Corriere Torino: “La scoperta del Mazzarrismo”

Corriere Torino: “La scoperta del Mazzarrismo”

Rassegna Stampa / Le prime pagine in edicola quest’oggi dedicate al Torino

di Redazione Toro News

Ampio spazio dedicato ai granata nell’edizione torinese del CorSera, con un approfondimento sul Mazzarrismo, vale a dire il cholismo in salsa granata. A questo proposito si riportano le parole di Izzo: «L’avete visto tutti l’Atletico Madrid l’altra sera: sono una squadra di campioni, ma che difendono e attaccano tutti insieme. E noi dobbiamo essere così, e avere fame, se vogliamo fare qualcosa di grande».

Spazio poi al modello Toro creato da Cairo, improntato su giovani e orgoglio, ed un paragone tra Moretti e Millico, ieri alla prima in Serie A, dal titolo “Il gigante e il bambino”.

Maggiori dettagli nell’edizione odierna del quotidiano.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rossodisera - 4 settimane fa

    Prima di parlare di Mazzarrismo e paragonarlo al cholismo bisogna che si mettano sullo stesso piano: almeno una vittoria di un trofeo.
    Il mazzarri pensiero a me piace ma ci vuole unità d’intenti e per avere buoni risultati si ha bisogno di giocate di qualità… ritorniamo sempre a Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bergen - 4 settimane fa

    Quel che manca sempre é l’equilibrio. Intendo nei giudizi.
    E il codazzo dei commentatori, quelli che definisco i vivisezionatori del nulla, non aiuta.
    E’ un fatto che il Toro di Mazzarri non é bello e si regge su una difesa di ferro, più per qualità individuali (bravi o fortunati?) che per meriti di impostazione.
    E’ un altro fatto che nell’era Mazzarri c’é stata un’involuzione di diversi elementi, a cominciare dal Gallo, che non é più il killer di area che avevamo e che ci servirebbe. Cosa é successo? Difficile dirlo.
    E’ ancora oggettivo che del mercato estivo chi ha fatto meglio sono i signor nessuno mentre quelli più strombazzati sarebbe stato meglio lasciarli perdere.
    (De)merito di chi? Difficile dirlo.
    Se stemperiamo l’eccitazione di essere per un po’ nella zona che conta del calcio che non conta più niente (perché basta guardarsi il PSG o come l’Atletico ha strapazzato gli strisciati per chiedersi se le italiane fanno lo stesso sport), rimangono i fatti.
    Che un Toro brutto rischia di fare un buon campionato.
    Alla Mazzarri maniera.
    Tutto lì.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. VivaVivaToniVigato - 4 settimane fa

      Bergen Ormai si valuta in istantanea . Conta il risultato e La partita contro l’Udinese -una delle peggiori prove viste da che il Toro è torello – di 15 gg fa dico quindici giorni sembra di 15 anni fa … da vecchio cuore nostalgico mando un saluto Granata al Mondo !

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy