Mario Rigamonti: vita sregolata e talento puro per un perno del Grande Torino

Mario Rigamonti: vita sregolata e talento puro per un perno del Grande Torino

Figurine / Il difensore, testa matta degli Invincibili, nasceva 96 anni fa

di Redazione Toro News
Mario Rigamonti

Sarebbero state 96 candeline quest’oggi: il 17 dicembre 1922 nasceva a Brescia quello che sarebbe diventato un personaggio atipico – per il suo stile di vita ‘sregolato’ – ma allo stesso tempo iconico del Grande Torino, Mario Rigamonti. Il difensore centrale militò con la casacca granata per quattro stagioni collezionando un totale di 140 presenze e divenendo perno assoluto degli Invincibili.

Una vita vissuta da vero e proprio estraneo della normalità: l’intensa passione per le moto si abbinava ad una massiccia dose di pura imprevedibilità, per un giocatore che spesso arrivava in ritardo alle partite o scompariva improvvisamente dal ritiro della squadra. Per lui all’attivo anche tre presenze in Nazionale, una casacca – quella azzurra – indossata per troppo poco tempo. Quel 4 maggio 1949 portò via anche lui insieme a tutto il Grande Torino, con il suo talento puro e con la sua vita spericolata.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CUORE GRANATA 44 - 4 mesi fa

    Giocatore lontano nel tempo anche per un tifoso “datato” come me. Di lui parlava mio padre descrivendolo,in rapporto ai tempi,un personaggio alquanto “esuberante” amante della motocicletta e forse anche di altre “distrazioni” ma tutto và calato nel contesto del primo dopo guerra.Grandissimo giocatore è stato figura di spicco degli “Invincibili” e questo già dice tutto.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy