Verona-Torino 1-3: il nostro amuleto ha colpito ancora!

Verona-Torino 1-3: il nostro amuleto ha colpito ancora!

Le Torogiornate di Tommy / Rudy, Rudy, Rudy, Rudy, Rudy, Rudy, Rudy, Rudy, Rudy!

Il nostro amuleto (dal greco amulon!!!) ha colpito ancora.
1 a 3 al Bentegodi. 
Grazie Rudy.
E grazie a tutti i Rudy granata. Già, perché, se siamo a 31 punti, non è soltanto merito di squadra, allenatore, società… ma anche (io mi permetterei di dire soprattutto) di tutti i Rudy granata.

Chi sono i Rudy granata?

I Rudy granata sono innanzitutto tutto i bambini che tifano Toro. Quelli che a scuola devono ascoltare gli sfottò, quelli che sognano il gol di Amauri, che avevano comprato la maglietta di Meggiorini, che sedevano sulle gambe di Garofalo, che quando vedono Glik pensano d’aver dinanzi il calciatore più forte del mondo, pensano sia lui a meritare il pallone d’oro. Che meraviglia i bambini del Toro!

I Rudy granata sono le signore di mezza età (mamma… eccoti !!! insieme a te Rosanna, Fabiana, Patrizia, Giumi e compagnia bella) che quando sono allo Stadio (in casa o trasferta) dimostrano vent’anni, perché invariato è rimasto il loro entusiasmo. Saltano, ballano, urlano, cantano… non si ubriacano… se non del loro Toro tanto amato.

I Rudy granata sono i signori con i capelli bianchi, se ne vedono sempre tanti! I loro occhi brillano, il loro cuore patisce, la loro voce pare il sonoro della radiocronaca. Il momento più importante della settimana è la partita, la vivono come se fosse il loro primo appuntamento. Il Toro per loro è l’unico grande amore mai scemato.

I Rudy granata sono gli Ultras, parola nata tanti anni fa, ma mai tramontata. Sono coloro che vivono per la squadra, per il colore granata. Ogni tanto litigano tra di loro, ogni tanto se le danno. Ma li trovi sempre, sempre presenti allo Stadio!!!

I Rudy granata sono la Torino bene, quella che siede sulle poltroncine. A descriverli così sembrano antipaticissimi, poi scopri che c’è un Giumi tra di loro (licenza poetica di mamma) che va lì con suo figlio… e che sono uguali a noi, tifano quanto noi, cantano… e presto partiranno per Bilbao.

I Rudy granata sono tutte le bande che migrano da una curva all’altra… che se non ci fossero bisognerebbe inventarle. Belle, rumorose colorate e calorose.

I Rudy granata sono anche i distinti (stanno zitti!!!), tra loro tanta gente che è andata a sedersi a causa dell’età che avanza e dei dolorini.

I Rudy granata sono tutti i Toro Seduti, così caldi e meravigliosi, così presenti e così entusiasti.

I Rudy granata siamo anche noi ragazzi, la generazione che tutti dicono essere vuota, senza stimoli, senza sogni, senza ideali. Noi ci siamo… e la fede granata non ci manca; noi urliamo, cantiamo, soffriamo e gioiamo… tanto è vero che esco sempre totalmente esausto e senza voce dallo stadio.

Il nostro Toro è fortunato, pieno di Rudy granata. Quelli che masticano chilometri ogni volta, quelli si svegliano all’alba, quelli che oggi hanno fatto la coda… e magari sono rimasti senza biglietto per Bilbao… Quelli che hanno la bandiera sul balcone, l’orologio del Toro al polso, il cuscino granata ed il tatuaggio sulla spalla. Quelli che non si sono arresi ai due fallimenti, ad anni di serie B, a vedere Torino-Gallipoli o Juve Stabia-Torino. Quelli che non fanno come i cugini, presenti solo se si vince, nulla di bianconero addosso, e ti dicono “Sono della giuve… però”. Quelli che non hanno alcun “però”, perché sono soltanto del Toro.

Siamo a 31 punti grazie ai tantissimi Rudy. Il mitico amuleto in prima linea… e poi, subito dietro, tutti noi in fila. Un milione di tifosi. Siamo tanti e meritiamo di essere tornati. E da dove siamo non dobbiamo muoverci, se non per andare ancora più in alto. Senza toccare Dio, non vorrei scomodarlo. Mi basta risultato dopo risultato dopo risultato. Per tornare a Superga fieri di quel che è stato e di quel che siamo.

Perché tutti i Rudy granata abbiano ciò che hanno sempre meritato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy