Quando la cavalcata ebbe inizio: l’esordio di Mazzola, Loik, Grezar

Quando la cavalcata ebbe inizio: l’esordio di Mazzola, Loik, Grezar

Memorie granata / Buona parte della leggenda del Grande Torino nacque in una sconfitta pomeridiana a Milano, esattamente 73 anni fa

Questa storia, la più grandiosa che il Toro e il calcio italiano  abbiano mai conosciuto, ha un prequel sul finire della stagione 1941/42. Dopo la sconfitta contro il Venezia per 3-1 alla terz’ultima di campionato, il presidente granata Ferruccio Novo rimane ammirato da due giocatori che hanno assolutamente annichilito la sua squadra: la mezzala sinistra Valentino Mazzola e quella destra Ezio Loik. Detto, fatto: la coppia passa dalla laguna al Po, e per vederli giocare bisogna solo attendere l’inzio del campionato successivo, che giunge il 4 ottobre di 73 anni fa. Con loro, un altro nuovo innesto, che parteciperà a tutti i successi granata fino al tragico giorno: Giuseppe Grezar. L’avversaria di turno è l’Inter (allora Ambrosiana): sarà anche l’ultima avversaria italiana degli Invincibili.

Quel pomeriggio arriva una sconfitta per 1-0 (rete vincente di Demaria), ma poco male: la squadra si amalgama in fretta, e a fine stagione conquista la prima doppietta della storia del calcio Italiano: scudetto – il secondo – e Coppa Italia. Ma è solo l’inizio della Leggenda. E a guardarsi indietro, quelle due sconfitte furono tra le più felici di sempre per il Toro: contro il Venezia si scoprirono Mazzola e Loik, contro l’Inter esordì il primo bulbo di quelli che sarebbero diventati campioni di tutto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy