Mirko Ferretti, vice di Radice: “Quei luoghi comuni sbagliati su Gigi”

Mirko Ferretti, vice di Radice: “Quei luoghi comuni sbagliati su Gigi”

Esclusiva / Lo storico secondo di Gigi: “Non era un sergente di ferro, ma un rivoluzionario del calcio. E quando decisi di separarmi da lui…”

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Molto più di un secondo. Amilcare Ferretti detto Mirko, per Gigi Radice, è stato prima un punto di riferimento per gran parte della carriera, poi un leale amico per tutta la vita. “Il cassetto dei ricordi insieme a lui è ovviamente colmo di memorie ed emozioni”, ci racconta Mirko dopo aver appreso della morte di Radice. “E’ una serata triste, ma le mille cose che abbiamo passato insieme sono scolpite nel tempo e non me le toglierà nessuno”. Vice allenatore di Radice per cinque anni (dal 1976 al 1982) e poi allenatore in proprio, Ferretti ci concede qualche spaccato di vita passato con Radice.

Mister Ferretti, che cosa le passa per la testa in questo triste giorno?

“Beh, cosa volete, Gigi è stato un grande amico. Ovviamente il nostro rapporto non era solo professionale. Siamo stati amici per tutta la vita, anche dopo il calcio, famiglie comprese. Dal lavoro alle vacanze, insieme ne abbiamo passate tante. Essere stato suo secondo è stato un onore che mi porterò dietro per sempre, tant’è che ci ho scritto anche un libro (A. Demichelis, M. Ruggiero, “Una vita da secondo”, 2016, edizioni Araba Fenice, ndr). Quando si trattava di lavoro, Gigi non mollava mai. Facevamo riunioni a qualsiasi ora del giorno e della notte, erano infinite, mi “sequestrava” per ore nella sede del Torino di corso Vittorio. Ma poi gli piaceva anche “staccare”, e allora si passava del tempo insieme anche lontano dal campo. Da lui ho imparato tanto se non tutto”.

Quando lo conobbe per la prima volta?

“Nel 1976, quando parlammo per la prima volta al Filadelfia di una collaborazione. Cercava un secondo, perchè il povero Giorgio Ferrini era stato colpito dal male che poi lo portò via. Nel conoscerlo per la prima volta, quegli occhi di ghiaccio non potevano non rimanermi impressi. Io gli mostrai il mio modo di interpretare il lavoro sul campo, ci fu feeling fin da subito. Parlammo di calcio ma non solo, voleva farsi un’idea di me a 360°”.

Il rapporto professionale è durato sei anni (quattro al Torino, uno al Bologna, uno al Milan). Poi l’interruzione nel 1983, quando lei decise di mettersi in proprio.

“Io sono uno che mantiene sempre la parola data, ho fatto della correttezza uno stile di vita. Ero già d’accordo con l’Alessandria e mantenni fede all’accordo. Altrimenti, figuratevi, sarei andato con Gigi anche all’Inter. Col senno di poi, ripenso a quella scelta con pentimento, nel senso che avrei voluto continuare con il mister. Ma comunque siamo rimasti molto amici anche se le nostre strade si sono divise. Io andavo a trovare lui, lui veniva a trovare me, d’estate si andava al mare insieme, a Ventimiglia”.

L’ultima volta che lo ha visto?

“Guardi, non lo dimenticherò mai. E’ stato un anno e mezzo fa, andammo a trovarlo io ed altri ragazzi dello scudetto, da Pecci a Zaccarelli a Salvadori, nella clinica dove era ricoverato. Lui era già molto malato, non riconosceva le persone. Però ad un tratto mi prese per un braccio e piano piano mi portò in un’altra parte della sala. Io immediatamente associai quel gesto alla sua solita maniera di prendermi per un braccio per fare finta di dovermi parlare in disparte, quando magari si era in compagnia di persone a lui antipatiche, per poterle evitare. Ne parlai con le infermiere e i dottori, che mi confermarono che era certamente possibile che per un attimo mi avesse riconosciuto”.

Che immagine di Gigi le piacerebbe fosse tramandata ai posteri?

“C’è questa nomea del sergente di ferro che gli viene attribuita, che è veramente superficiale. Lui era certamente maniacale e appassionato, ma solo sul lavoro. Perchè, ripeteva sempre, bisognava allenarsi seriamente per essere in grado, la domenica, di rispettare la gente che veniva a vedere il Toro. Per il resto ha sempre concesso massima libertà e fiducia ai suoi calciatori, nella loro vita privata. Chieda a loro se è vero. E poi credo gli siano stati dati meno meriti di quel che gli spettavano; fu il primo allenatore a portare in Italia concetti come il fuorigioco o il pressing uno contro uno a tutto campo. Ma la grande stampa ha sempre preferito attribuire questi meriti a qualcun altro. E invece uno dei primi innovatori del calcio italiano è stato Gigi Radice”.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianTORO - 5 giorni fa

    “..Perchè, ripeteva sempre, bisognava allenarsi seriamente per essere in grado, la domenica, di rispettare la gente che veniva a vedere il Toro…”
    questa è la mia gente. questo è il mio modo di viviere il TORO…ormai è solo più di noi tifosi di una certa purtroppo…FVCG! vola sereno in alto Gigi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13973712 - 5 giorni fa

    la tristezza è doppia perché nella storia granata abbiamo tanti esempi di uomini capaci e validi come lui ma la società Torino fc non riesce a prenderne neanche uno nello staff per poter ripercorrere le diritture del passato. Ora c’è il calcio moderno con i teloni e con il Fila chiuso a doppia mandata. Ciao Gigi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 6 giorni fa

    …..da parecchio tempo che non faccio un post ma ora non posso resistere.
    Piango come un bambino. Grazie per quello che ci hai dato caro Gigi, Vedere quei giocatori spostarsi all’unisono per creare il fuorigioco, vedere lo stadio tutto granata grazie al tuo bel gioco. Un gioco all’avanguardia. Era uno spettacolo vedervi giocare. Ora siamo agli antipodi, la gente ha la nausea del gioco del nostro Torino. Allora era un piacere vedervi e sapere che avevamo una sqadra formidabile e quelli che veninano a Torino sapevano gia’ che avrebbero perso. Caro Radice, grazie per quello che ci hai dato. Perche’ il Toro era Toro! e gli altri ne avevano paura. Ci vorrebbe un Radice ora al nostro Torino per farlo diventare Toro. Basta con il Fila chiuso, basta con gli allenatori catenacciari. Chissa’ come mai gli attaccanti non segnano…..
    Ci vorresti tu caro Gigi, ci vogliono le tue palle, la tua energia, la tua giovinezza, non questi morti in piedi che fanno il minimo sindacale.

    ONORE GIGI,
    SII FELICE, TI VOGLIO BENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bertu62 - 6 giorni fa

    Come sempre capita nella vita, non basta essere geniali, è molto meglio essere carismatici ed avere C**O (oppure essere nelle “maniche” dei potenti, come gli Ovini o il Berlusca)…. R.I.P. Gigi, V♥G!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy