Calciopoli: chiesti 5 anni per Moggi

Calciopoli: chiesti 5 anni per Moggi

Anche il processo Calciopoli sembra giunto, dopo oltre cinque anni dalla scoperto dello scandalo che veleggiava attorno alle vittorie della Juventus,  al suo epilogo: i pubblici ministeri Stefano Capuano e Giuseppe Narducci del tribunale di Napoli hanno chiesto proprio cinque anni e otto mesi di reclusione per colui che è stato individuato come l’artefice del sistema, Luciano Moggi.

Cinque anni sono stati chiesti anche per Paolo…

Anche il processo Calciopoli sembra giunto, dopo oltre cinque anni dalla scoperto dello scandalo che veleggiava attorno alle vittorie della Juventus,  al suo epilogo: i pubblici ministeri Stefano Capuano e Giuseppe Narducci del tribunale di Napoli hanno chiesto proprio cinque anni e otto mesi di reclusione per colui che è stato individuato come l’artefice del sistema, Luciano Moggi.

Cinque anni sono stati chiesti anche per Paolo Bergamo, designatore arbitrale dell’epoca, quattro anni e sei mesi per Pierluigi Pairetto e tre per l’allora arbitro Massimo De Santis. Mano pesante anche per i dirigenti delle varie squadra coinvolte: sponda viola, due anni a Diego ed uno e dieci mesi ad Andrea Della Valle, sponda Messina tre anni e otto mesi all’ex diesse Mariano Fabiani, sponda Reggina due anni per il presidente Lillo Foti ed infine tra Lazio e Milan un anno e dieci mesi ed uno e sei rispettivamente per Claudio Lotito e Leonardo Meani.

Sorte analoga spetterebbe anche ai fischietti: per Salvatore Racalbuto chiesti due anni e due mesi, un anno per  Rodomonti, due e quattro mesi per Paolo Bertini ed uno e otto per Dattilo. Quattro anni, invece, a Innocenzo Mazzini, direttore della Figc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy