Pulici: “Il Fila è la casa del Toro. Mihajlovic tenga le porte aperte ai tifosi”

Pulici: “Il Fila è la casa del Toro. Mihajlovic tenga le porte aperte ai tifosi”

Mondo Granata / Il bomber di sempre al Raduno dei Toro Club: “Negli ultimi anni la gestione prevedeva la chiusura degli allenamenti al pubblico, cosa secondo me sbagliata”

3 commenti

Idolo della folla presente al Raduno Nazionale dei Toro Club, Paolo Pulici non cambia idea quando viene stuzzicato sulla questione legata agli allenamenti al Filadelfia:  “É la nostra casa. Non possono chiudere le porte, non avrebbe senso”.

L’ex attaccante entra meglio nel merito: “Io capisco che si debbano provare tattiche e schemi, non lo metto in dubbio. Ma non bisogna arrivare da un estremo all’altro. Nell’ultima gestione con Ventura si arrivava ad avere solo allenamenti a porte chiuse, al massimo ce ne era uno a porte aperte. Questo secondo me è sbagliato”.

Con Mihajlovic, Pulici auspica ad un’inversione di tendenza: “Sarà bellissimo ritornare a casa, si può davvero creare qualcosa di importante. Con  Mihajlovic spero aumenti il contatto tra la squadra e i tifosi. Il Fila era anche questo, spazio per confrontarsi in maniera educata e incoraggiante. Il tecnico apre le porte al pubblico il più possibile”

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. co_riv_637 - 10 mesi fa

    Oltre ad essere sempre aperto auspico per il Filadelfia un afflusso continuo di persone che possano applaudire o contestare sempre in maniera civile l’operato del Mister e della Società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 10 mesi fa

    Puliciclone io spero che un giorno sarai tu a decidere chi può entrare o stare fuori dal FILA: sei l’ultimo di quella stirpe Granata che sa ancora quali sono i nostri valori e come trasmetterli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 10 mesi fa

    Nel progetto del nuovo Fila avrebbero dovuto prevedere anche un monastero adibito ad abitazione per Pupi, aperto 24 ore su 24…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy