Bruxelles, l’ex Toro Walem: “Vivo per un soffio”

Bruxelles, l’ex Toro Walem: “Vivo per un soffio”

L’attuale tecnico del Kortrijk: “Sono passato di lì alle 7, poco prima dello scoppio. Sembrava tutto tranquillo”

Johan Walem, centrocampista belga con un passato in granata nella stagione 2003-2004, è vivo per miracolo. Lo dice proprio lui, mentre è ancora sotto choc: “Sono passato di lì alle 7, poco prima dello scoppio. Sembrava tutto tranquillo”.

L’ex calciatore, tra le altre, di Udinese e Parma e attuale allenatore del Kortrijk, è riuscito a salire in tempo sull’ultimo aereo, partito poco prima dell’attentato all’aeroporto di Bruxelles.

Sarebbe bastato il classico ritardo, tipico nei grandi aeroporti, e ora probabilmente non sarei qui a parlare – apre così sulle colonne di metronews.it – Appresa la notizia ho avuto un capogiro, non mi sono sentito affatto bene. Poi ho visto le immagini che scorrevano ovunque e sono stato ancora peggio. Ci hanno rimesso la vita degli innocenti e anche dei bambini. Assurdo”.

Walem, alla richiesta riguardo un possibile rimedio a tale situazione, invita al dialogo: “La mediazione in tale senso per me è fondamentale. Certo, davanti a tanta follia diventa difficile e forse non possibilità di rimedio. Sono azioni barbare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy