Gazzetta dello Sport: “Così Sirigu e Izzo stregano il Mancio”

Gazzetta dello Sport: “Così Sirigu e Izzo stregano il Mancio”

Rassegna / Le pagine in edicola dedicate al Toro

di Marco De Rito, @marcoderito

“Salvatore ne è il custode delle chiavi, Armando è il guardiano più fedele”. Mancini è stregato dalle due colonne della difesa italiana: “Undici gare senza gol: il portiere nell’élite europea E Armando è un pilastro dei granata: ora la Nazionale”. Uno dei reparti difensivi migliori d’Italia: “La quarta meno battuta del campionato, la se­conda nel girone di ritorno con quattro gol subiti (meglio della Juve che al passivo ne ha sei, dietro al Milan con tre)”. Il quotidiano poi continua: “Armando Izzo è ca­ratterialmente agli antipodi: solare, generoso, il sorriso stampato, sempre con una pa­rola per tutti. In campo si tra­ sforma, lì è un mastino vero. Feroce e cattivo, l’anticipo co­ me marchio di fabbrica e la vo­cazione al gol (tre, un record) scoperta da poco. È lo spot di cosa dovrebbe sempre essere il Toro nei pensieri di Mazzarri”. Più dettagli nell’edizione odierna del giornale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy