Salvadori: “Un 2015 straordinario e ora nel 2016 arriverà il Filadelfia”

Salvadori: “Un 2015 straordinario e ora nel 2016 arriverà il Filadelfia”

Esclusiva TN / Il presidente della Fondazione: “I tifosi hanno risposto bene, donando tanto. Ora un ultimo sforzo da chi è più facoltoso”

Salvadori

Cesare Salvadori, presidente della Fondazione Filadelfia, ha rilasciato alcune dichiarazioni sullo stadio in costruzione, in esclusiva a TN.

Come procede la ricostruzione dello stadio Filadelfia?

Le cose non cambiano giorno per giorno in modo prodigioso: come ben si sa, il 17 ottobre c’è stata la posa della prima pietra, poi sono stati demoliti i ruderi ingombranti nello stadio. In seguito sono state tagliate le erbacce, che rovinavano il campo: in questo modo si potrà preparare il vero e proprio campo: in realtà questa parte è la più lunga, perché bisogna seminare e far crescere l’erba. Sono partiti i lavori di scavo, che stanno anche per terminare. Tra poco tempo cominceranno le opere di muratura, atte a costruire la tribuna e tutto l’ambiente circostante.

Che anno è stato il 2015 per la fondazione?

Cosa dire, è stato assolutamente straordinario. É stato un bellissimo traguardo poter riuscire a posare la prima pietra, anche contro i “gufi” che non credevano che questo potesse accadere, anche giustamente: è stato un gesto di grande serietà e sicurezza.

A che punto è la stipulazione del contratto con la banca?

Come ben si sa, i finanziamenti per la costruzione dello stadio Filadelfia sono di 8 milioni. 3,5 arrivano dal comune di Torino, di cui due già versati. Dalla fondazione Mamma Cairo, arriverà un milione di euro, di cui 2/3 dell’importo è già stato versato. Infine 3.5 milioni dovrebbero arrivare dalla regione Piemonte. Per il contratto, c’è stato un bando europeo, dal quale è emerso il Credito Valtellinese, con il quale stiamo appunto stipulando un contratto a tre, insieme alla Regione. Per questo contratto siamo a buon punto.

Quando pensa che il Filadelfia sarà veramente accessibile?

Siamo stati fortunati, perché il tempo ci sta aiutando, e perciò stiamo recuperando quel tempo che è andato perduto per i ricorsi. Quindi la speranza di veder risorgere il Filadelfia nell’autunno del prossimo anno è sempre più viva. 

Cosa ne pensa del contributo che i tifosi hanno dato per la costruzione di questo sogno?

Ritengo che noi della Fondazione abbiamo lanciato una campagna importante, ma mancano davvero tanti soldi per poter finire di costruire anche le parti circostanti allo stadio (es. il Museo ndr). Mancando questi fondi, sappiamo bene che questa campagna non ci porterà tutto il denaro di cui abbiamo bisogno, e per questo studiamo se parlare con qualche sponsor o qualche fondazione. bisogna ammettere che i tifosi del Torino hanno risposto bene, però abbiamo bisogno ancora di un ultimo sforzo. In molti sono rimasti scottati dal “mattone” di Novelli, e da anni hanno sviluppato una diffidenza atavica giusta, per altro. Soltanto continuando a lavorare sodo e con serietà si potrà ottenere qualcosa in più dai tifosi, che tenderanno a fidarsi maggiormente del progetto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy