Torino: 24 anni per Baselli, presente e futuro dei granata

Torino: 24 anni per Baselli, presente e futuro dei granata

Figurine / La mezzala, alla prima stagione al Toro, è già un punto fermo della squadra: in attesa della consacrazione…

1 Commento
Baselli, Milan, Torino

Il 12 marzo 1992 nasceva a Manerbio Daniele Baselli, centrocampista del Torino. Prelevata in estate dall’Atalanta in coppia con Davide Zappacosta, la mezzala ha rappresentato un colpaccio da parte della società granata nel panorama del calciomercato nazionale: già tra le file nerazzurre Baselli aveva mostrato di possedere qualità importanti che, se ben coltivate, avrebbero potuto permettergli di affermarsi definitivamente.

Baselli re delle occasioni

Questo è l’obiettivo con cui il club di Cairo ha puntato forte su di lui per portarlo alla corte di Ventura: grazie agli insegnamenti del tecnico ligure Baselli si è subito inserito nella nuova realtà ed ha conquistato compagni di squadra e piazza fornendo prestazioni di grande livello per tutta la parte iniziale del campionato. Con il calo generale del Torino è arrivata anche una frenata a livello personale, tuttavia Baselli continua a rappresentare un’arma fondamentale per la squadra, tra le cui fila nessuno può vantare i suoi numeri: sono infatti 42 le occasioni create per i compagni dal centrocampista. Finora 28 partite stagionali, condite anche da cinque reti: Baselli è ormai un punto fermo del presente e rappresenta anche il futuro del Torino.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 11 mesi fa

    Che “gli insegnamenti del tecnico ligure” abbiamo giovato a Baselli è un’ affermazione quanto meno azzardata. Credo che il suo calo di rendimento sia proprio dovuto al fatto che Ventura non ha capito che tipo di giocatore è Baselli. D’ altronde tu stesso, caro Toro News, al momento dell’ ingaggio lo avevi definito “regista dalle indubbie doti” (vedi articolo del luglio 2015). E invece il regista lo fa Vives, lento, modesto tecnicamente e dalla totale incapacità di lanciare a rete i compagni. Bisognerebbe lanciare una campagna di stampa per riportare Baselli al suo ruolo naturale, ma temo che ormai anche la stampa non sia capace di una serena, competente, coerente analisi. Si ripetono luoghi comuni o frasi fatte.Comunque, buon compleanno Baselli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy