L’Unione Club Granata: “Agnelli visiti i luoghi sacri del Torino”

L’Unione Club Granata: “Agnelli visiti i luoghi sacri del Torino”

Mondo Granata / Il comunicato stampa diffuso dall’associazione dei Toro Club

di Redazione Toro News

Pubblichiamo il comunicato stampa diramato dall’Unione Club Granata a seguito dell’inchiesta giornalistica di report sull’infiltrazione della ‘ndrangheta all’interno della tifoseria bianconera, riguardante soprattutto gli striscioni sulla tragedia di Superga esposti nel derby del 2014.

“L’Unione Club Granata (UCG), in rappresentanza di oltre 100 Toro Clubassociati, manifesta la propria profonda indignazione di fronte ai contenuti di due recenti trasmissioni “Report”, andate in onda sulla 3º Rete della televisione nazionale, che vorremmo ringraziare per il servizio informativo reso.

L’alto valore che la squadra del Grande Torino ha rappresentato per il movimento calcistico e per l’Italia intera, rende inaccettabile sia l’esposizione in uno stadio degli ignobili striscioni inneggianti alla tragedia di Superga, che le bullesche risate ed i toni di scherno usati tra un presidente di una società di calcio ed un responsabile della sicurezza di uno stadio.
Consideriamo ridicolo, infine, il disperato tentativo di difesa delle proprie affermazioni e dei propri comportamenti, messo in atto da quel presidente in sede di assemblea degli azionisti.

L’Unione Club Granata desidera invitare il sig. Agnelli Andrea a fare una visita alla Basilica di Superga, a dire una preghiera davanti alla Lapide dei Caduti, scendere poi dal colle alla città per visitare lo Stadio Filadelfia, teatro della Leggenda Granata degli anni ’40 recentemente ristrutturato, e in ultimo a recarsi in visita a Grugliasco, al Museo del Grande Torino, per farsi raccontare e documentare dagli splendidi volontari la Storia e la Leggenda di quella gloriosa squadra.

Nella vita ciò che conta non è vincere, ma rispettare”

Il Consiglio Direttivo
Torino, 8 Novembre 2018

36 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 2 settimane fa

    Non so, non credo sia degno, s’inciampasse cmq, magari gli invincibili fanno scendere due madonne

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

    Diteci solo quando e dove…
    Prepariamo un bel comitato di accoglienza se alla visita volessero aggregarsi anche l’ex sindaco che ci ha mostrato il dito medio serebbe il benvenuto anche lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 2 settimane fa

    bergen stupendo,un vero manifesto.applausi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bergen - 2 settimane fa

    Allora ricapitoliamo.
    Esiste una società che si é resa responsabile di una serie di illeciti, dal doping farmaceutico alle inflitrazioni mafiose, condannata dalla giustizia sportiva e retrocessa per una lunga lista di violazioni, i cui massimi dirigenti sono stati radiati dalla FIGC e condannati (o prescritti) in vari processi anche penali, vari scudetti revocati. Nell’ambito di una inchiesta penale della procura di Torino emerge una sistematica infiltrazione di cosche della ndrangheta nella sua tifoseria per oltre un decennio. L’inchiesta culmina con la condanna di tredici persone per vari reati, dall’associazione mafiosa all’estorsione, al tentato omicidio, incluso il capo della tifoseria.
    Le intercettazioni dei magistrati evidenziano rapporti sistematici della dirigenza di quella società con gli appartenenti alle cosche, ivi incluso il suo amministratore delegato che si messaggiava su what’s up e organizzava provini per il figlio del mafioso e che deve essere, di conseguenza, “dimissionato”.

    Poi per caso emerge anche che il dirigente responsabile della sicurezza dello stadio di proprietà ha autorizzato le suddette tifoserie ad introdurre clandestinamente, calcolandone preventivamente le sanzioni, una serie di striscioni così atrocemente indegni da suscitare orrore in quanti, di ogni età, estrazione, lingua, colore e fede, sono stati colpiti nell’animo dalla tragedia di Superga.
    Poi emerge anche che il presidente di quella società, intercettato, era consapevole di questa iniziativa al punto di arrivare a rimproverare il suo dirigente per essersi fatto “beccare”.
    Costretto dal biasimo collettivo, questo presidente si sottrae inpudentemente e con vari espedienti alla richiesta di prendere distanze nette da una condotta che infatti lui stesso aveva acquiescentemente permesso.

    Ora noi dovremmo invitare questo campione dell’immoralità e del negazionismo a visitare non soltanto i nostri reperti e le nostre reliquie, ma pure il teatro della tragedia che ha contribuito a vilipendere, nella speranza che Himmler in visita a Mathausen si commuova per le sofferenze e trovi la strada del ravvedimento?

    Ma quale mostruosità può mai essere? Ma perché contaminare inutilmente la memoria degli invincibili? Quale buonismo a buon mercato può concepire un accostamento così blasfemo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dattero - 2 settimane fa

      complimenti,bellissimo,da farne un poster

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. enri151 - 2 settimane fa

      GRANDISSIMO !!! QUOTO IN PIENO !!! …. quel relitto umano non deve avvicinarsi ai Nostri Luoghi Sacri !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

      Bergen applausi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. BIRILLO - 2 settimane fa

      Grazie! Spettacolare !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dattero - 2 settimane fa

    come ho letto da altre parti,alla vera maratona una roba simile neanche sarebbe stata pensata,una vera bestemmia direi.
    Granata e’ stato categorico nel definirli,ed ha fatto benissimo,son scarti di umanita,pezze da piedi camminanti,poi,veramente,non mettete sui siti il muso di quel manigoldo,evitate xdi offendere i veri tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Colbacco_60 - 2 settimane fa

    Io credo che si parli anche troppo di questa storia. Oltretutto un episodio brutto, che ci ferisce come uomini e come tifosi, è comunque solo marginale rispetto al fatto che – anche se in tribunale non sono riusciti a dimostrarlo – risulta evidente che una società di calcio trattava e faceva affari con la ‘ndrangheta.
    Non ha senso chiedere delle scuse: se qualcuno di loro sentisse davvero di doverle fare, saranno apprezzate e ben accette; se qualcuno vorrà andare a Superga o al Museo, lo faccia lontano dai riflettori e il gesto sarà apprezzato. Così rischierebbe di essere solo una farsa che consente agli Agnelli di riparare con ipocrisia tipica al danno di immagine derivato dalla rivelazione del loro autentico modo di essere.
    Allo stesso modo non ha senso pensare di non farli entrare allo stadio: è un luogo pubblico e sarebbe come se il proprietario di un cinema o di un teatro decidesse chi entra e chi no, magari in base al colore della pelle, alla religione praticata o alle idee politiche.
    Le persone per bene sono tali per i loro comportamenti, non su richiesta, che venga dai tifosi o da Cairo. Non ho alcuna fiducia che Andrea Agnelli cambi, che riesca ad anteporre intelligenza, cultura, sportività all’arroganza rozza e ignorante, da padrone del vapore, che ne contraddistingue le azioni come le dichiarazioni.
    Aggiungo che quelli che inneggiano all’Heisel o a Scirea mi procurano lo stesso tipo di voltastomaco: lasciamo che queste schifezze e gli insulti gratuiti continuino a definire e caratterizzare lo stile juventus.
    Lo stile Toro dev’essere un’altra cosa, una cosa da brave persone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13974210 - 2 settimane fa

    Quei maiali non devono dissacrare i NOSTRI luoghi con la loro lurida presenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. giangi - 2 settimane fa

    che stiano lontani!
    per favore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Ma UCG sta per Unione Chiappe Gobbe?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. eddie_guerrer_886 - 2 settimane fa

    Chiedo scusa, ma niente niente l’Unione Club Granata fosse presieduta da un gobbo? Solo ad uno così può venire in mente un’idea blasfema del genere! Bisogna inibire, a quella famiglia ed ai suoi collaboratori, l’accesso ai nostri gloriosi siti e dal nostro stadio. Sempre FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13658508 - 2 settimane fa

    Non avete idea di che genere di persone sono la dinastia degli ovini .Che stiano alla larga dai nostri luoghi sacri . Sono l’opposto del Sacro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13726000 - 2 settimane fa

    Quanto buonismo,e quanta nostalgia dei tempi di Margaro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. ProfondoGranata - 2 settimane fa

    Pessima idea. Agnelli facesse solo scuse pubbliche e basta.
    Nei nostri luoghi sacri non lo vogliamo, museo compreso!

    E poi l’importante non è partecipare. L’importante è sempre vincere, ma bisogna fare attenzione a COME si partecipa! I ladri gobbi se ne sono sempre fregati, non hanno nessuna vergogna e il grave è che nessuno li condanna per questo… anzi, non c’è opinionista che non li difenda…

    L’unico gobbo a cui mi sento di dare ragione è la Littizzetto che disse: ci sono cose nella vita che si risolvono solo con un VAFFANCULO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-13802271 - 2 settimane fa

    ottima idea bravi, sono e resteranno sempre nemici sul campo, ma credo nelle scuse e nel rispetto.
    la pace tra gli uomini deve avere il sopravvento, altrimenti nn cambieremo mai…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

      Pace eterna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

    Per me i veri sportivi sono la società del Barcellona, della Chapecoense, gente come Sarri e chiedo scusa per quelli che dimentico. Persone e uomini che senza bisogno di un invito hanno sentito il bisogno di andare a rendere omaggio ai nostri eroi e lo hanno fatto in rigoroso silenzio senza squilli mediatici. Per queste persone le porte dei nostri luoghi dovranno sempre restare aperte..Il resto se ne stia pure accovacciato nel suo Cesso d’oro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. user-13814870 - 2 settimane fa

    ma quello è un luogo Sacro..Non va sporcato da chicchessia. .Se volevano rispettare lo facevano da sempre .Non c’è bisogno di inviti. Ora sarebbe tutto falso. Spero di MAI leggere che qualcuno di loro è andato lì. Idea infelicissima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-13814870 - 2 settimane fa

    A noi non interessa averlo come Amico…quello è un luogo Sacro..Non va sporcato da chicchessia. Brutta idea.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Sarebbe come pretendere che Totò Riina andasse a rendere omaggio al cippo di Capaci.
    Unione Club Granata, ma che cazzo di idea!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Wallandbauf - 2 settimane fa

    Ma non ne avrebbe rispetto, perché concedergli questo momento di teatro? Piuttosto bisognerebbe inibirne l’accesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-13793800 - 2 settimane fa

    No grazie,lasciateli riposare in pace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Granata - 2 settimane fa

    Chi ha partorito un iniziativa del genere non ha minimamente idea di chi siano quei soggetti. Quella famiglia non si deve considerare come una famiglia comune. Loro non hanno sentimenti buoni. Non hanno valori. Non sanno cosa sia il rispetto. So cosa scrivo e vi posso garantire che , se per caso , e non credo, dovesse accettare l’invito, sarebbe una presa in giro. Sono assolutamente contrario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 settimane fa

      Aggiungo, togliete la foto della faccia di merda. Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. BIRILLO - 2 settimane fa

    Non direi la società, quella ne stia fuori. Se venissero pero COMUNI gentiluomini e gentildonne di fede diversa..non ci sarebbero problemi a mio parere. Il problema è che i colpevoli sono società e intrusioni mafiose. Vorrei tornare agli anni ’70 dove ci si prendeva per il c in modo sano. Non ci credo più tanto. Non entri monociglio ne delegazioni ufficiali. Cairo non avalli questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. user-14010151 - 2 settimane fa

    Pure se guarda non cambia niente. Non dovrebbe essere a Superga, ma dovrebbe essere in prigione per gli striscioni che ha fatto entrare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. ACT1906 - 2 settimane fa

    Ma non scherziamo nemmeno, guai se quella MERDA mette piede anche solo in uno dei NOSTRI luoghi SACRI, si mi associo ma che grandissima idea del cazzo booooooo basito, invitare dopo tutto quella MERDA ma davvero dite?
    FORZA TORO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. ilcap78 - 2 settimane fa

    che bell’idea del cazzo..e.secondo voi a lui frega qualcosa?? e poi a che scopo dovrebbe?? per far finta di essere sportivo e rispettoso? gobbo da generazioni che vada a visitare la reggia di venaria vicino a tutte le sue merdate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. robertozanabon_821 - 2 settimane fa

    Giri al largo. Idea pessima. Non vogliamo alcun tipo di liquame maleodorante nei nostri paraggi. Fuori dalle balle !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. user-13726000 - 2 settimane fa

    È da quando son bambino che mando a fare in culo gli Agnelli,intendo proseguire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. user-13722867 - 2 settimane fa

    provate a fare un sondaggio….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. user-13722867 - 2 settimane fa

    è meglio che giri alla larga …quello è un luogo pulito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

    Mi spiace usare un linguaggio volgare ma francamente detesto solo l’idea che i luoghi sacri che raccontano la nostra leggendaria storia possano venire contaminati dalla presenza di quell’ uomo di merda….Per me è ospite non gradito….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy