Cairo-La7: è fatta!

Cairo-La7: è fatta!

E’ fatta, Urbaino Cairo ha acquistato La7. Da Milano la notizia ufficiale. Dopo il twitter di Gad Lerner in mattinata è da poco arrivata la conferma. ”La 7? Ho preso una bella patata bollente” ha dichiarato il presidente granata ai microfoni di Radio 24. A brevissimo seguiranno i dettagli sulla trattativa.

 

E’ fatta, Urbaino Cairo ha acquistato La7. Da Milano la notizia ufficiale. Dopo il twitter di Gad Lerner in mattinata è da poco arrivata la conferma. ”La 7? Ho preso una bella patata bollente” ha dichiarato il presidente granata ai microfoni di Radio 24. A brevissimo seguiranno i dettagli sulla trattativa.

 

UNA SETTIMANA DECISIVA – I dirigenti dell’emittente televisiva alla fine hanno scelto di cedere il pacchetto al presidente del Toro. Ponendo fine così ad un processo partito lo scorso dicembre. Come vi avevamo anticipato su queste colonne, la trattativa aveva subito un rallentamento a causa delle elezioni. Ora, invece, tutto si è sbloccato e si attende solo l’annuncio ufficiale.

 

IL RUOLO DEL PROSSIMO GOVERNO – TiMedia vorrebbe vedersi riconoscere dal governo i 350 milioni di euro investiti dalla società nelle frequenze e nell’infrastruttura delle piattaforme digitali per il fatto che i multiplex hanno più valore rispetto a quello riconosciuto dal mercato. Ma questo accadrà soltanto se un giorno i multiplex digitali dovessero essere espropriati per mettere all’asta le frequenze.

 

I DETTAGLI – Telecom dovrebbe ad ogni modo farsi carico delle perdite registrate fino alla stipula del contratto, dimezzare l’affitto dei multiplex digitali, dotare la società di 95 milioni di euro di cassa, farsi carico di circa un quinto dei 553 dipendenti del canale televisivo e aumentare i contratti pubblicitari con la Cairo Communication, concessionaria della pubblicità.

 

Solo il tempo ci dirà se il patron del Toro abbia o meno fatto un affare. E solo il tempo ci dirà quanto tutto questo potrà giovare o meno ai granata. Di certo, con un presidente sempre più impegnato, dobbiamo aspettarci l’arrivo di una nuova figura nell’organigramma di via Arcivescovado.

 
Redazione TN
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy