Serie A: con 60 punti in Europa 5 volte negli ultimi 10 anni. Quest’anno invece…

Serie A: con 60 punti in Europa 5 volte negli ultimi 10 anni. Quest’anno invece…

Approfondimento / Circostanze particolarmente sfavorevoli per il Torino che si deve confrontare con la quota Europa più alta degli ultimi anni e con la variabile Coppa Italia

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Non si può certo dire che il Torino sia fortunato: speri di lottare per l’Europa da almeno un triennio senza successo e, quando ce la fai, le condizioni sono le più dure. Alla quota Europa particolarmente alta, sicuramente la più alta degli ultimi dieci anni, si aggiunge la variabile della Coppa Italia, che da tempo non finiva nelle mani di un’outsider. Da segnalare c’è peraltro che l’ha vinta la Lazio, che già due volte negli ultimi dieci anni ha strappato il pass per l’Europa grazie alla vittoria della Coppa.

QUOTA EUROPA – Prendendo in considerazione le ultime dieci edizioni della Serie A, dal 2008/09 ad oggi – sempre con venti squadre a comporre la massima serie – si evince che i 60 punti che oggi ha il Torino, che certo non bastano per centrare l’Europa quest’anno, sono risultati una sufficiente “Quota Europa” in 5 occasioni su 10, anche quando l’Italia aveva a disposizione solo sei posti per le competizioni europee. E’ successo nel 2009/2010 (in Europa andò la Juventus settima a 55 punti), nel 2011/12 (in Europa l’Inter sesta a 58 punti), nel 2013/2014 (in Europa sarebbe andato il Parma sesto a 58 punti, poi estromesso per la mancata Licenza Uefa a vantaggio del Torino), nel 2014/2015 (in Europa sarebbe andato il Genoa sesto a 59 punti, poi estromesso per la mancata Licenza Uefa a vantaggio della Sampdoria) e nel 2017/2018 (in Europa League c’è andata l’Atalanta settima proprio a 60 punti). Nelle altre cinque occasioni, la quota Europa è stata tra i 61 e i 66 punti. Come è noto, il Torino quest’anno rischia di non andare in Europa terminando settimo a 66 punti: qualcosa di veramente eccezionale.

Mazzarri: dal Milan al Genoa, quanti tabù sfatati. Ora serve la prima gioia contro l’Empoli

LO “SCHERZETTO” – Sempre prendendo in considerazione gli ultimi dieci anni di calcio italiano, è già successo tre volte che la Coppa Italia assegnasse un posto in Europa League a una squadra fuori dalle prime sette classificate della Serie A. Curiosamente è successo già per due volte alla Lazio, che vinse la Coppa 2008/2009 (terminò il campionato al decimo posto ma andò in Europa a danno dell’Udinese sesta a 58 punti) e la Coppa 2012/2013 (terminò il campionato al settimo posto ma andò in Europa a scapito della Roma sesta a 62 punti). Nel 2010/2011, poi, al Palermo bastò la finale di Coppa: allora il regolamento mandava in Europa League la finalista perdente se la vincente si era già qualificata tramite il campionato (era l’Inter). I rosanero, ottavi, estromisero così dall’Europa League la Juventus settima. Tutti questo per affermare un dato inoppugnabile: il campionato fatto dal Torino sino ad oggi è già da Europa e, qualora davvero la squadra di Mazzarri rimanesse a casa pur centrando 66 punti, sarebbe una beffa di proporzioni clamorose.

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. roby.1974 - 5 giorni fa

    Dopo la dannata finale di Amsterdam non mi stupisco più di nessuna sfiga…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 5 giorni fa

    Fonti romane dicono che petrachi porterà a roma sirigu nkulu più gasperini. Spero proprio di no sarebbe grave almeno per i primi due

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 giorni fa

      Se dovesse andare alla Roma, Petrachi, non si porterà nessuno che Cairo non voglia vendere. A questo proposito ha affermato di voler tenere tutti quindi le fonti dicono scemenze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 5 giorni fa

        Se i giocatori se ne vogliono andare li lascerà partire come per maksimovic o ljajic.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 5 giorni fa

          Nessuno dei citati vuole andarsene, alla Roma poi, men che meno. Questo è sicuro

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gatsu7_903 - 6 giorni fa

    verarob_701 guarda che io intendevo dire che la dobbiamo smettere di pensare che le altre squadre ci devono sempre vincere per noi altrimenti ci hanno rubato il campionato o l’Europa.
    Cosa vi gira per la testa, ognuno gioca per la propria squadra mica per fare piacere alle altre……
    In oltre non ho mai detto che il var e gli arbitri non ci hanno mai penalizzato anzi ne sono convinto, ma contro squadre come quelle bisogna almeno pareggiare . e basta.

    Alberto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 6 giorni fa

    Esorto coloro che ci credono dei visionari, non perché “gridiamo al complotto”, ma perché pensiamo a squadre scelte “a tavolino” dai nostrani “plutocrati” per rappresentare l’Italia in Europa, ad andare a leggere l’articolo di Anthony Weatherill.
    Saprà lui, ben meglio di noi, chiarire quali sono gli equilibri ed i “poteri forti” del calcio moderno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bischero - 6 giorni fa

    Siamo la calamita della sfiga cosmica. Oramai dovremmo saperlo. Ma tiriamo dritti per la nostra strada. Riguardo a quello che ha scritto vidision alle 9:48 non credo che i pezzi grossi saranno ceduti. Il bilancio é stato chiuso in passivo ma la cassaforte é ancora bella piena. Con questo non voglio dire che non partirà nessuno ma credo che saranno cessioni secondarie e capibili. Anche perché si deve fare spazio ai nuovi arrivi. Incasseremo 7 o 8 milioni in più cmq rispetto all anno passato e bisogna cmq ricordare che i fatturati di Cairo stanno prendendo il volo. Magari qualche spicciolo é disposto anche a rimetterlo. Vediamo. Cmq ci saranno vari cambiamenti nelle big. Roma Milan Inter Juve Atalanta e forse Lazio cambieranno quadri dirigenziali e allenatori. La continuità potrebbe essere un fattore importante per noi. Magari per scalare 1 o 2 posizioni. Sorridiamo al futuro. Un po’ di ottimismo può solo far bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo - 6 giorni fa

      Sono d’accordo, Bischero. Io ho ancora fiducia che si possa raggiungere l’Europa quest’anno, ma sono più che sicuro lo si possa fare il prossimo anno anche alla luce delle tue riflessioni. Vorrei aggiungere che, bistrattato e criticato, oggi Cairo rappresenta il plus del Torino rispetto a molte , moltissime società che sono state fatte ballare una sola estate, per cadere poi in un tragico anonimato (Palermo, Fiorentina, Genoa, Sampdoria, Parma, etc., etc.) e che anche le milanesi e le romane non se la passano assolutamente bene pure se sempre tirate su per i capelli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. iltorinese - 6 giorni fa

    Ragazzi, questo è il bello del calcio, al di la’ dei vari “se” di recriminazione, che naturalmente verranno fuori a valanga alla fine, diamo atto che un Toro così negli ultimi anni, che mi ricordo, non l’abbiamo mai visto, perciò onore alla squadra e a Cairo l’unico suggerimento che mi sento di dare ai nostri dirigenti, è: ” cerchiamo di mantenere l’organico attuale più compatto possibile, facciamo rientrare i vari prestiti che abbiamo in giro, visioniamoli BENE prima di mandarli nuovamente in giro per l’italia, poi con uno o due ritocchi ( vedi Moretti e centrocampo ) azzeccati, penso che il prossimo anno saremo di nuovo molto competitivi” Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pulster - 6 giorni fa

    politiche di palazzo, sudditanza psicologica etc. etc., a pensar male si fa peccato…..ma molte volte ci si azzecca! giochiamocela fino alla fine!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vidison - 6 giorni fa

    Se non andiamo in Europa prego in ginocchio Cairo di non vendere i più forti, specie sirigu, nkoulu e il gallo e di rinforzare con un paio di innesti giusti la squadra. UN Po’ di orgoglio e di amor proprio ce l’avrà pure il nostro presidente!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. abatta68 - 6 giorni fa

    Secondo me se quest anno si fosse arrivati in finale la si vinceva, è questo il punto. In Europa ci vanno le prime 6 e quella che vince la coppa. Noi al momento non abbiamo fatto ne una cosa ne l’altra. Non vedo quindi dove stia l’ingiustizia. Forse siamo solo noi che ci siamo riempiti la testa con questo settimo posto. Resta il fatto di avere fatto tanti punti e un buon campionato, ovvero quelli che dovrebbero essere i nostri standard. Costruiamo un Toro da 65-70 punti e vedrete che in Europa ci torniamo tutti gli anni, magari vincendo anche la coppa Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Madama_granata - 6 giorni fa

    Le cose che dice “Aina” le ripeto da almeno 6 mesi: le ha espresse crudemente, ma purtroppo credo siano cose reali, non fantasie!
    A inizio campionato, in base al “potere”, all’importanza, e al “peso” politico, economico e sociale delle diverse città italiane, si stabilisce quanto segue:
    – Roma e Milano (le 2 “capitali”): 2 squadre
    – Torino e Napoli (le due “seconde città”): 1 squadra.
    E siamo a 6 (sei) squadre qualificate, destinate a rappresentare l’Italia in Europa.
    La settima entrerà in Europa x meritocrazia. Quest’anno bisogna riconoscere all’Atalanta i suoi meriti.
    E i loro meriti bisogna riconoscerli anche ai signori arbitri, hanno saputo “guidare la sorte” con mano ferma, indirizzandola verso gli obiettivi prefissati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 5 giorni fa

      A me tutto ciò sembra un’insensata sciocchezza, ma il vittimismo ed il complottismo sono merce gradita da queste parti. Supponendo sia vero, come dice lei: perché allora sprecare tempo, soldi, energie in un gioco truccato?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. gatsu7_903 - 6 giorni fa

    ragazzi/e vediamo di farci un bel esame di coscienza, e smettiamola di accusare tutti di truffa ai danni del nostro amato TORO, e pensiamo a tutti quei punti persi con il Parma e il Bologna, bastavano 3 pareggi e eravamo già in Europa .

    Alberto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 6 giorni fa

      ….e bastava vincerle tutte per vincere lo scudetto….continuare a sentire queste sciocchezze incomincia a darmi sui nervi…partite che si sbagliano le hanno tutte…e visto che vogliamo discutere quella con il Bologna, il rigore fischiato a Meitè, secondo me giustamente, era MOLTO meno grave di quello non fischiato a Bastos, e ha cambiato una partita che nel complesso tenevamo abbastanza bene…e la mancata espulsione di Galdiolo, GROSSA COME UNA CASA, poteva cambiare quella con il Parma di cui parli…Io non sono in linea di massima un complottista, ma non sono certo il solo in Italia a pensare che l’utilizzo del VAR presenti delle pecche grosse come una casa, che sentire Rizzoli che parla di sistemi vettoriali per il calcolo delle posizioni esatte delle parti del corpo dei giocatori (cit Domenica sportiva dopo Cagliari Napoli)…e poi dica che Sul mani di D’Ambrosio contro la viola hanno guardato la telecamera sbagliata, o come si sente dire dopo mercoledi, che le immagini non sarebbero arrivate in tempo per intervenire , e che casulamente in 2 giorni Lotito abbia la fortuna che la Lazio vinca la coppa e rientri in una Europa che aveva perso, a questo punto meritatamente secondo il tuo ragionamento , con la sconfitta, in casa, contro il Chievo gia straretrocesso, e che la Salernitana non rischi più la retrocessione, per l’nnico giudizio in qualsiasi aula di tribunale in Italia nella storia , emesso in 24 ore…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rogozin - 5 giorni fa

        In realtà basta accettare i fatti per come si sono svolti oppure accettare che si sta perdendo il proprio tempo per una farsa. Nel secondo caso, in assenza di un’azione concerta ( le chiacchiere non lo sono ) di ribellione, si è in presenza di perditempo. Parlando di Cairo, lo
        ammiro per come amministra la società, ma le sue prese di posizione recenti sono motivate da pragmatismo: le regole del gioco, per come sono adesso ossia truccate, sono accettabili e consentono profitti; con la super lega i profitti svanirebbero. Credevate forse che fosse diventato un paladino dei deboli o dei tifosi del Toro? Ingenui e idealisti: lui è un imprenditore e bravo, per queste qualità va valutato ed apprezzato. Voi pagate il biglietto e casomai leggete gli articoli di Weatherill.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Toscotoro - 6 giorni fa

    La cosa più sconcertante è che non se ne parla del rigore negato e nessuno chieda o pretenda spiegazione dagli arbitri, questo fa pensare veramente male, perché l’Atalanta non chiede a gran forza dei chiarimenti? È roba da Tribunale Sportivo cazzo e nessuno sta dicendo niente, tutto messo a tacere, quanto marcio!!! Cmq a 66 ce la facciamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Temitayo Olufisayo Olaoluwa Aina - 6 giorni fa

    la coppa Italia è stata rubata dalla Lazio, con l’episodio del rigore negato all’Atalanta e conseguente mancata espulsione di Bastos. Ho smesso da tempo di credere che sia tutto pulito, che non ci siano interferenze sporche x favorire le squadre importanti. Ci prendono per il culo e basta. Il Toro da fastidio alla casta. Anche l’Atalanta, ma non hanno potuto fare molto perché sul campo ha vinto tanto dimostrando di essere forse la squadra migliore di tutte, almeno da alcuni mesi ad oggi, x cui le hanno impedito di vincere la coppa, cosa che contemporaneamente ostacola il Toro nei confronti delle altre presunte “grandi” Milan e Roma. X quanto mi riguarda, credo proprio sia tutto falsato, è uno schifo totale. Comunque sempre forza Toro, la squadra quest’anno ci ha dato delle belle soddisfazioni e, per me, meriterebbe l’Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Tifoso della Maglia - 6 giorni fa

    Io invece sono sicuro che a 66 punti si va in Europa….vediamo se la Roma vince con il Sassuolo la prossima…..ma sarà molto difficile anche x noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy