Corriere Torino: “Alle radici del Toro 2”

Corriere Torino: “Alle radici del Toro 2”

Rassegna / Le pagine in edicola dedicate al Toro

di Marco De Rito, @marcoderito

Sul Corriere di Torino di oggi si discute sulla possibilità di inserire la seconda squadra, come ha anticipato Urbano Cairo. Il presidente: “Avremo una squadra in C”. Tre diverse ipotesi sul tavolo: un team riserve, un accordo di collaborazione o l’acquisto di un club. Il quotidiano poi continua: “Lavori in corso al Toro. Un discorso non limitato solo alla prima squadra di Mazzarri, impegnata al Filadelfia anche in questa domenica di sosta. Perché il club granata sta pensando anche al futuro. E in relazione alla stagione 2019/2020, una grande novità è alle porte: la realizzazione di una seconda squadra”. Leggi di più sull’edizione del “Corriere Torino” oggi in edicola.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 1 mese fa

    Per conto mio, sarebbe meglio un team-riserve Torino, un TORINO-2, insomma, con:
    1) i calciatori che terminano di giocare in Primavera.
    Questi ragazzi, anziché andare in squadre terze, che spesso non li valorizzano (Parigini nel Benevento) o li lasciano in panchina (Milinkovic-Savic nella Spal), o in compagini di serie minori, dove c’è comunque un’involuzione del gioco, avrebbero bisogno di rimanere a completarsi e perfezionarsi in una squadra del Toro.
    2) giocatori stranieri, provenienti da campionati lontani dal nostro, che, prima di entrare in prima squadra, devono dimostrare le loro capacità ed il loro valore (es. Damascan)
    3) Calciatori giovani che, pur con buone capacità, non sono ancora pronti al salto di qualità (es. Verdi in passato, ceduto precipitosamente).
    4) giocatori della prima squadra, in ripresa al rientro da un importante infortunio.
    5) giocatori che fanno solo panchina: nel Torino-1 non hanno spazi e nella Primavera non sono più in età giusta.
    Ripeto: importantissimo sarebbe, secondo me, che tutti questi ragazzi rimanessero nel Toro/2, per essere provati, giudicati e valorizzati, ma dai tecnici della nostra società, non da quelli di compagini terze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy