Se il Comune accontenta la Juve deve anche ricostruire il Fila

Se il Comune accontenta la Juve deve anche ricostruire il Fila

Riceviamo e pubblichiamo:

Vignale (AN): “La scelta del Comune di fare da garante per la richiesta
del finanziamento della Juventus al Credito sportivo non deve creare
disparità di trattamento tra le due maggiori società torinesi di calcio.
Se così fosse, Chiamparino si dovrà assumere la responsabilità di avere
alterato gravemente la legge di mercato…

Riceviamo e pubblichiamo:

Vignale (AN): “La scelta del Comune di fare da garante per la richiesta
del finanziamento della Juventus al Credito sportivo non deve creare
disparità di trattamento tra le due maggiori società torinesi di calcio.
Se così fosse, Chiamparino si dovrà assumere la responsabilità di avere
alterato gravemente la legge di mercato ed i più basilari equilibri del
mondo calcio. Se il mastodontico progetto di valenza non solo sportiva ma
anche e soprattutto commerciale della Juventus per il Delle Alpi va in
porto, allora il Filadelfia dovrà essere ricostruito e l’Olimpico
ingrandito.

Oggi pomeriggio il Comune decide se farsi garante presso il Credito
sportivo per la richiesta di finanziamento pubblico a tasso agevolato pari
a 120 milioni di euro avanzato dalla Juventus per la realizzazione di un
progetto che prevede la ristrutturazione dello stadio “Delle Alpi” secondo
le norme UEFA ed il decreto Pisanu (investimento di 18 milioni) e la
costruzione di centri commerciali adiacenti l’impianto sportivo. In
Regione, il consigliere di Alleanza nazionale, Gian Luca Vignale, critica
e denuncia la scelta del Comune che ha deciso di assecondare un progetto
che con un finanziamento pubblico altera una sana competizione sportiva e
consente una evidente speculazione commerciale.

“E’ inaccettabile la condotta del Sindaco Chiamparino, dichiara Gian Luca
Vignale consigliere regionale di Alleanza nazionale. Il Comune si fa
garante per un finanziamento di 120 milioni di euro a favore della
Juventus per la realizzazione di un progetto faraonico che stride con
quello presentato dalla stessa società soltanto lo scorso autunno. Un
progetto che prevedeva la ristrutturazione del Delle Alpi per un importo
ben inferiore di 18 milioni di euro !”.

“Il Comune – continua Vignale -, dopo avere svenduto il Delle Alpi alla
Juventus, non può, oggi, assecondare così palesemente anche questo nuovo
progetto. Con un minima parte di quelle risorse il Comune potrebbe pagare
le modifiche all’Olimpico che consentirebbero all’impianto, nato appena un
anno fa in occasione delle Olimpiadi, di aumentare il numero dei posti
passando a 40 mila spettatori (aggiunta del terzo anello e avvicinamento
degli spalti al campo). Tutto ciò consentirebbe allo stadio di rispondere
ai requisiti ed alle norme UEFA e, soprattutto, consentirebbe una parità
di trattamento tra le due maggiori società torinesi”.

“Il Filadelfia potrebbe diventare come da troppi anni ci si attende –
aggiunge Vignale la “Casa del Toro” con all’interno la sede sociale, il
Museo, il luogo degli allenamenti di tutte le squadre e di gioco per le
giovanili. Tuttò ciò riporterebbe ad un rapporto fra tifoseria organizzata
e non che, solo chi non ha mai frequentato il “Fila”, come probabilmente
il Sindaco, non può comprendere.

“Il business del calcio esiste perchè esiste un “mondo tifoseria” che lo
sostiene, precisa Vignale. Una realtà che troppo spesso viene contaminata
da gesta senza attenuanti, perpetrate da pochi teppisti che trovano nel
calcio un pretesto per dare sfogo alle proprie insoddisfazioni personali.
Una realtà che, però, e faccio riferimento alla tifoseria granata, non va
trascurata e che merita ascolto quando chiede a gran voce che alla
propria squadra venga riservato stesso trattamento rispetto alla società
bianco nera”.

“Il Sindaco Chiamparino e tutta l’amministrazione comunale dovrà assumersi la responsabilità di aver costretto il Toro ad abbandonare anche
l’Olimpico se ciò dovesse accadere come conseguenza di una evidente
politica di parte fatta di interessi e lontana anni luce da una sana
competizione sportiva”, conclude Vignale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy