece, il premio consisterà nel partecipare al ritiro pre-stagione con le medesime squadre.

Per ulteriori informazioni: http://www.lottogiaveno.com/

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy